Economia

Valutazione d’Azienda: Guida alla Valutazione Aziendale per Imprenditori e Commercianti

Decidere di mettere in vendita la propria azienda o il proprio negozio è un passo significativo nella carriera di ogni imprenditore.  Si tratta di una decisione carica di aspettative, speranze e, naturalmente, una buona dose di incertezze.

Capire il vero valore della propria impresa non è solo una mossa strategica per posizionarsi meglio nel mercato, ma è anche essenziale per assicurarsi che la vendita rifletta realmente in termini economici ciò che è stato costruito nel tempo.

In questo contesto, la valutazione d’azienda emerge come un elemento cruciale, un processo che va ben oltre i semplici numeri. Si tratta di un’analisi complessiva che considera diversi fattori, da quelli finanziari a quelli meno tangibili, come il valore del brand e il potenziale di mercato.

Per l’imprenditore che si avvicina a questo bivio, comprendere i fondamenti della valutazione aziendale e come essa possa influenzare il processo di vendita è fondamentale.

In questo articolo, esploreremo insieme i metodi principali utilizzati per la valutazione delle aziende, sottolineando l’importanza di ciascun approccio in base al tipo e alla dimensione dell’azienda in questione.

Capirai come una corretta valutazione può non solo valorizzare adeguatamente la tua attività nel mercato, ma anche attrarre gli acquirenti giusti, facilitando un passaggio di proprietà sereno e proficuo.

Se ti trovi alla soglia di questa importante transizione e desideri finalizzare con successo la vendita della tua impresa, comprendere la valutazione d’azienda è il primo, decisivo passo.

Con l’aiuto di esperti del settore, come i professionisti di Consulting Italia Group Spa, e una chiara comprensione degli elementi che contribuiscono al valore della tua attività, potrai affrontare il mercato con fiducia e strategia.

LEGGI ANCHE  Le spese per quotarsi in Borsa

7 Metodi di valutazione aziendale
Quali sono i fattori da tenere in considerazione per ottenere il valore di mercato reale della tua impresa?

Devi sapere che esistono vari metodi per stimare il valore di un’azienda, che considerano solitamente il valore di macchinari, attrezzature, inventario e immobili; nonché altri elementi di valore economico posseduti dall’impresa. Inoltre, fattori come la struttura di gestione, l’utile previsto, il prezzo delle azioni e i ricavi, possono influenzare ulteriormente la valutazione.
Ne parliamo in questo articolo. 

I Metodi Empirici
Le situazioni che richiedono una valutazione aziendale sono molteplici, incluse la vendita, la cessione di un ramo, fusioni o l’immissione in borsa.

Tuttavia, non esistono metodi che garantiscano una stima esatta del valore aziendale; le tecniche disponibili offrono valutazioni approssimative ma realistiche.

Tra queste, i metodi empirici, noti anche come metodi dei multipli, giocano un ruolo importante.
Approfondisci cliccando qui.

Il Metodo U.E.C. Complesso
Tra le opzioni di valutazione aziendale c’è anche il metodo misto U.E.C., considerato un metodo di valutazione indiretto, al pari dei metodi patrimoniale e reddituale.

U.E.C. sta per “Union Européenne des Experts Comptables Économiques et Financiers”, ovvero Unione Europea degli Esperti Contabili Economici e Finanziari.
Si tratta di un’associazione di enti professionali specializzati in economia aziendale, la cui autorità conferisce credibilità e affidabilità al metodo, rendendolo ben accetto dalla comunità scientifica.
Scopri di più in questo articolo.

Il Metodo EVA
Fra i metodi di valutazione aziendale più conosciuti ricordiamo il metodo EVA, acronimo di Economic Value Added. Questo approccio, di origine anglosassone, è stato introdotto in Italia negli anni Novanta.
Attraverso il metodo EVA, il valore di un’azienda viene calcolato analizzando la differenza tra il rendimento economico generato e le risorse investite per ottenerlo.

LEGGI ANCHE  Cos'è una plusvalenza?

Puoi approfondire qui.

I Metodi Misti
Spesso si ricorre a metodi di valutazione aziendale misti, che integrano diversi approcci fondamentali. Per comprendere il loro funzionamento, è essenziale partire dalla conoscenza del metodo patrimoniale e del metodo reddituale.

Il metodo patrimoniale analizza il patrimonio netto dell’azienda, basandosi sui dati ricavabili dal bilancio di esercizio. Invece, il metodo reddituale è più complesso e si focalizza sulla capacità dell’azienda di generare reddito.
Vai all’articolo.

Il Metodo Finanziario
E poi c’è il metodo finanziario, un approccio indiretto e basato sui flussi di cassa, mediante il quale vengono valutate le condizioni di produzione aziendale in un determinato momento seguendo un modello logico e razionale.

Generalmente, è ritenuto uno dei metodi più efficaci per la valutazione aziendale perché si concentra sulla capacità dell’impresa di generare flussi di cassa positivi.
Ne abbiamo parlato in questo articolo.

Il Metodo del Reddito
Valutare un’azienda con il metodo finanziario implica analizzare le sue condizioni di produzione in un dato periodo, utilizzando un modello logico e indiretto basato sui flussi di cassa.

Questo approccio attribuisce un valore all’azienda in base alle aspettative sui risultati futuri nel tempo. L’obiettivo del Metodo del Reddito è valutare l’azienda nel suo complesso, considerando la relazione tra redditività e valore complessivo dell’impresa.

Puoi approfondire in questo articolo.

La Cessione delle Quote
Un’alternativa alla vendita diretta di un’azienda è la cessione delle partecipazioni, ossia delle azioni o delle quote societarie che la rappresentano. Questi titoli, considerati come beni di secondo livello all’interno dell’azienda, possono essere ceduti in situazioni straordinarie come fusioni, scissioni o conferimenti. Rispetto alla cessione diretta dell’azienda, la cessione delle azioni è generalmente un processo più semplice e comporta diversi vantaggi.
Scoprili in questo articolo.

LEGGI ANCHE  Conto economico: cos'è e come prepararne uno come un professionista

Quando dovresti rivalutare la tua attività?
Se desideri tranquillità, alcuni consigliano di valutare la propria azienda circa una volta all’anno e di consultare un professionista ogni due anni per un’analisi più dettagliata.

Se stai pensando di vendere la tua attività o hai bisogno di una valutazione per motivi aziendali, invece, è consigliabile ottenere una valutazione professionale, che solitamente ha la validità di un anno. Approfondisci l’argomento in questo articolo.

Il calcolo dell’Avviamento per la Valutazione d’Azienda
Concludiamo questo articolo ricordandoti che la cessione di un’attività già esistente può essere davvero complessa, ma allo stesso tempo semplice se sarà eseguita correttamente senza commettere errori.

Chi acquista dovrà considerare molti aspetti per capire se l’investimento è adatto a lui, tra questi l'”avviamento dell’azienda”. Per questa ragione il venditore dovrà avere un’idea chiara del suo valore. Ma di cosa si tratta e come va calcolato?

Scopri di più sul nostro approfondimento.

Ti sarai reso conto di come la Valutazione d’Azienda sia un’operazione importante e che “nulla va lasciato al caso”.

Se hai deciso di compiere questo passo perché desideri vendere la tua attività, ti consigliamo di beneficiare della consulenza di esperti in compravendita aziendale, come i nostri consulenti. Contattaci per saperne di più, sappiamo come aiutarti.  

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia