NEWS

Informazioni, aggiornamenti e notizie dalla nostra redazione

Come avviare un'azienda: la tua guida completa in 8 passaggi per l'avvio di un'impresa

Come avviare un'azienda: la tua guida completa in 8 passaggi per l'avvio di un'impresa

Come avviare un'attività in 8 passaggi

  • Passaggio 1: ricerca e trova un'idea imprenditoriale 
  • Passaggio 2: scrivi un business plan
  • Passaggio 3: scegli la forma giuridica della tua azienda
  • Passaggio 4: registra la tua attività
  • Passaggio 5: richiedi licenze e permessi
  • Passaggio 6: forma la tua squadra
  • Passaggio 7: scopri come gestire le tue finanze
  • Passaggio 8: inizia a gestire e promuovere la tua attività

Avviare un'impresa può essere un grande passo verso l'ignoto, ma solo considerando questa opzione, hai fatto il primo passo cruciale. Dopotutto, come qualcuno che non l'ha mai fatto prima, probabilmente ti senti un po pensieroso e forse sopraffatto, ma non lasciare che questi sentimenti ti fermino. Certamente, essere un imprenditore non è facile e comporta una buona dose di rischi. E se ti stai chiedendo: “come si diventa imprenditori,”, probabilmente hai sentito le statistiche riguardo il fallimento rispetto alla possibilità di rilevare un'impresa già avviata che ti mette al completo riparo in quanto si conosce lo storico e sai come agire per farla crescere ulteriormente.

Ma se sei una di quelle persone coraggiose disposte a cogliere l'occasione, ci saranno ricompense sostanziali da ottenere immergendosi in questo mondo e compiendo questo sforzo. Diventerai il capo di te stesso, creerai potenzialmente nuovi posti di lavoro.

Detto questo, sapere che vuoi avviare un'impresa non significa necessariamente che sai come avviare un'azienda e trasformare i tuoi sogni in realtà.

Nella nostra guida "come avviare un'impresa", pertanto, analizzeremo 8 passaggi essenziali che puoi intraprendere per avviare la tua attività, coprendo tutto ciò che devi sapere per avviare un'impresa redditizia e di successo che i clienti apprezzeranno.

Iniziamo.

Passaggio 1: ricerca e trova l'idea imprenditoriale perfetta

Quando pensi per la prima volta a come avviare un'attività, probabilmente cadrai in una di due categorie. Innanzitutto, potresti essere un imprenditore esitante: ti sei imbattuto in un'idea imprenditoriale straordinaria, ma non sei sicuro del processo di avvio di una nuova attività. Se questo è il caso, puoi passare direttamente alla sezione ricerche di mercato, se pensi di avere un eccellente idea imprenditoriale, è necessario fare adeguate ricerche di mercato per assicurarsi che il proprio target di riferimento abbia la necessità dei tuoi prodotti o servizi.

D'altra parte, potresti avere uno spirito ambizioso, indipendente, avventuroso di un imprenditore. In questo caso, potresti avere il desiderio di evadere dal tuo lavoro quotidiano, ma non hai idea di quale tipo di impresa avviare. Le aziende esistono in molte variabili e, pertanto, è importante pensare fuori dagli schemi.

In questo modo, quando stai cercando di determinare come avviare un'attività, il primo passo che vorrai fare è decidere l'idea imprenditoriale perfetta.

Per trovare la giusta idea di business, puoi farti alcune domande, come:

  • Quali competenze hai? Capire come avviare un'impresa è una curva di apprendimento abbastanza ripida senza dover acquisire competenze per un nuovo mestiere. La tua risposta a questa domanda, quindi, potrebbe comportare un hobby o una passione, le competenze di un lavoro precedente, la tua formazione scolastica o un talento naturale particolare. È possibile che la tua azienda combini le conoscenze di più aree e tu e tutti i partner commerciali portate sul tavolo un set di competenze complementari.
  • Quali risorse sono a tua disposizione? L'avvio di un'impresa richiederà probabilmente un investimento significativo in risorse per avere successo. Determinando ciò che hai già a disposizione, puoi trovare un'opportunità commerciale con spese minime e massima redditività.
  • Quale bisogno potresti soddisfare? Mentre ti guardi intorno nel tuo piccolo angolo dell'universo, quale prodotto, servizio potrebbe mancare? Quali esigenze dei consumatori o delle imprese sono ancora da soddisfare? Molte delle idee di business di maggior successo derivano dall'identificazione di un problema e dall'invenzione della soluzione.
  • Riesci a entrare in un settore con operatori già esistenti facendo qualcosa di meglio o diverso da loro? Non devi sempre essere il punto di riferimento fin da subito in un determinato settore.

Metti alla prova la tua idea con un'adeguata ricerca di mercato

Dopo aver sviluppato quella che sembra una forte idea imprenditoriale, ti consigliamo di fare alcune ricerche di mercato e vedere cosa pensano i veri clienti. Gran parte della fase di ricerca di mercato prevede l'ottenimento di informazioni su chi sono i tuoi clienti, cosa vogliono o di cosa hanno bisogno. Puoi utilizzare una combinazione di focus group (gruppo di discussione), sondaggi online e campagne telefoniche per valutare i tuoi acquirenti. Puoi anche pubblicare annunci o contenuti online e vedere che livello di coinvolgimento ottengono.

Oltre a parlare direttamente con i clienti, è anche fondamentale comprendere le tendenze del settore, i dati economici e le statistiche di mercato e come tutte queste informazioni potrebbero influire sulla tua idea di business. Tutti i risultati della tua ricerca di mercato saranno una parte cruciale del tuo business plan.

Passaggio 2: scrivere un piano aziendale

Con il primo passo nella nostra guida “come avviare un'attività”, puoi passare al secondo passaggio: scrivere un business plan. Indipendentemente dall'idea imprenditoriale che decidi di perseguire, un buon business plan è essenziale per avviare con successo un'impresa.

Anche se potresti voler saltare questa idea e iniziare subito, prendersi il tempo per sedersi e scrivere un business plan è uno dei passi più intelligenti e importanti che compierai per avviare la tua attività. In effetti, gli studi hanno dimostrato che le aziende con piani precisi e pensati crescono del 30% più velocemente rispetto alle aziende senza piani.

Certamente, l'idea di scrivere un business plan complesso e dettagliato potrebbe sembrare stancante e faticoso, ma per fortuna, ci sono diversi modi in cui puoi scrivere il tuo business plan e puoi completare il processo suddividendolo in pochi passaggi.

Inoltre, nell'attuale contesto economico, un business plan tradizionale dovrebbe essere solo di 30-50 pagine e può essere ancora più breve se si sta scrivendo un piano aziendale di "startup". Alla fine della giornata, i migliori business plan sono abbastanza sostanziali da trasmettere informazioni essenziali che un creditore, un investitore o un potenziale partner commerciale vorrebbero conoscere.

Fondamentalmente, scrivere un business plan significa pensare e rispondere a domande difficili sulla tua impresa, domande che, se considerate, ti costringeranno a contemplare lo scopo della tua attività, il mercato che servi e le sfide che potresti non aver pensato altrimenti. Se eseguito correttamente, il processo di stesura del business plan ti porterà a perfezionare la tua idea iniziale in qualcosa di molto più resistente e chiaro, che promette il futuro successo.

Detto questo, queste sono le 10 domande principali a cui dovrai rispondere mentre procedi nel processo di creazione del tuo business plan:

1. Cosa fa la tua impresa?: Una volta che hai un'idea imprenditoriale, ti consigliamo di dedicare un momento a scrivere, nei termini più semplici, quale prodotto o servizio offre la tua attività.

2. A chi si rivolge la tua impresa?: Questo è chiamato il tuo mercato di riferimento, il gruppo di persone che la tua attività è destinata a servire. Più specificamente potrai rispondere a questa domanda, meglio sarai in grado di creare prodotti, servizi e campagne di marketing che soddisfino le esigenze del tuo pubblico di riferimento.

3. Chi sono i tuoi concorrenti?: Quando avvii la tua attività, è estremamente importante ricercare e scoprire chi sono i tuoi principali concorrenti e come le loro attività sono simili e diverse dalle tue. Questa ricerca ti salverà dalla generazione di un modello di business che rispecchia in modo simile un'alternativa già consolidata.

