Economia

Qual è la legge della domanda e dell’offerta?

La legge della domanda e dell’offerta è una teoria che spiega l’interazione tra i venditori di una risorsa e gli acquirenti di quella risorsa. La teoria definisce la relazione tra il prezzo di un determinato bene o prodotto e la disponibilità delle persone ad acquistarlo o venderlo. In generale, all’aumentare del prezzo le persone sono disposte a fornire di più e chiedere di meno e viceversa quando il prezzo scende.

Punti chiave

  • La legge della domanda dice che a prezzi più alti, gli acquirenti chiederanno meno di un bene economico.
  • La legge dell’offerta dice che a prezzi più alti, i venditori forniranno più beni economici.
  • Queste due leggi interagiscono per determinare i prezzi di mercato effettivi e il volume delle merci scambiate su un mercato.
  • Diversi fattori indipendenti possono influenzare la forma della domanda e dell’offerta di mercato, influenzando sia i prezzi che le quantità che osserviamo nei mercati.

Legge della domanda e dell’offerta

Comprendere la legge della domanda e dell’offerta

La legge della domanda e dell’offerta, una delle leggi economiche più elementari, si lega in qualche modo a quasi tutti i principi economici. In pratica, la disponibilità delle persone a fornire e chiedere un bene determina il prezzo di equilibrio di mercato, o il prezzo in cui la quantità del bene che le persone sono disposte a fornire è esattamente uguale alla quantità che le persone richiedono. Tuttavia, molteplici fattori possono influenzare sia l’offerta che la domanda, facendole aumentare o diminuire in vari modi.

Legge della domanda e legge dell’offerta

La legge della domanda afferma che, se tutti gli altri fattori rimangono uguali, maggiore è il prezzo di un bene, meno le persone lo richiederanno. In poche parole, maggiore è il prezzo, minore è la quantità richiesta. La quantità di un bene che gli acquirenti acquistano a un prezzo più alto è inferiore perché all’aumentare del prezzo di un bene, aumenta anche il costo opportunità dell’acquisto di quel bene. Di conseguenza, le persone eviteranno naturalmente di acquistare un prodotto che le costringerà a rinunciare al consumo di qualcos’altro che apprezzano di più.

Come la legge della domanda, la legge dell’offerta dimostra le quantità che verranno vendute a un certo prezzo. Ma a differenza della legge della domanda, il rapporto di offerta mostra una pendenza verso l’alto. Ciò significa che maggiore è il prezzo, maggiore è la quantità offerta. Dal punto di vista del venditore, il costo opportunità di ogni unità aggiuntiva che vendono tende ad essere sempre più alto. I produttori forniscono di più a un prezzo più alto perché il prezzo di vendita più alto giustifica il costo opportunità più elevato di ogni unità aggiuntiva venduta.

Sia per l’offerta che per la domanda, è importante capire che il tempo è sempre una dimensione. La quantità richiesta è sempre misurata in unità di bene su un dato intervallo di tempo. Intervalli di tempo più o meno lunghi possono influenzare le forme delle curve di domanda e offerta.

In qualsiasi punto nel tempo, la fornitura portata sul mercato è fissa. In poche parole la curva di offerta in questo caso è una linea verticale, mentre la curva di domanda è sempre inclinata verso il basso a causa della legge dell’utilità marginale decrescente. I venditori non possono addebitare più di quanto il mercato sopporterà in base alla domanda dei consumatori in quel momento. Tuttavia, su intervalli di tempo più lunghi, i fornitori possono aumentare o diminuire la quantità che forniscono al mercato in base al prezzo che si aspettano di poter addebitare. Quindi nel tempo la curva di offerta tende verso l’alto; più i fornitori si aspettano di poter far pagare, più saranno disposti a produrre e portare sul mercato.

Per tutti i periodi di tempo, la curva di domanda è inclinata verso il basso a causa della legge dell’utilità marginale decrescente. La prima unità di bene che qualsiasi acquirente richiede sarà sempre destinata all’uso più prezioso di quell’acquirente. Per ogni unità aggiuntiva, l’acquirente la utilizzerà (o intende utilizzarla) per un uso di valore successivamente inferiore.

Confronto tra spostamento e movimento

Per l’economia, i “movimenti” e gli “spostamenti” in relazione alle curve di domanda e offerta rappresentano fenomeni di mercato molto diversi.

Un movimento si riferisce a un cambiamento lungo una curva. Sulla curva di domanda, un movimento denota una variazione sia del prezzo che della quantità richiesta da un punto all’altro della curva. Il movimento implica che la relazione di domanda rimanga coerente. Pertanto, si verificherà un movimento lungo la curva di domanda quando il prezzo del bene cambia e la quantità richiesta cambia in base alla relazione di domanda originale. In poche parole, un movimento si verifica quando una variazione della quantità richiesta è causata solo da una variazione del prezzo e viceversa.

Come un movimento lungo la curva di domanda, un movimento lungo la curva di offerta significa che la relazione di offerta rimane coerente. Pertanto, si verificherà un movimento lungo la curva di offerta quando il prezzo del bene cambia e la quantità offerta cambia in conformità alla relazione di offerta originale. In poche parole, un movimento si verifica quando una variazione della quantità offerta è causata solo da una variazione del prezzo e viceversa.

