NEWS

Informazioni, aggiornamenti e notizie dalla nostra redazione

Massimizzazione del profitto di un'impresa: Guida definitiva

Massimizzazione del profitto di un'impresa: Guida definitiva

In economia si presume spesso che le aziende cerchino di massimizzare i profitti. Cioè, cercano di massimizzare i ricavi riducendo al minimo i costi. Per fare ciò, le aziende devono guardare "al margine". Ciò significa che devono tenere d'occhio i cambiamenti nei ricavi (cioè i ricavi marginali) e i cambiamenti nei costi (cioè i costi marginali) per ogni unità aggiuntiva venduta.

Per introdurre il principio della massimizzazione del profitto, sembra ragionevole concentrarsi prima sulle imprese in un mercato competitivo. Tuttavia, come vedremo più avanti, questo principio può essere applicato alla maggior parte delle imprese in diverse situazioni di mercato (monopolio, oligopolio, ecc .).

Come accennato in precedenza, per massimizzare i profitti, un'azienda deve esaminare le variazioni dei ricavi e dei costi per ogni unità aggiuntiva venduta. Fintanto che l'aumento delle entrate risultante è maggiore dell'aumento dei costi, il profitto totale può ancora essere aumentato producendo di più. Ciò rimarrà vero fino a quando il ricavo marginale (MR) sarà uguale al costo marginale (MC). In altre parole, un'impresa che massimizza il profitto produrrà fino a quando MR = MC.

Questo può essere illustrato guardando un semplice diagramma che mostra le relazioni tra output e costi o ricavi rispettivamente. Tuttavia, prima di poterlo fare, dobbiamo scoprire come sono le curve del costo marginale e del ricavo marginale rilevanti.

Ricavo marginale

Calcolare i ricavi marginali in un mercato competitivo è in realtà piuttosto semplice. Infatti è sempre uguale al prezzo del bene o del servizio venduto (per maggiori informazioni vedi come calcolare il ricavo marginale) Per spiegare questo, diamo uno sguardo ad una caratteristica delle imprese competitive. Si dice che siano acquirenti di prezzo. Cioè, non hanno potere sufficiente per influenzare i prezzi di mercato (a differenza, ad esempio, di un monopolista), poiché controllano solo una piccola quota del mercato. Quindi, non importa quanto produca un'azienda competitiva, il prezzo non cambierà e il ricavo per ogni unità aggiuntiva venduta sarà uguale al prezzo di mercato dato. Di conseguenza, la curva del ricavo marginale sarà una linea orizzontale al livello del prezzo di mercato.

Costo marginale

La maggior parte delle aziende deve affrontare costi marginali crescenti all'aumentare della produzione. Questo è il risultato della diminuzione dei prodotti marginali (per maggiori informazioni vedere come calcolare il costo marginale) Per fare un esempio, si pensi a una fabbrica di automobili che attualmente produce a bassa capacità. Ci sono solo pochi lavoratori impiegati e le macchine sono usate a malapena. Se la fabbrica aumenta la produzione, le capacità inutilizzate possono essere facilmente utilizzate e lavoratori aggiuntivi possono aggiungere molto valore. In altre parole, i costi marginali sono bassi e il prodotto marginale è alto. Tuttavia, se la fabbrica funziona già a piena capacità, aumentare la produzione sarà più costoso (ad esempio perché le macchine sono sovrautilizzate) e lavoratori aggiuntivi non aggiungeranno molto valore (ad esempio perché devono aspettare per utilizzare le attrezzature). Pertanto, quando la produzione aumenta, il prodotto marginale diminuisce e il costo marginale aumenta. Di conseguenza, la curva del costo marginale si inclinerà verso l'alto.

Illustrazione

Come accennato in precedenza, possiamo visualizzare il principio della massimizzazione del profitto in un semplice diagramma (vedi sotto). L'asse x rappresenta la quantità di output (Q), mentre l'asse y sta rispettivamente per costi e ricavi (C e R).


Illustrazione 1: massimizzazione del profitto

La curva dei ricavi marginali (MR) è una linea orizzontale al livello del prezzo di mercato (p *). La curva del costo marginale d'altra parte (MC) è inclinata verso l'alto, come descritto sopra. L'intersezione delle due linee (O *) si trova al livello di produzione che massimizza il profitto (q *) per il dato livello di prezzo. Diventa evidente che lo spostamento dell'MR influenzerà la quantità di output, ma non il livello dei prezzi. Pertanto, massimizzare il profitto per le imprese competitive significa trovare il livello ottimale di produzione per un dato prezzo.

In conclusione

Le aziende in un mercato competitivo possono massimizzare i profitti se producono fino al punto in cui il ricavo marginale è uguale al costo marginale (MR = MC). Il ricavo marginale per le imprese competitive è costante e pari al prezzo del bene o del servizio venduto. D'altro canto, i costi marginali aumentano solitamente all'aumentare della produzione, a causa della diminuzione del prodotto marginale.

È importante notare che anche se le curve del ricavo marginale e del costo marginale possono avere un aspetto diverso per le imprese in altre situazioni di mercato (ad esempio monopolio, oligopolio, ecc.), Il livello di produzione che massimizza il profitto si troverà comunque all'intersezione dei due.