4. Qual è il valore della tua proposta? In altre parole, qual è il tuo prodotto o servizio che spingerà i tuoi clienti a scegliere te rispetto ai tuoi concorrenti?

5. Come ti troveranno i tuoi clienti?: La tua risposta a questa domanda costituirà la base della strategia di marketing della tua azienda. Potresti pensare alla pubblicità a pagamento, ai social media, alla tua presenza online e al semplice passaparola.

6. Di quali risorse avrai bisogno?: Ti consigliamo di considerare quali risorse ti occorreranno per creare il tuo prodotto o fornire il tuo servizio, tra cui attrezzature, uffici, dipendenti e altro ancora. Detto questo, ti consigliamo di prenderti il tempo per elencare tutte le spese una tantum e ricorrenti che probabilmente dovrai sostenere come parte del costo di avvio della tua attività.

7. In che modo la tua piccola impresa farà soldi?: Per rispondere a questa domanda, vorrai creare un modello di business, che determinerà come la tua azienda genererà entrate, coprirà le spese e, alla fine, farà più soldi di quanto spenda.

8. Quanto tempo ci vorrà per realizzare un profitto? Per determinare quanto tempo ci vorrà per recuperare il tuo investimento iniziale, cioè il pareggio rispetto all'investimento per gestire un'attività redditizia, puoi creare una previsione delle entrate. Le proiezioni finanziarie ti aiuteranno a stimare le entrate e i profitti che la tua azienda realizzerà da tre a cinque anni in futuro.

9. Quali valori non comprometterai mai?: Mettendo i valori fondamentali della tua azienda sulla carta fin dall'inizio, sarà più facile fare le giuste scelte di assunzione, nonché decidere quale direzione prendere quando ti troverai davanti a un bivio.

10. Qual è il tuo obiettivo?: Ti consigliamo di considerare dove vuoi arrivare e quando, poiché questi piani informeranno molte delle tue decisioni aziendali lungo il percorso. Pertanto, mentre scrivi il tuo business plan, prenditi il tempo necessario per delineare i tuoi obiettivi a lungo termine, così come i passi che pensi di prendere per arrivarci.

Passaggio 3: scegli la forma giuridica della tua azienda

Ora che hai completato parte della pianificazione generale, è tempo di passare ad alcuni dei dettagli più fini coinvolti nell'avvio di un'impresa. Uno dei punti da notare su come avviare un'azienda è che avrai più scartoffie e requisiti legali da controllare, sopratutto agli inizi rispetto a qualsiasi altro momento della tua attività. Detto questo, tuttavia, impiegare del tempo fin dall'inizio per stabilire adeguatamente la tua nuova attività ti farà risparmiare tempo e fatica.

Pertanto, la prima di queste attività "ufficiali" nel tuo nuovo elenco di commissioni da fare è decidere che forma giuridica avrà la tua attività. La struttura scelta influirà sul modo in cui vengono calcolate le imposte sulle imprese, i ruoli dei diversi membri del team e sulla responsabilità della società e dei titolari.

Ecco un breve riassunto delle varie strutture di business tra cui puoi scegliere:

Ditta individuale

Questa è la forma più basilare di struttura aziendale, nella quale sei il solo proprietario dell'azienda e rispondi di qualsiasi responsabilità ad essa associata. Se hai intenzione di gestire un'attività di servizi e non intendi acquisire beni immobili o assumere dipendenti, una ditta individuale potrebbe essere la struttura perfetta per te.

Società in accomandita semplice o società in nome collettivo

Questa struttura definisce un'unica impresa in cui due o più persone sono proprietari. È possibile scegliere tra diverse strutture societarie, tra cui società in accomandita semplice s.a.s e una società in nome collettivo S.n.c. La maggior parte degli avvocati non raccomanderanno le società di persone come forma giuridica, poiché, come le ditte individuali, non offrono molta protezione dei titolari o soci dalle responsabilità societarie.

Società a responsabilità limitata (SRL)

Le SRL offrono protezioni a responsabilità limitata in base al proprio capitale sociale.I soci rispondono per le obbligazioni assunte dalla società nei limiti delle azioni o quote sottoscritte; in caso di insolvenza della società i creditori non possono rivalersi sul patrimonio personale dei singoli soci.

Società per azioni (S.p.A.)

Una società per azioni è una struttura aziendale più complessa, di solito riservata alle grandi aziende. Se ti aspetti che il tuo business arriverà ad assumere un gran numero di personale, potrebbe valere la pena creare una società per azioni. Una S.p.A. è anche la migliore struttura per raccogliere fondi dagli investitori.

In definitiva, la scelta di una struttura per la tua attività è un'area in il consiglio più intelligente è quello di consultare un commercialista o un avvocato per una consulenza individuale. È una decisione importante che avrà un impatto a lungo termine sul modo in cui farai affari, quindi ti consigliamo di fare le tue ricerche e assicurarti di comprendere appieno le implicazioni di qualunque struttura tu scelga.

Passaggio 4: Iscrizione al registro imprese

Dopo aver deciso la forma giuridica della tua azienda, il prossimo passo per discutere nella nostra guida "come avviare un'impresa" è l'iscrizione al registro delle imprese. Come accennato in precedenza, prendersi cura di questi obblighi legali fin dall'inizio ti salverà da una maggiore seccatura nel proseguo della tua pianificazione.

Passaggio 5: richiedere licenze e permessi

Una volta che hai iscritto la tua attività al registro delle imprese e aver stabilito il nome della tua attività, ci sono alcune procedure aggiuntive da completare per garantire che la tua attività sia conforme ai requisiti legali.

Ottieni una licenza commerciale

Molte nuove imprese hanno la necessità di ottenere una licenza o un'autorizzazione commerciale prima di poter iniziare a operare.

Alcune attività altamente regolamentate, come i centri di assistenza all'infanzia e le attività di ristorazione, devono richiedere tipi speciali di licenze o permessi. Pertanto, ti consigliamo di verificare le normative del tuo settore e comune per assicurarti di ottenere tutte le licenze o autorizzazioni necessarie per avviare la tua attività rispettando tutte le normative.

Richiedi eventuali marchi o brevetti necessari

Anche se questo potrebbe non essere indispensabile a tutti coloro che avviano un'impresa, vale comunque la pena considerare se è necessario registrare un marchio o un brevetto. La tua azienda ruota attorno a una nuova invenzione o fa molto affidamento su un marchio particolare? In tal caso, potresti voler registrare un marchio o un file per un brevetto per proteggere la tua proprietà intellettuale.

Passaggio 6: formare la tua squadra

Quando stai avviando un'impresa, dovresti ricordare che un'organizzazione è davvero efficace solo quanto i suoi dipendenti. Pertanto, il prossimo passo che dovrai intraprendere per avviare la tua impresa è pianificare il tuo team e iniziare a assumere il personale di cui hai bisogno.

Quando hai appena iniziato, sarà molto chiaro chi può aiutare a portare l'azienda al livello successivo e chi non sta facendo la sua parte, il che significa che le tue decisioni di assunzione saranno ancora più importanti. Detto questo, tuttavia, non è necessario assumere un'intera squadra di dipendenti a tempo pieno.

Il tuo team potrebbe essere costituito da liberi professionisti, collaboratori esterni e consulenti . Inoltre, qualsiasi persona motivata o collaboratori che svolgerà la missione della tua azienda fa parte del tuo team principale, compresi il tuo commercialista, avvocato, investitori e tutor aziendali.

Quando inizi a formare il tuo team, se decidi di assumere collaboratori o consulenti, ti consigliamo di dedicare molto tempo alla creazione di descrizioni delle mansioni e al colloquio con i candidati. In una startup, le descrizioni dei posti di lavoro è incerta, quindi ti consigliamo di utilizzare le interviste per avere un'idea delle attitudini delle persone e del loro livello di capacità di adattamento. Se una persona ha una comprovata capacità per ottenere risultati, è più probabile che si adattino perfettamente alle richieste dell'azienda.

All'inizio, la maggior parte degli imprenditori non ha il budget per un team di risorse umane su vasta scala. Se possibile, assumere presto anche una figura delle risorse umane può farti risparmiare tempo in selezioni e colloqui. Dal momento che l'assunzione è un'area con regolamenti estesi, ti consigliamo di avere un processo di assunzione equo e aperto a tutti i candidati qualificati.

Se non è possibile assumere internamente il personale delle risorse umane, prendere in considerazione la possibilità di lavorare con un'organizzazione professionale come un'agenzia interinale. Possono aiutarti con assunzioni e altre attività relative alle risorse umane.

Passaggio 7: scopri come gestire le tue finanze

Una volta completati tutti questi passaggi, il passaggio successivo nella nostra guida "come avviare un'attività" riguarda anche le finanze della tua impresa. Anche dopo aver aperto il tuo conto bancario aziendale, ci sono ancora alcuni processi importanti che dovrai imparare per gestire correttamente le tue finanze.

Sebbene la finanza aziendale, nel complesso, possa sembrare faticosa, ci sono alcuni concetti finanziari fondamentali che dovresti capire, anche se assumerai un commercialista o un professionista fiscale, ma questi non sono così complicati come possono sembrare.

Ecco una guida per principianti a ciò che devi sapere sulla gestione delle finanze quando avvii un'impresa:

Impostare i documenti contabili di base

Una delle parti essenziali della gestione delle tue finanze sarà la tua contabilità aziendale, il che significa un sacco di scartoffie. Avrai bisogno di documenti contabili per il calcolo delle imposte, richiedere finanziamenti aziendali e tracciabilità interna di entrate, spese e redditività.

Come minimo, ogni proprietario di un'impresa dovrebbe mantenere regolarmente aggiornati questi tre rendiconti finanziari di base: uno stato patrimoniale, un conto economico e un rendiconto finanziario.

Passaggio 8: inizia a gestire e promuovere la tua attività

Mentre raggiungiamo il nostro ultimo passo, abbiamo coperto tutti gli elementi essenziali che devi sapere su come avviare un'attività. Dopo aver completato tutti questi compiti e processi, sei pronto per avviare la tua attività.

A questo punto, le attività che dovrai ancora completare saranno in gran parte specifiche per la tua operazione, ma avrai già completato i requisiti legali, la pianificazione finanziaria, il team building e gran parte della pianificazione necessaria per avviare ufficialmente la tua attività commerciale.

Pertanto, mentre stai ultimando i lavori per "aprire ufficialmente", dovrai essere sicuro di seguire il tuo business plan, tenere d'occhio i tuoi dati finanziari, utilizzare il tuo team e, naturalmente, mantenere un atteggiamento positivo in caso di sfide vieni a modo tuo.

Una volta che inizierai a gestire ufficialmente la tua attività, promuoverla correttamente sarà una priorità assoluta. Ti consigliamo di decidere i canali che utilizzerai per promuovere la tua attività e i metodi specifici che seguirai per guidare i clienti verso la tua attività.

Man mano che avanzi, potresti iniziare con alcune tattiche di marketing particolari e modificarle in base alle risposte che ricevi da questi. Una volta individuati i metodi promozionali che funzionano per te, puoi continuare a gestire le tue operazioni quotidiane e finalmente pensare alla crescita e a ciò che il futuro potrebbe riservare per la tua impresa.

Considerazioni finali

La verità è che capire come avviare un'impresa non è un compito facile. Abbiamo fatto del nostro meglio per spiegare le sfumature che sono coinvolte nell'avvio e nella crescita di successo di un'impresa forte e sana, ma alla fine, essere un imprenditore non è per deboli di cuore: possedere la propria attività è un avventura senza fine, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Pertanto, mentre attraversi il processo di avvio di un'impresa, tieni presente che la curva di apprendimento sarà costante, Google sarà il tuo migliore amico e le sfide e le domande che sorgono per ogni imprenditore variano tanto quanto i diversi tipi di attività esistenti.

Tuttavia, speriamo che la nostra guida completa su come avviare un'attività abbia risposto ad alcune importanti domande e ti abbia fornito un'anteprima delle cose a venire.