NEWS

Informazioni, aggiornamenti e notizie dalla nostra redazione

12 cose che dovresti sapere sull'economia

12 cose che dovresti sapere sull'economia

L'economia influisce su tutte le parti della nostra vita quotidiana. Quindi, se vuoi essere una persona informata, devi conoscere almeno alcuni dei concetti economici più basilari. Questo ti aiuterà a capire come funziona il mondo e ti consentirà di prendere decisioni ben informate.

Ora, poiché sappiamo che non tutti hanno l'opportunità o il desiderio di diventare un laureato in economia aziendale, abbiamo creato questo articolo che illustra 12 cose che dovresti sapere sull'economia. È un po 'come un bigino per un laureando in economia. Dai un'occhiata.

1) Microeconomia vs Macroeconomia

La macroeconomia è lo studio dell'economia nel suo complesso. Si concentra su numeri e dati aggregati per interi paesi. Pertanto, fornisce un'ampia prospettiva. La microeconomia invece è lo studio delle piccole unità economiche. Esamina gli individui e il loro processo decisionale da una prospettiva ravvicinata. Anche se i due rami coprono aree economiche diverse per la maggior parte, sono altamente correlati.

2) Costi opportunità

Le persone affrontano costantemente compromessi. Devono fare delle scelte a causa delle scarse risorse. Di conseguenza, non possono ottenere tutto ciò che vogliono, quindi devono scegliere alcune cose rispetto ad altre. I costi di opportunità descrivono il valore delle prossime migliori alternative a cui si rinuncia durante questo processo per ottenere qualcos'altro.

3) Domanda e offerta

Il prezzo di un bene o servizio è determinato dalla sua domanda e offerta. Nella maggior parte dei casi un aumento della domanda si traduce in un aumento del prezzo, dato che tutti gli altri fattori rimangono invariati. Nel frattempo un aumento dell'offerta, a parità di condizioni, si traduce in una diminuzione del prezzo. A lungo termine, il mercato raggiunge un prezzo di equilibrio in cui l'offerta è uguale alla domanda.

4) Vantaggio comparativo

Se un imprenditore ha la capacità di produrre un bene o un servizio a costi di opportunità inferiori rispetto a un altro imprenditore, si dice che abbia un vantaggio comparativo. In presenza di un vantaggio comparativo, tutti gli imprenditori possono trarre vantaggio dalla cooperazione e dal commercio se sono specializzati nella produzione ed esportazione di beni e servizi che possono produrre in modo più efficiente di altri.

5) Utilità marginale decrescente

Nella maggior parte dei casi, la soddisfazione che le persone ottengono dal consumo di un determinato bene o servizio diminuisce all'aumentare della sua offerta. Ad un certo punto, l'utilità marginale del consumo di un'unità aggiuntiva può persino diventare negativa (cioè completamente sfavorevole). Questo concetto è spesso utilizzato dalle aziende per fissare i prezzi.

6) Crescita economica e PIL

La crescita economica è necessaria per soddisfare il desiderio delle persone di uno standard di vita sempre maggiore, per ridistribuire la ricchezza e per far avanzare nuove tecnologie. Viene misurato dalla variazione del PIL, il valore totale di tutti i beni e servizi finali prodotti all'interno di un'economia in un determinato periodo di tempo.

7) Esternalità

Le esternalità sono le conseguenze positive o negative delle attività economiche vissute da terzi non collegati. Possono sorgere sia dal lato della produzione che dal lato del consumo. Nella maggior parte dei casi, le esternalità si traducono in un fallimento del mercato che può essere evitato solo imponendo un qualche tipo di regolamentazione per internalizzarle.

8) Inflazione e deflazione

La maggior parte delle economie registra un livello moderato di inflazione. Ciò significa che il livello generale dei prezzi aumenta, il che equivale a una diminuzione del potere d'acquisto del denaro. La deflazione d'altra parte è meno comune. Descrive una diminuzione del livello generale dei prezzi, cioè un aumento del potere d'acquisto del denaro.

9) Tassi di interesse

Ogni volta che una banca presta denaro a qualcuno, si aspetta di ricevere interessi in cambio. In questo modo è possibile compensare i costi di opportunità e il rischio di non recuperare i soldi. I tassi di interesse definiscono quanto le persone (o le istituzioni) devono pagare per ottenere un prestito. Quindi, hanno un impatto significativo su tutte le transazioni monetarie.

10) Politica fiscale

Un modo per il governo di monitorare e influenzare l'economia di un paese è l'adeguamento della spesa e delle aliquote fiscali. Il concetto di politica fiscale afferma che l'aumento della spesa pubblica e le aliquote fiscali più basse stimoleranno l'attività economica, mentre una diminuzione della spesa pubblica e aliquote fiscali più elevate la rallenteranno. Pertanto la politica fiscale può essere utilizzata come mezzo per attenuare le fluttuazioni economiche (es. Boom e crolli).

11) Politica monetaria

Le banche centrali o le commissioni valutarie possono influenzare l'economia di un paese regolando l'offerta di moneta. Lo fanno acquistando o vendendo titoli di stato o modificando il tasso di interesse. Una politica monetaria espansiva stimolerà l'attività economica e la crescita, mentre una politica restrittiva la ridurrà.

12) Cicli aziendali

Le economie generalmente sperimentano periodi alternati di espansione e contrazione dell'attività economica. Un ciclo economico inizia con un boom, seguito da una recessione. Una volta raggiunto il minimo, l'economia si riprende e si espande nuovamente fino a raggiungere il suo picco successivo (cioè inizia il suo prossimo ciclo economico).