Impresa

Qual è la differenza tra micro impresa e piccola impresa?

Cos’è una micro impresa?

Le definizioni variano, ma in genere una micro impresa è un tipo di piccola attività che impiega meno di 10 persone. Dimensioni e scala sono le principali differenze tra una micro impresa e una piccola impresa: le microimprese spesso funzionano come imprese individuali e fatturano meno di 2 milioni di euro all’anno.

Il finanziamento e il marketing possono essere più un problema per le microimprese rispetto alle piccole imprese, ma operano con meno capitale e godono di un rapporto più stretto con i clienti rispetto a quanto normalmente fanno le piccole imprese.

Se hai avviato un’impresa, probabilmente ti identifichi come un piccolo imprenditore, ma in realtà sei un micro imprenditore? Solopreneurs, freelance e imprenditori in qualsiasi settore che impieghi meno di 9 persone si qualificherebbero come questi ultimi.

Se questo è il tuo caso, è importante che tu capisca cos’è una micro impresa, la differenza tra una micro impresa e una piccola impresa
sono le sfide e le opportunità che affrontano. In questo modo, puoi capire meglio come gestire la tua attività in modo efficace e come affrontare queste inevitabili sfide.

Definizione e significato di micro impresa

Nonostante le loro piccole dimensioni, le microimprese hanno un peso considerevole nella nostra economia. Le microimprese sono cresciute fino a diventare un settore significativo nell’economia.

Una micro impresa è un tipo di piccola impresa che opera su scala molto bassa. Tale scala viene generalmente misurata in base al numero di dipendenti dell’azienda, al valore totale e occasionalmente, a quanto denaro è stato necessario per avviare l’attività

“Per definizione, le microimprese sono una sottocategoria di piccole imprese, con fatturato non superiore ai 2 milioni di euro all’anno e meno di dieci dipendenti.

Questi numeri possono variare leggermente. Tuttavia, secondo altri studi sulle microimprese , nonché i proprietari di microimprese e gli esperti delle PMI con cui abbiamo parlato, abbiamo riscontrato che le microimprese generalmente soddisfano i seguenti standard:

  • Avere meno di 10 dipendenti, compreso il proprietario (sebbene alcune definizioni di “microimpresa” limitino il numero di dipendenti a sei)
  • Meno di 2 milioni di fatturato all’anno
  • Richiedeva meno di € 50.000 per iniziare

Più in generale, le microimprese richiedono meno capitale per operare e la loro attività è inferiore rispetto alle piccole imprese più grandi.

Spesso le micro imprese sono gestite da un unico proprietario senza dipendenti, ovvero solopreneurs. Queste piccole operazioni spesso iniziano e/o rimangono, come il trambusto del proprietario: pensa a governanti, consulenti, creativi, organizzatori di eventi, fornitori di servizi professionali, liberi professionisti in qualsiasi campo e persone che lavorano nella gig economy (lavoro occasionale), come gli autisti Uber, il negozio Etsy proprietari e host di Airbnb. Una micro impresa “può anche ritagliarsi il proprio spazio all’interno di un settore concentrandosi su un settore specifico del mercato, ad esempio, un membro dell’industria alimentare e della ristorazione che vende panini da un furgone o una bancarella piuttosto che aprire un panificio a tutti gli effetti” sarebbe definito un micro imprenditore.

Alcune microimprese sono semplicemente piccole imprese in fase iniziale (o, eventualmente, grandi imprese) che cresceranno nel tempo, mentre altre rimarranno microimprese per tutta la vita dell’azienda. Tutto dipende dalle intenzioni e dalle opportunità di crescita del titolare dell’azienda.

Nonostante le dimensioni e le esigenze più piccole, le microimprese sono vitali quanto le piccole e medie imprese e richiedono certamente la stessa quantità di pianificazione, dedizione e lavoro per operare come imprese su scala più grande.

Strutture fiscali per micro imprese e piccole imprese

Un’altra potenziale differenza tra “micro impresa” e “piccola impresa” è il modo in cui l’impresa in questione viene tassata, che a sua volta è dettata dal tipo di forma giuridica con cui sono costituite.

