Economia

Cosa sono le economie di scala?

Le economie di scala sono riduzioni dei costi che si verificano quando le aziende aumentano la produzione. I costi fissi, come l’amministrazione, sono ripartiti su più unità di produzione. A volte, un’azienda che gode di economie di scala può negoziare anche per ridurre i costi variabili.

Continua a leggere per saperne di più sui tipi di economie di scala e su come ti influenzano.

Definizione ed esempi di economie di scala

Ogni volta che un’azienda può ridurre i costi aumentando il volume dei beni che produce, questo è un esempio di economia di scala.

Ci sono diversi motivi per cui i costi di produzione diminuirebbero all’aumentare del volume.

Ad esempio, mantenendo una linea di produzione focalizzata su un prodotto, le aziende possono risparmiare sui costi associati allo scambio di materie prime e strumenti per produrre prodotti diversi. Gli esempi più basilari sono i costi gestionali e amministrativi: non devi assumere più manager solo perché i tuoi lavoratori iniziano a produrre più articoli al giorno.

Diseconomie di scala

A volte un’azienda insegue così tanto le economie di scala da diventare troppo grande. Questa crescita eccessiva è chiamata diseconomia di scala. Si arriva a un punto in cui è stata raggiunta la massima efficienza. Qualsiasi unità prodotta successivamente aumenterà i costi di produzione per unità, anziché ridurli.

LEGGI ANCHE  Quotazioni in Borsa: il ruolo dei consulenti

Le diseconomie di scala non sono sempre legate all’efficienza della produzione fisica. Ad esempio, potrebbe volerci più tempo per prendere decisioni, rendendo l’azienda meno flessibile. Potrebbero verificarsi problemi di comunicazione, soprattutto se l’azienda diventa globale. L’acquisizione di nuove società potrebbe comportare uno scontro di culture aziendali. Questo scontro rallenterà il progresso se non impareranno a gestire la diversità culturale.

Come funzionano le economie di scala

Il modo specifico in cui funziona un’economia di scala dipende dai beni o servizi prodotti. Può essere semplice come estendere le ore di funzionamento per sfruttare al meglio macchinari costosi. In qualsiasi modo un’azienda possa migliorare il costo unitario producendo più unità, ecco come funzionano le economie di scala.

Le economie di scala non solo avvantaggiano l’organizzazione che produce i beni. I consumatori possono godere di prezzi più bassi. L’economia cresce poiché i prezzi più bassi stimolano l’aumento della domanda.

Come far funzionare le economie di scala per te

Non è necessario essere una società per beneficiare delle economie di scala. Pensalo come il modo in cui le famiglie più grandi in genere acquistano all’ingrosso. Ogni scatola di detersivo costa meno per lavaggio perché puoi acquistarla sfusa. Il produttore risparmia sull’imballaggio e sulla distribuzione. Quindi passa i risparmi su di te. Risparmi anche sui costi di viaggio effettuando meno viaggi al negozio.

Economie di scopo

Le economie di scopo sono simili alle economie di scala, ma si verificano quando un’azienda si dirama in più linee di prodotti per combinare efficienza e funzioni aziendali. Ad esempio, la maggior parte dei giornali si è diversificata in linee di prodotti simili, come riviste e notizie online. In altre parole, le economie di scala si concentrano su un prodotto (volume), mentre le economie di scopo coinvolgono molti prodotti (varietà).

LEGGI ANCHE  Come calcolare il profitto lordo: formula, esempi e perché è importante

Tipi di economie di scala

Esistono due tipi principali di economie di scala: interne ed esterne. Le economie interne sono controllabili dal management perché sono interne all’azienda. Le economie esterne dipendono da fattori esterni. Questi fattori includono il settore, la posizione geografica o il governo.

Le economie interne derivano da un volume di produzione maggiore. Esistono cinque tipi di economie di scala interne. In genere li vedrai nelle grandi organizzazioni.

Ad esempio, le grandi aziende possono acquistare all’ingrosso. Questa economia riduce il costo per unità dei materiali di cui hanno bisogno per realizzare i loro prodotti. Possono utilizzare i risparmi per aumentare i profitti. Oppure possono trasferire i risparmi ai consumatori e competere sul prezzo.

Economie tecniche di scala

Le economie di scala tecniche derivano dall’efficienza del processo produttivo stesso. I costi di produzione scendono dal 70% al 90% ogni volta che l’azienda raddoppia la produzione. Le aziende più grandi possono trarre vantaggio da apparecchiature più efficienti.

Ad esempio, il software di data mining consente all’azienda di puntare a nicchie di mercato redditizie. Le grandi compagnie di navigazione riducono i costi utilizzando le super petroliere. Infine, le grandi aziende realizzano economie di scala tecniche perché imparano facendo. Sono molto più avanti della loro concorrenza più piccola sulla curva di apprendimento.

Potere monopolistico

Il potere del monopsonio è quando un’azienda acquista così tanto di un prodotto da poterne ridurre i costi unitari. Ad esempio, Esselunga può minare i concorrenti più piccoli esercitando il suo enorme potere d’acquisto.

Economie di scala manageriali

Le economie di scala manageriali si verificano quando le grandi aziende possono permettersi specialisti. Gestiscono in modo più efficace particolari aree dell’azienda. Ad esempio, un esperto dirigente delle vendite ha le capacità e l’esperienza per occuparsi di grandi ordini. Chiedono uno stipendio alto, ma ne vale la pena.

LEGGI ANCHE  Cos'è il margine di profitto netto? Definizione e Formula

Economie di scala finanziarie

Le economie di scala finanziarie significano che l’azienda ha un accesso più conveniente al capitale. Una società più grande può essere finanziata dal mercato azionario con un’offerta pubblica iniziale. Le grandi aziende hanno rating di credito più elevati e possono offrire tassi di interesse più bassi sulle loro obbligazioni.

Economie di scala di rete

Le economie di scala di rete si verificano principalmente nelle attività online. Non costa quasi nulla supportare ogni cliente online aggiuntivo con l’infrastruttura digitale esistente. Quindi, qualsiasi guadagno dal nuovo cliente è tutto profitto per l’azienda.

Economie di scala esterne

Un’impresa ha economie di scala esterne se le sue dimensioni creano un trattamento preferenziale. Ciò accade più spesso con i governi.

Ad esempio, uno stato spesso riduce le tasse per attirare le aziende che forniscono più posti di lavoro. I grandi sviluppatori immobiliari convincono le città a costruire strade per supportare i loro edifici e questo fa risparmiare agli sviluppatori i costi delle infrastrutture. Anche le grandi aziende possono trarre vantaggio dalla ricerca congiunta con le università per ridurre le spese di ricerca.

Le piccole imprese non hanno la leva per trarre vantaggio dalle economie di scala esterne, ma possono unirsi. Le piccole aziende possono raggruppare attività simili in una piccola area.  Ciò consente loro di trarre vantaggio dalle economie di scala geografiche. Ad esempio, loft di artisti, gallerie e ristoranti traggono vantaggio dallo stare insieme in un quartiere artistico del centro.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
3
Interessante
2
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia