Impresa

Cos’è il rifinanziamento del debito?

Cos'è il rifinanziamento del debito?

Il rifinanziamento del debito è la sostituzione di un debito esistente con un altro debito con termini e/o condizioni più favorevoli. In altre parole, il rifinanziamento del debito si riferisce alla sostituzione del debito esistente con un nuovo debito.

Come funziona

Il rifinanziamento del debito è comunemente utilizzato per trarre vantaggio da nuovi finanziamenti che offrono termini e/o condizioni più favorevoli. In una situazione del genere, un un’impresa salderà il proprio debito in essere emettendo un nuovo debito con termini o condizioni più favorevoli.

I motivi più comuni per rifinanziare il debito sono:

1. Per trarre vantaggio da migliori condizioni di tasso di interesse del nuovo debito;

2. Ridurre l’importo del rimborso mensile contraendo nuovi debiti con termini più lunghi;

3. Passare da un debito a tasso variabile a un debito a tasso fisso o viceversa (comunemente fatto in ambienti con tassi di interesse mutevoli).

Esempio pratico

Un’impresa che ha attualmente € 1.000.000 rimanenti sul mutuo per 20 anni al 10%. In tale situazione, i pagamenti rateali mensili (capitale e interessi) sarebbero € 9.650. La banca ha indicato all’impresa che sarebbe in grado di rifinanziare un prestito del 7% per 20 anni a causa di una diminuzione del tasso di interesse della banca.

In quanto tale, i pagamenti rateali mensili per il nuovo mutuo sarebbero € 7.753. Se l’individuo rifinanziasse il mutuo, risparmierebbe € 1.897 (€ 9.650 – € 7.753) in rate mensili.

Limitazioni al rifinanziamento del debito esistente

Sebbene il rifinanziamento del debito esistente sia un’opzione interessante per i mutuatari, in alcuni casi potrebbe non essere fattibile. Il debito può includere clausole di rimborso in modo che il mutuatario paghi una penale se rifinanzia il debito. Inoltre, potrebbero esserci commissioni di chiusura e/o di transazione associate al rifinanziamento del debito esistente.

LEGGI ANCHE  Vendere un'azienda: l'importanza dell'avviamento

Pertanto, sebbene un individuo o una società possa avere la possibilità di garantire termini e/o condizioni migliori sul proprio debito, potrebbe non essere l’ideale farlo quando si considera il pagamento della penale, le commissioni di chiusura e/o le commissioni di transazione.

Nell’esempio sopra, il rifinanziamento del debito farebbe risparmiare all’individuo circa € 455.280 per la durata del mutuo. Se il pagamento della penale, le commissioni di chiusura e/o le commissioni di transazione non ammontano a € 455.280, l’impresa deve rifinanziare il debito. Se la penale, le commissioni di chiusura e/o le commissioni di transazione superano € 455.280, non sarebbe nel migliore interesse dell’impresa rifinanziare il proprio debito.

Rifinanziamento del debito vs Ristrutturazione del debito

I due termini sono comunemente usati in modo intercambiabile. I lettori dovrebbero notare che sono effettivamente diversi.

Per ribadire, il rifinanziamento del debito viene utilizzato per trasmettere la sostituzione del debito esistente con un nuovo debito che offre termini o condizioni più favorevoli. D’altra parte, la ristrutturazione del debito viene utilizzata per descrivere l’alterazione del debito esistente. Può essere sotto forma di ritardare il pagamento degli interessi o estendere la durata del debito. La ristrutturazione del debito è comunemente utilizzata da un’azienda che si avvicina alla bancarotta e ha bisogno di ristrutturare il proprio debito per rimanere a galla.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Impresa