Spesso, le piccole imprese si registrano come s.r.l. o s.r.l.s, poiché questi tipi di forme giuridiche forniscono al titolare dell’azienda la protezione della responsabilità personale.

In alternativa, la maggior parte delle microimprese funziona come impresa individuale o società di persone come S.a.s. o S.n.c., che in realtà non richiede un capitale sociale minimo da versare. Le imprese individuali sono tassate in base all’aliquota fiscale personale del proprietario. É possibile anche detrarre le spese aziendali dalla dichiarazione dei redditi personale, quindi è particolarmente importante tenere separate le spese aziendali e personali durante tutto l’anno.

Tuttavia, i proprietari di micro imprese che iniziano come ditte individuali  hanno sempre la possibilità di variare la forma giuridica in società a responsabilità limitata. Le S.r.l. sono il tipo più comune di forma giuridica e hanno il vantaggio di fornire le protezioni per la responsabilità personale che le imprese individuali non hanno.

3 sfide principali che devono affrontare le micro imprese e come risolverle

Oltre alle loro dimensioni, scala e aliquota fiscale, le microimprese possono essere definite in modo più approssimativo in base alle particolari sfide che devono affrontare. Qui, esamineremo alcune delle sfide comuni che i proprietari di micro imprese incontrano, oltre alle nostre soluzioni consigliate.

Sfida n. 1: garantire il finanziamento delle piccole imprese

Sebbene garantire finanziamenti aziendali non sia necessariamente facile per le imprese di qualsiasi dimensione, è più difficile per le microimprese ottenere prestiti rispetto anche alla più piccola delle “piccole imprese”. Indipendentemente dal fatto che il prestito sia emesso da una banca tradizionale o da un altro istituto di credito, gli istituti di credito cercano di mitigare il rischio ove possibile. E poiché le microimprese operano finanziariamente su scale così piccole, gli istituti di credito in genere vedono queste piccole operazioni come meno stabili – e semplicemente meno capaci di gestire il debito – rispetto alle piccole imprese più grandi.

Oltre ai tradizionali prestiti, come quelli a termine e le linee di credito, i proprietari di microimprese potrebbero avere difficoltà a ottenere finanziamenti anche da investitori esterni.

La soluzione: cercare finanziamenti alternativi

I proprietari di micro imprese che necessitano di finanziamenti operativi o di avvio dovranno probabilmente creare una rete locale piuttosto che rivolgersi a una banca. Spesso, i proprietari di micro imprese investono nei loro risparmi personali, richiedono un prestito personale per affari, si rivolgono a familiari o cercano il crowdfunding per raccogliere il capitale richiesto. Poiché le microimprese richiedono tipicamente piccole quantità di denaro per funzionare, tuttavia, questi metodi di finanziamento alternativi possono essere perfettamente sufficienti per soddisfare le loro esigenze.

Sfida n. 2: attirare potenziali clienti

Le microimprese operano su scala minore rispetto alle piccole imprese a tutti i livelli, compreso l’ambito della loro base di clienti e la loro capacità di raggiungere potenziali clienti in primo luogo. Ciò potrebbe metterli in una posizione di svantaggio competitivo rispetto alle piccole imprese che dispongono di fondi, della rete e delle risorse per accedere a campagne di marketing su vasta scala.

“In un sondaggio sui titolari di micro imprese, abbiamo scoperto che il marketing è una delle aree con cui hanno più difficoltà. Molti proprietari di microimprese iniziano a dedicare più tempo a fare ciò che amano senza dare considerare l’area marketing. Coprono diverse mansioni e lavorano con un budget limitato, il che rende quest’area ancora più impegnativa”.

Questi limiti: “Abbiamo visto che anche con risorse limitate, i proprietari di micro imprese possono distinguersi con un budget ridotto. In effetti, le loro piccole dimensioni e le loro qualità uniche possono essere trasformate in un punto di forza nel loro ventaglio di strumenti di marketing “.

La soluzione: attenersi a un piano di marketing a basso costo e a basso impatto

Grazie all’aumento (e all’efficacia) del social media marketing e di altre forme di pubblicità digitale, gli imprenditori non hanno effettivamente bisogno di budget di marketing a livello aziendale per spargere la voce sulle loro attività. La democratizzazione del marketing online significa che anche la maggior parte degli strumenti di marketing digitale sono facili e intuitivi da implementare, il che li rende ideali anche per i tecnofobi tra noi. Ovviamente, è importante che i proprietari di micro imprese dedichino del tempo anche ai loro potenziali clienti.

Consigliamo ai proprietari di micro imprese di implementare almeno le seguenti strategie di marketing:

  1. Sito web aziendale

I titolari di micro imprese, come i proprietari di aziende che guidano aziende di qualsiasi dimensione, dovrebbero creare un sito web aziendale.

Punta sulle strategie SEO che ti aiuteranno a posizionarti più in alto nei motori di ricerca e che, a sua volta, rende la tua attività più facilmente visibile ai potenziali clienti che cercano prodotti o servizi come i tuoi.

  1. Social Media Marketing

Successivamente, crea account aziendali dedicati su tutte le principali piattaforme di social media. Indipendentemente dalla tua attività o settore, in questi giorni è fondamentalmente richiesto mantenere una presenza su Facebook, Linkedin e Instagram. Ma a seconda di dove si trova il tuo mercato di riferimento online, potresti anche prendere in considerazione la creazione di account su Twitter, o  YouTube, e altri popolari siti di social media.

  1. Networking

Come proprietario di una micro impresa, probabilmente troverai i tuoi clienti attraverso le tue connessioni personali e la tua comunità locale, quindi non trascurare l’importanza del networking . Ciò può certamente comportare tattiche di rete della vecchia scuola, come l’aiuto della tua famiglia e amici con il passaparola e lasciare che faccia la sua magia. Anche collaborare con aziende locali e enti di beneficenza o aprire negozi alle fiere dell’artigianato o ai mercati degli agricoltori sono ottime opzioni. E non dimenticare di avere a portata di mano biglietti da visita e altro materiale di marketing fisico.

Inoltre il networking può essere digitalizzato: invia un’e-mail annunciando la tua attività alla tua rubrica, aggiorna la tua pagina LinkedIn per includere informazioni sulla tua attività e pubblica la pagina della tua attività sui tuoi account di social media personali per reindirizzare i tuoi follower agli account della tua azienda.

Sfida n. 3: gestire più lavori contemporaneamente

Come accennato, le microimprese sono definite come attività con meno di 10 dipendenti, compreso il proprietario. Il più delle volte, le microimprese sono effettivamente gestite da una sola persona.

Sebbene il personale ridotto possa essere la scelta del proprietario dell’azienda, in alcuni casi le microimprese rimangono “micro” solo perché non hanno i fondi per assumere più dipendenti e ottenere altre risorse. “I budget spesso portano a rinunciare alle risorse di cui abbiamo tanto bisogno, come assumere part-time invece di un aiuto a tempo pieno o aspettare di acquistare attrezzature essenziali.

Ovviamente, meno (o zero) membri dello staff significa meno (o zero) persone a cui delegare il tuo lavoro, il che può essere a dir poco opprimente.

Inoltre bisogna anche considerare che destreggiarsi tra tutti questi ruoli può togliere tanto alla vita personale quanto all’attività.

Perché è importante distinguere una micro impresa da una piccola impresa  

Sebbene i titolari di micro imprese tecnicamente siano proprietari di piccole imprese, è importante tenere presente la differenza tra micro impresa e piccola impresa quando si avvia e si gestisce la piccola impresa. Identificarsi come un microimprenditore ti aiuterà a comprendere meglio le tue particolari sfide e requisiti che probabilmente differiranno da quelli di un piccolo imprenditore più grande, il che significa che anche le tue soluzioni saranno diverse.

E ricorda che le dimensioni della tua impresa non influiscono certamente sulla qualità, sul peso e sulle opportunità di crescita della tua azienda: essa opera semplicemente su una scala diversa rispetto a una piccola impresa.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa