NEWS

Informazioni, aggiornamenti e notizie dalla nostra redazione

Aziende che hanno dichiarato bancarotta a causa del COVID-19

Aziende che hanno dichiarato bancarotta a causa del COVID-19

Nessuna azienda è stata immune agli impatti economici provocati dalla pandemia COVID-19. Negli ultimi mesi, molte aziende, dai negozi fino ad arrivare ad aziende di grandi dimensioni e noti brand, sono stati costretti a licenziare dipendenti, chiudere sedi e intraprendere azioni drastiche per rimanere solvibili e restare in piedi. E sebbene siano disponibili sovvenzioni e altre opzioni di soccorso per aiutare le imprese, una delle strade più praticabili verso la ripresa è dichiarare bancarotta.

Il fallimento è tutt'altro che una condanna a morte per la maggior parte delle aziende. Quando le aziende dichiarano bancarotta, negoziano con i creditori per ristrutturare i termini dei debiti piuttosto che gettare completamente la spugna. Alcune delle più grandi compagnie a livello mondiale, come GM, Delta Airlines e American Airlines hanno dichiarato bancarotta negli ultimi due decenni e sono tornate alla redditività.

Tuttavia, la pandemia COVID-19 ha devastato le grandi imprese, causando un aumento significativo delle richieste di risarcimento. Secondo Epiq, 3.600 aziende hanno dichiarato fallimento nella prima metà del 2020, un numero che riflette un aumento del 26% anno su anno. [1]

Sebbene il fallimento non significhi necessariamente la fine, significa cambiamenti a venire, che si tratti di chiudere negozi, tagliare offerte, licenziare dipendenti o una varietà di altre misure di riduzione dei costi. Detto questo, ecco un elenco delle principali aziende che hanno presentato istanza di fallimento a causa di COVID-19.

Azienda dichiarata bancarotta nel 2020


Ann Taylor and Lane Bryant

Dopo il lancio come Dressbarn nel 1962, Ann Taylor e Lane Bryant si sono evolute in Ascena Retail Group nel 2011 con oltre 2.800 negozi, inclusi marchi come Loft, Lou & Grey and Catherines. Ora hanno dichiarato bancarotta e rilasciato piani per chiudere più della metà dei loro negozi.

Brooks Brothers

Anche se l'iconica azienda di abbigliamento di lusso non chiuderà definitivamente, subirà una ristrutturazione significativa dopo la dichiarazione di fallimento presentata a giugno. Stavano già lottando mentre la filosofia aziendale si spostava verso un abbigliamento più casual e ora, con molti dipendenti che lavorano da casa, stanno chiudendo tre fabbriche statunitensi.

Century 21

Dopo aver affermato in un comunicato che i loro fornitori di assicurazioni non sono riusciti a pagare circa 175 milioni di dollari per "polizze messe in atto per proteggersi dalle perdite derivanti da interruzioni dell'attività come quella subita come risultato diretto della pandemia COVID-19", il 10 settembre i negozi Century 21 hanno annunciato di essere stai costretti a dichiarare fallimento e di chiudere tutte le 13 sedi americane.

Pizza Hut

L'Istanza di fallimento è stata presentata anche dal gigante americano Pizza Hut, con la catena di ristoranti Wendy’s. Con la crisi legata al Covid-19 avrebbe creato un debito di quasi un miliardo di dollari, di cui 900 milioni solo di Pizza Hut. Solo il subentro di nuovi finanziatori potrebbe evitare la chiusura definitiva della catena.

Cirque du Soleil

Il gruppo acrobatico e di intrattenimento canadese di fama mondiale non è stato in grado di esibirsi durante la pandemia, con conseguenti perdite finanziarie significative. Le cancellazioni e le chiusure legate alla pandemia hanno costretto i licenziamenti di quasi 3.500 dipendenti ad oggi nessuno può stabilire quando riprenderanno le esibizioni dal vivo.

CMX Cinemas

CMX Cinemas è una nota catena messicana. Una sussidiaria di Cinemex Holdings, CMX era in procinto di acquisire Star Cinema Grill quando la pandemia da coronavirus ha costretto le sale a chiudere in tutto il paese.

Dean & Deluca

Una delle prime aziende a dichiarare bancarotta, forse non sorprende, è stata un rivenditore di generi alimentari. Con i ristoranti chiusi, il rivenditore di cibi gourmet con sede a New York Dean & Deluca è stato significativamente influenzato dalla chiusura di ristoranti in tutto il paese.

Diamond Offshore e Whiting Petroleum

In condizioni di blocco, le persone in tutto il mondo hanno utilizzato una quantità notevolmente inferiore di petrolio, spingendo alla fine i prezzi del petrolio sotto lo zero per la prima volta nella storia americana. Queste due compagnie petrolifere furono particolarmente colpite dalla conseguente guerra dei prezzi del petrolio tra Arabia Saudita e Russia.

FoodFirst

La società madre delle catene di ristoranti Bravo! Cucina Italiana e Brio Tuscan Grille è diventata una delle prime grandi aziende di filiera alimentare a dichiarare fallimento il 10 aprile.

GNC

Il gigante della vendita al dettaglio di vitamine ha chiuso temporaneamente il 30% dei propri negozi negli Stati Uniti e in Canada durante la pandemia e ha lottato per riprendersi. Chiuderanno 1.200 negozi, circa il 20% della loro presenza globale di negozi fisici, nel corso dell'anno.

Gold's Gym

Gold's Gym possiede e gestisce più di 700 palestre in tutto il mondo ed è uno dei marchi più riconoscibili del settore. Poiché la pandemia ha costretto le palestre a chiudere, Gold's gym è stata una delle tante catene a offrire rimborsi per l'iscrizione, il che ha ridotto i profitti dell'azienda. Hanno dichiarato fallimento il 4 maggio.

Hertz

Hertz è uno dei servizi di autonoleggio più grandi e conosciuti al mondo. Possiede anche i marchi di noleggio Dollar e Thrifty. Dopo la dichiarazione di fallimento, la Hertz Corporation ha cambiato amministratore delegato per la quarta volta in sei anni.

J. Crew

Uno dei marchi di abbigliamento più riconoscibili al mondo, J. Crew ha dichiarato bancarotta il 4 maggio e ha pianificato di chiudere alcuni negozi ad agosto. Tuttavia, i suoi negozi rimanenti e quelli di Madewell (che possiede anche J. Crew) rimarranno in gran parte operativi.

JCPenney

JCPenney è stato uno dei primi grandi magazzini americani e, come la maggior parte delle catene di grandi magazzini, ha dovuto affrontare problemi finanziari per diversi anni. Poiché la pandemia ha spinto più acquirenti verso l'online e verso una moda più economica, JCPenney ha dichiarato bancarotta e chiuderà i negozi.

Lord e Taylor

Un altro grande magazzino è entrato a far parte della lista dei casi di fallimento ad agosto. Quasi 200 anni dopo la sua fondazione, il più antico grande magazzino d'America ha resistito a molte tempeste, solo per prendere uno dei colpi più significativi dalla pandemia di coronavirus.

Lucky Brand

L'azienda denim chiuderà 13 dei suoi 200 negozi a causa dell'impatto della pandemia da coronavirus sulle vendite attraverso i negozi fisici e canali digitali. Il Gruppo SPARC, che possiede Nautica e Aéropostale, intende acquistare Lucky Brand.

Neiman Marcus

Neiman Marcus è un grande magazzino di lusso centenario che affronta le stesse sfide di molti negozi simili. Sears, Filene's, Macy's, Nordstrom, il già citato JCPenney e Lord & Taylor hanno tutti lottato per adattarsi all'era digitale. Dopo aver dichiarato bancarotta durante COVID-19, Neiman Marcus potrebbe trovarsi in guai seri.

Rubie’s Costume Company

Rubie's afferma di essere il più grande designer e produttore al mondo di costumi di Halloween. Mentre Halloween è lontano, le feste in costume di solito si svolgono tutto l'anno, a meno che non si verifichi una pandemia globale. Rubie ha dichiarato bancarotta il 30 aprile.

Stage Stores

Stage Stores possiede e gestisce Bealls, Goody's, Palais Royal, Peebles, Gordman's e Stage Parent, un conglomerato che conta più di 800 negozi in comunità più piccole e più rurali. Vendono una varietà di beni, come abbigliamento, cosmetici e articoli per la casa, ma hanno lottato con chiusure forzate a causa della pandemia.

Zara

Con la notizia della chiusura di 1200 negozi tra Europa e Asia, anche la famosa catena di negozi d'abbigliamento spagnola Zara ha accusato il colpo e dimostrato di essere stata fortemente colpita dalle conseguenze dalla pandemia, L'azienda ha fatto sapere di puntare la nuova strategia di crescita sulle vendite online.

Levis Strauss & co.

Il crollo delle vendite provocato dalla diffusione del Coronavirus non ha risparmiato nemmeno il famoso marchio di jeans Levi’s che sta tagliando 700 dipendenti, pari al 15% della forza lavoro totale dell'impresa. La chiusura temporanea dei suoi store ha fatto registrare una riduzione del 62% del fatturato netto e una perdita netta di 364 milioni di dollari.

Dentix

La Dentix ha chiuso all'incirca 60 laboratori in 12 regioni italiane dei suoi 350 centri per la cura dentale in Europa. Il 1 luglio Dentix Italia ha chiesto il concordato preventivo in continuità per poter predisporre l'apertura dell'attività.

H&M

Chiusi circa 3.500 degli oltre 5.000 negozi di H&M. Nel primo trimestre del 2020 la catena di abbigliamento svedese ha registrato un calo delle vendite globali del 23%, mentre nei successivi tre mesi, i più colpiti dalla pandemia, il crollo è arrivato al 50%. Come successo per il noto marchio spagnolo Zara, anche la catena H&M è cresciuta nelle vendite online con un aumento di circa il 40%

Parah

Durante l'epidemia causata dal coronavirus è stato anche il brand di costumi Made in Italy Parah. Il marchio e i negozi, però, restano attivi perché la società è stata acquistata dalla Parahsol con sede a Latina.

Considerazioni finali

Le aziende continuano a sentire gli effetti della pandemia COVID-19, in tutti i settori e nei modelli di business. Oltre a questo elenco ci sono innumerevoli piccole imprese che hanno dovuto chiudere i battenti, temporaneamente o definitivamente.

Mentre all'inizio della pandemia c'erano stati degli aiuti finanziati dal governo, per la maggior parte degli imprenditori non è stato sufficiente.