Impresa

PMI significato: quali sono le Piccole Medie Imprese?

Cos’è una piccola e media impresa (PMI)?

Le piccole e medie imprese (PMI) sono imprese che mantengono entrate,  risorse o un numero di dipendenti al di sotto di una certa soglia. Ogni paese ha la propria definizione di ciò che costituisce una piccola e media impresa (PMI). Devono essere soddisfatti determinati criteri dimensionali e occasionalmente viene preso in considerazione anche il settore in cui opera l’azienda.

Sebbene di piccole dimensioni, le piccole e medie imprese (PMI) svolgono un ruolo importante nell’economia. Sono notevolmente più numerose delle grandi imprese, impiegano un gran numero di persone e sono generalmente di natura imprenditoriale, contribuendo a plasmare l’innovazione.

Punti importanti

  • Le piccole e medie imprese (PMI) sono imprese che mantengono entrate, risorse o un numero di dipendenti al di sotto di una certa soglia.
  • Ogni paese ha la propria definizione di ciò che costituisce una piccola e media impresa (PMI).
  • Le piccole e medie imprese (PMI) svolgono un ruolo importante nell’economia, impiegando un gran numero di persone e contribuendo a plasmare l’innovazione.

Quante volte ti capita di sentire parlare di Piccole Medie imprese? In questo articolo cerchiamo di comprendere meglio quali sono le realtà imprenditoriali che stanno dietro l’ormai noto acronimo PMI.

La Commissione Europea definisce Piccole Medie Imprese qualsiasi “entità, a prescindere dalla forma giuridica rivestita, che eserciti un’attività economica”.

Parliamo anche delle realtà commerciali a conduzione familiare, delle botteghe artigiane senza dipendenti, oppure delle associazioni che svolgono un’attività economica. Se desideri consultare il testo ufficiale cerca online la “Raccomandazione n. 2003/361/Ce della Commissione Europea del 6 maggio 2003”.

Scopriamo adesso, nello specifico, quali sono le caratteristiche dettate per Legge che definiscono un’azienda micro, piccola e media.

Vengono distinte le tre categorie di imprese: la micro, la piccola e la media impresa. Nella seguente tabella andiamo a riassumere quelle che sono le caratteristiche principali che devono avere le imprese che appartengono all’una o all’altra categoria

 micro impresapiccola impresamedia impresa
dipendentiMeno di 10 dipendentimeno di 50 dipendentimeno di 250 dipendenti
fatturatofatturato annuo non superiore a 2 milioni di eurofatturato annuo o non superiore a 10 milioni di eurofatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro
LEGGI ANCHE  Fusioni mascherate fra aziende, di cosa si tratta?

Micro impresa

Rientrano in questa categoria le società o ditte individuali con meno di 10 dipendenti, che fatturano meno di 2 milioni di euro all’anno.

l termine microimpresa, si riferisce a una piccola impresa che impiega poche persone. Una microimpresa di solito opera con meno di 10 persone e viene avviata con un piccolo importo di capitale anticipato da una banca o da un’altra organizzazione. La maggior parte delle microimprese è specializzata nella fornitura di beni o servizi per le proprie aree locali.

Le microimprese sono piccole imprese finanziate dal microcredito, un piccolo prestito disponibile per le persone che non hanno garanzie, storia creditizia, risparmi o precedenti occupazionali. I prestiti modesti sono spesso sufficienti per far decollare una piccola impresa locale.

Queste attività hanno uno scopo vitale nel migliorare la qualità della vita delle persone nei paesi in via di sviluppo e generalmente forniscono un prodotto o un servizio nelle loro comunità. Le microimprese non solo aiutano a migliorare la qualità della vita degli imprenditori, ma aggiungono valore all’economia locale. Possono aumentare il potere d’acquisto, aumentare il reddito e creare posti di lavoro.

Poiché l’ambito dell’operazione è così strettamente focalizzato, l’attività potrebbe non essere in grado di crescere. Date le loro dimensioni e risorse, le microimprese possono anche essere limitate nel loro accesso a consulenti finanziari e competenze che le aiuterebbero a gestire meglio le loro attività. Sebbene possano permettersi di operare e fornire reddito a se stessi e al personale, potrebbero non avere la liquidità per espandersi.

Ci sono modi in cui le microimprese possono trasformarsi in piccole imprese più consolidate e anche in aziende più grandi. Se possono garantire le risorse finanziarie, un approccio consiste nell’acquisire più aziende comparabili e quindi combinarle in un’entità più grande che opera in diverse aree distinte. Ciò potrebbe richiedere l’acquisto di rivali che hanno rivendicato territori diversi all’interno di un mercato.

Tipi di microimprese

Sebbene individualmente piccole per dimensioni e portata, le microimprese possono rappresentare collettivamente una parte sostanziale dell’economia e dell’occupazione. I tipi di attività che sono considerati microimprese includono quanto segue:

  • Artigiani
  • venditori ambulanti
  • Falegnami
  • Idraulici
  • Meccanica indipendente
  • Operatori di officine meccaniche
  • Calzolai
  • Piccoli agricoltori
LEGGI ANCHE  LA RUBRICA – Valorizzazione avviamento, il nostro modus operandi

I proprietari di panifici, bar e ristoranti possono essere considerati microimprese, così come lavanderie, tintorie e sarti.

Piccola impresa

Si tratta di aziende con meno di 50 occupati, dal bilancio annuale che non supera i 10 milioni di euro.

A seconda del settore, una piccola impresa può essere definita come un’attività con un massimo di 50 dipendenti. Sono società private, società di persone o imprese individuali che hanno meno entrate rispetto alle aziende più grandi.

La definizione di piccola impresa, settore per settore:

Varia in base al settore, ma tiene conto del numero di dipendenti e delle entrate annuali. Una piccola impresa potrebbe creare la propria struttura aziendale come società di persone o impresa individuale. Ha meno entrate rispetto alle società più grandi o alle imprese più grandi.

La regola generale è che un’azienda con meno di 50 dipendenti rientra in questa categoria. Ciò significa che una definizione di piccola impresa può includere un piccolo negozio all’angolo e gestito da una persona. Lo stesso vale per una fabbrica locale che produce oggetti o accessori per aziende che lavorano nel settore sanitario o in altri settori. Finché impiegano meno di 50 persone, sono piccole imprese.

Tuttavia, questa potrebbe essere una definizione troppo limitante e, con le enormi differenze tra i settori, una definizione eccessivamente semplificata.

Tipi di piccole imprese

Ecco un riepilogo di alcuni tipi di attività che vengono definite piccole imprese

  • Alberghi
  • Ristoranti
  • Manutenzione
  • Servizi alla persona
  • Benessere
  • Servizi turistici
  • Cliniche, studi medici
  • Negozi

Media impresa

Si intendono di media grandezza, infine, le imprese che hanno meno di 250 dipendenti e non superano i 50 milioni di euro di fatturato all’anno (o un bilancio annuale totale che non va oltre i 43 milioni).

I criteri presi in considerazione, dunque, sono tre: numero dei dipendenti, fatturato e bilancio annuali (considera che il criterio del fatturato può essere alternativo a quello del bilancio e l’impresa non deve necessariamente rispettarli entrambi: anche superando una delle due soglie potrà mantenere la sua classificazione).

Possono essere imprese a conduzione familiare ma, in virtù delle loro dimensioni, possono anche essere entità complesse in cui la proprietà è separata dalla gestione. Le medie imprese sono normalmente ben consolidate e hanno un track record osservabile che facilita le decisioni di finanziamento da parte di finanziatori o investitori.

LEGGI ANCHE  15 errori comuni nelle piccole imprese

Spesso entità mature che operano in mercati maturi, possono anche operare in mercati ad alta crescita o possono cercare di riposizionarsi da un mercato maturo a uno con un potenziale di crescita più elevato.

Le esigenze di finanziamento di un’impresa di medie dimensioni sono generalmente piuttosto articolate e possono coprire la gestione dei flussi di cassa a breve termine, l’adeguamento del saldo del debito a breve e lungo termine, l’adeguamento della struttura complessiva del capitale tra debito e capitale proprio, la sostituzione di strumenti finanziari in scadenza, il finanziamento di importanti apparecchiature o il finanziamento della crescita dell’azienda mediante debito o nuovo capitale, compreso l’eventuale ricorso a un mercato azionario.

La struttura finanziaria di un’impresa di medie dimensioni è solitamente gestita attivamente da professionisti interni, che esaminano l’idoneità della struttura attuale e la disponibilità di finanziamenti alternativi o aggiuntivi al fine di abbinarla alle esigenze dell’impresa in termini di finalità e tempismo. Le medie imprese normalmente utilizzano diversi tipi di finanziamento spesso forniti da diversi istituti, possono trattare con due o tre banche e possono avere accesso ad altri tipi di finanziamento in virtù della loro esperienza consolidata e della capacità di fornire sicurezza.

Tipi di medie imprese

  • Agricoltura
  • Costruzione
  • Produzione
  • Industriale
  • Commercio all’ingrosso.
  • Manifatturiero
  • Trasporto e magazzinaggio 
  • Servizi professionali

PMI significato: quando si parla di aziende indipendenti e/o associate?

Gran parte delle Piccole Medie Imprese possiede il requisito di indipendenza, per cui sono completamente autonome.

Altre aziende possiedono una o più partecipazioni di minoranza (inferiori al 25 %) con altre imprese. Se la quota di partecipazione non va oltre il 50 %, il rapporto tra le imprese sarà di tipo associato; superata questa soglia parleremo di imprese collegate.

Per capire in quale categoria rientra la tua ditta dovrai considerare, se è il tuo caso, i dati di una o più altre aziende connesse alla tua. E’ un calcolo che ti consigliamo di eseguire insieme a un professionista: ti permetterà di verificare se rientri nelle soglie finanziarie stabilite dalla definizione di micro, piccola o media impresa.

Hai bisogno di un consulente che ti aiuti a rilevare i dati relativi alla tua azienda? Contattaci.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
3
Interessante
4
Wow
5
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

2 Commenti

  1. […] necessario oppure rimandano finché non saranno pronti per andare in pensione. Per le piccole e medie imprese, potrebbe non essere necessario un piano di successione. Tuttavia, considera cosa accadrebbe […]

  2. […] si possono utilizzare: contabilità per cassa e contabilità per competenza. Molte PMI  iniziano con la contabilità di cassa, ma i rendiconti finanziari di competenza ti danno una […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Impresa