Nel frattempo, uno spostamento nella curva della domanda o dell’offerta si verifica quando la quantità richiesta o offerta di un bene cambia anche se il prezzo rimane lo stesso. Ad esempio, se il prezzo di una bottiglia di birra fosse di € 2 e la quantità di birra richiesta aumentasse da Q1 a Q2, si verificherebbe uno spostamento nella domanda di birra. I cambiamenti nella curva di domanda implicano che la relazione di domanda originale è cambiata, il che significa che la domanda di quantità è influenzata da un fattore diverso dal prezzo. Si verificherebbe un cambiamento nella relazione della domanda se, ad esempio, la birra diventasse improvvisamente l’unico tipo di alcol disponibile per il consumo.

Al contrario, se il prezzo di una bottiglia di birra fosse di € 2 e la quantità fornita diminuisse da Q1 a Q2, si verificherebbe uno spostamento nella fornitura di birra. Come uno spostamento nella curva di domanda, uno spostamento nella curva di offerta implica che la curva di offerta originale è cambiata, il che significa che la quantità offerta è influenzata da un fattore diverso dal prezzo. Si verificherebbe uno spostamento nella curva di offerta se, ad esempio, un disastro naturale causasse una grave carenza di luppolo; i produttori di birra sarebbero costretti a fornire meno birra allo stesso prezzo.

In che modo domanda e offerta creano un prezzo di equilibrio?

Chiamato anche prezzo di compensazione del mercato, il prezzo di equilibrio è il prezzo al quale il produttore può vendere tutte le unità che desidera produrre e l’acquirente può acquistare tutte le unità che desidera.

Con una curva di offerta inclinata verso l’alto e una curva di domanda inclinata verso il basso è facile visualizzare che a un certo punto i due si intersecheranno. A questo punto, il prezzo di mercato è sufficiente per indurre i fornitori a portare sul mercato la stessa quantità di beni che i consumatori saranno disposti a pagare a quel prezzo. Domanda e offerta sono equilibrate o in equilibrio. Il prezzo e la quantità precisi in cui ciò si verifica dipendono dalla forma e dalla posizione delle rispettive curve di domanda e offerta, ciascuna delle quali può essere influenzata da una serie di fattori.

Fattori che influenzano l’offerta

L’offerta è in gran parte una funzione dei costi di produzione come la manodopera e i materiali (che riflettono i costi di opportunità degli usi alternativi per fornire ai consumatori altri beni); la tecnologia fisica disponibile per combinare gli input; il numero di venditori e la loro capacità produttiva totale nell’arco di tempo dato; e tasse, regolamenti o altri costi istituzionali di produzione.

Fattori che influenzano la domanda

Le preferenze dei consumatori tra i diversi beni sono il determinante più importante della domanda. L’esistenza e i prezzi di altri beni di consumo sostitutivi o complementari possono modificare la domanda. Anche i cambiamenti nelle condizioni che influenzano le preferenze dei consumatori possono essere importanti, come i cambiamenti stagionali o gli effetti della pubblicità. Le variazioni dei redditi possono anche essere importanti per aumentare o diminuire la quantità richiesta a un dato prezzo.

Domande frequenti

Qual è una semplice spiegazione della Legge della domanda e dell’offerta?

In sostanza, la legge della domanda e dell’offerta descrive un fenomeno che è familiare a tutti noi dalla nostra vita quotidiana. Descrive il modo in cui, a parità di condizioni, il prezzo di un bene tende ad aumentare quando l’offerta di quel bene diminuisce (rendendolo più raro) o quando la domanda di quel bene aumenta (rendendo il bene più ricercato). Al contrario, descrive come i prodotti diminuiranno di prezzo quando diventeranno più ampiamente disponibili (meno rari) o meno popolari tra i consumatori. Questo concetto fondamentale gioca un ruolo importante in tutta l’economia moderna.

Perché la legge della domanda e dell’offerta è importante?

La legge della domanda e dell’offerta è importante perché aiuta gli investitori, gli imprenditori e gli economisti a comprendere e prevedere le condizioni del mercato. Ad esempio, un’azienda che sta lanciando un nuovo prodotto potrebbe tentare deliberatamente di aumentare il prezzo del proprio prodotto aumentando la domanda dei consumatori attraverso la pubblicità. Allo stesso tempo, potrebbero provare ad aumentare ulteriormente il loro prezzo limitando deliberatamente il numero di unità che vendono, al fine di diminuire l’offerta. In questo scenario, l’offerta sarebbe ridotta al minimo mentre la domanda sarebbe massimizzata, portando a un prezzo più alto.

Qual è un esempio della legge della domanda e dell’offerta?

Per illustrare, continuiamo con l’esempio sopra di un’azienda che desidera commercializzare un nuovo prodotto al prezzo più alto possibile. Al fine di ottenere i margini di profitto più elevati possibili, quella stessa azienda vorrebbe garantire che i suoi costi di produzione siano i più bassi possibile. A tal proposito, potrebbe ottenere offerte da un gran numero di fornitori, chiedendo a ciascun fornitore di competere l’uno contro l’altro per fornire il prezzo più basso possibile per la produzione del nuovo prodotto. In questo scenario, l’offerta dei produttori viene aumentata in un modo che diminuisce il costo (o “prezzo”) di fabbricazione del prodotto. Anche in questo caso vediamo la legge della domanda e dell’offerta.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
1
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia