Impresa

Cessione quote S.r.l. senza il notaio. Sapevi che basta il commercialista?

 

La cessione quote S.r.l. può essere più semplice e meno onerosa di quanto credi. Spesso si crede che sia necessario eseguirla ricorrendo a un notaio. Non è così. Basta un commercialista abilitato, quindi a conoscenza delle dovute regole da rispettare.

La normativa di riferimento è quella contenuta nella Legge 133 del 6 agosto 2008. Le società a responsabilità limitata possono beneficiare, da allora, di una nuova forma di trasferimento delle quote sociali che introduce la sola figura del commercialista. Resta, in ogni modo, la possibilità di affidarla a un notaio, secondo quanto indicato dall’art. 2470 del Codice Civile.

Iscrizione nel Registro delle Imprese

L’atto di trasferimento può essere eseguito compilando un documento informatico sottoscritto con firma digitale. Andrà reso effettivo, poi, consegnandolo presso l’Ufficio del Registro delle Imprese entro 30 giorni. La sede sarà quella relativa alla circoscrizione in cui rientra la S.r.l. Solo dopo l’avvenuto deposito si potrà iscrivere la cessione anche nel libro dei soci. Come evitare l’intervento del notaio?

Nell’atto di cessione, le parti cedenti e acquirenti dovranno poter firmare in forma digitale il documento. Come immaginerai, le firme digitali avranno validità solo se rilasciate da certificatori accreditati.

Il compito del commercialista

La procedura semplificata applicata dal commercialista riduce, oltre che i tempi, anche i costi del trasferimento delle quote. Il professionista dovrà, in battuta iniziale, controllare che ci siano le carte in regola per eseguire la cessione.
Nello specifico verificherà:

    • l’identità del soggetto cedente e dell’acquirente, nonché la loro capacità di agire;
    • la reale proprietà delle quote da parte del venditore;
    • lo stato patrimoniale dell’eventuale coniuge di chi cede le quote. Se, infatti, c’è comunione di beni, la cessione va autorizzata da entrambi;
    • l’assenza di vincoli relativi al passaggio di quote inseriti nello statuto societario;
    • che non vi siano diritti di terze parti sulle quote;
    • che il trasferimento delle quote non infranga delle norme relative alla sicurezza pubblica.
LEGGI ANCHE  Acquistare un ristorante: burocrazia e alcuni consigli

Il mancato rispetto dei parametri necessari impedirebbe di completare la cessione quote S.r.l.

Documenti necessari

Infine, il carteggio da affidare al professionista scelto per il passaggio delle quote sarà composto da:

  • copia dei documenti d’identità e dei codici fiscali di tutte le parti;
  • copia dello statuto della società cedente;
  • visura societaria;
  • indicazione del regime patrimoniale dell’eventuale codice del cedente, se è presente la comunione dei beni;
  • eventuale documento che attesta la rinuncia alla prelazione da parte del resto dei soci.

La registrazione dell’atto di cessione avverrà attraverso un software approvato con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate. Il documento e il relativo modulo di controllo saranno disponibili grazie al servizio Entratel dell’Agenzia delle Entrate.

Scrivici o chiamaci se hai bisogno di ulteriori informazioni riguardo cessione delle quote di una S.r.l. La nostra consulenza è il frutto di una lunga esperienza.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

1 Comment

  1. […] aver parlato, la scorsa settimana, della cessione quote di una S.r.l., oggi spiegheremo come si fa a vendere le azioni di una società e a comunicare gli […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Impresa