Impresa

7 strategie da considerare per uscire dall’attività

Che cos’è una strategia di uscita dall’azienda?

Una strategia di uscita aziendale è un piano per ciò che accadrà quando vorrai lasciare la tua attività. Questa strategia descrive e delinea la forma che assumerà la transizione. Proprio come agli inizi quando hai scritto il tuo business plan per poter guidare la tua attività, dovresti averne uno che la guidi a una conclusione.

La tua strategia di uscita dall’azienda non deve significare disastro o fallimento, o anche un’azione imminente, infatti, molti imprenditori iniziano la loro attività con il preciso scopo di uscire dopo un certo numero di anni. Ciò non significa che siano imprenditori meno impegnati. Significa solo che hanno un piano in atto.

Detto questo, mentre pensi alla tua strategia di uscita dall’azienda, non vorrai solo considerare come te ne andrai, ma anche altri fattori coinvolti in questo processo:

  • Guadagnerai quando lascerai la tua attività? Quanti soldi guadagnerai?
  • Cosa succederà alla tua attività dopo la tua partenza? Continuerà con una nuova proprietà?
  • Quanto tempo impiegherà la tua uscita? Che tipo di periodo di transizione è previsto?

Strategie di uscita dall’attività da considerare

Esploriamo alcune delle diverse opzioni che hai in termini di una strategia di uscita dall’attività. Alla fine di un percorso imprenditoriale non è necessariamente un male pianificare di uscire dalla propria azienda, ma ci sono sicuramente delle opzioni che possono essere migliori per l’imprenditore e per l’azienda, a seconda della situazione.

Pertanto, diamo un’occhiata a queste sette strategie di uscita, discutendo come potrebbero apparire e i pro e i contro di ciascuna opzione:

1. Prepararsi a un passaggio generazionale

Molti imprenditori vogliono mantenere la propria attività all’interno del nucleo familiare, e questo significa fare piani per trasformare l’azienda e tramandarla ad un altro parente a un certo punto. Questa può sembrare un’attraente strategia di uscita dall’attività perché puoi scegliere e gestire i successori, assicurati solo che le tue relazioni familiari siano in grado di gestire le pressioni e lo stress che può provocare essere proprietari di un’azienda.

Sebbene mantenere l’attività in famiglia per più generazioni possa sembrare il modo migliore per preservare il tuo nome all’interno dell’azienda, è importante essere pratici su chi è davvero la persona migliore per il lavoro di gestione della tua attività.

Pro:

  • Puoi scegliere e preparare la persona a cui vuoi lasciare la tua attività quando te ne andrai.
  • Non devi separarti completamente dalla tua attività e potresti essere in grado di rimanere in una sorta di ruolo di consulenza di transizione oppure occupare un ruolo a lungo termine.

Contro:

  • Potresti non trovare un membro della famiglia che desideri (o sia in grado) di intraprendere l’attività.
  • Questo processo può portare molto stress emotivo, finanziario e generale alla tua famiglia.
  • Dipendenti, partner commerciali o investitori potrebbero non supportare la persona nella tua famiglia che scegli.

2. Unisciti o fatti acquisire da un’altra azienda

Con una strategia di uscita dall’attività di fusione o acquisizione, la tua azienda verrà acquistata o si fonderà con una società con obiettivi simili o allineati alla tua azienda. A seconda delle persone con cui ti fondi o a cui vendi la tua attività, questo metodo potrebbe significare flessibilità in termini di coinvolgimento o libertà di allontanarti.

Forse la cosa migliore di questa strategia di uscita è la capacità di negoziare il prezzo di vendita, mentre la vendita al pubblico (un’IPO) darebbe valore alla tua azienda rispetto al settore.

Tuttavia, questo processo può richiedere molto tempo, ammesso che avvenga. Se il tuo sogno è fonderti o essere acquisito, potresti voler avere un piano B per ogni evenienza.

Pro:

  • Sarai in grado di avere una pausa dalla tua attività (se è quello che vuoi).
  • Puoi negoziare i termini, il prezzo e altri dettagli della tua fusione o acquisizione.

Contro:

  • Questo può essere un processo lungo, costoso e forse persino infruttuoso.
  • La tua attività potrebbe cessare di esistere come la conosci, con una serie di possibili conseguenze associate a questa azione.

3. Acquisizione da parte dei dipendenti

Sebbene possa essere difficile pianificare in anticipo per molti di questi metodi, è possibile che quando sei pronto per lasciare la tua attività, le persone che già lavorano per te potrebbero voler acquistare la tua azienda. Poiché queste persone ti conoscono e sanno come gestirla, questa strategia di uscita dall’attività potrebbe portare a una transizione più agevole e aumentare la fedeltà all’eredità della tua azienda.

Inoltre, poiché queste persone fanno già parte della tua attività e probabilmente ti conoscono così bene, possono consentire flessibilità in termini di coinvolgimento, forse vorranno mantenerti come mentore o consulente.

Pro:

  • Puoi affidare la tua attività a qualcuno che ha esperienza nell’organizzazione e che, si spera, conosci e di cui ti fidi.
  • Dato che stai ancora vendendo l’attività, dovresti essere in grado di guadagnare dall’affare.
  • Se vuoi rimanere coinvolto in qualche ruolo, i dipendenti che stanno acquistando la tua attività dovrebbero avere maggiori probabilità di portare avanti l’attività.
  • L’eredità della tua attività rimarrà in qualche modo intatta.

Contro:

  • Potresti non essere in grado di trovare un dipendente o un manager che desideri acquistare l’attività.
  • È possibile che queste modifiche alla gestione siano difficili da implementare e potrebbero avere un effetto negativo sui client esistenti.

4. Vendi la tua quota a un socio o un investitore

Se non sei l’unico proprietario della tua attività, è possibile vendere solo la tua quota a un socio o un altro investitore. Questa può essere una strategia di uscita più facile, a seconda dell’acquirente.

Pro:

  • La tua eredità aziendale rimarrà intatta e, per la maggior parte, la tua attività dovrebbe continuare a funzionare come al solito.
  • Puoi uscire completamente dalla tua attività e, si spera, guadagnare un profitto sulla vendita della tua quota.
  • Hai a che fare con un acquirente che già conosci e con cui lavori, il che significa che il processo dovrebbe essere molto più facile da affrontare.

Contro:

  • Potresti non trovare un acquirente o un investitore disposto ad acquistare la tua quota.
  • Potrebbe essere più difficile rimanere coinvolti nella tua attività a qualsiasi titolo.
  • Il processo potrebbe finire per essere controverso tra te e il tuo socio o investitore, portando a una serie di potenziali problemi.

5. Rendi pubblica la tua azienda con un’IPO

Molti imprenditori sognano un giorno di vendere la propria attività al pubblico con un grande profitto. Tuttavia, nell’ambito della pianificazione della strategia di uscita dalle piccole imprese, questo metodo non è certo per tutti : le condizioni aziendali devono essere giuste affinché questa opzione sia possibile.

Anche se la tua attività è in forte espansione, il tuo settore potrebbe non attirare il pubblico in un modo che entusiasmi gli acquirenti, svalutando così la tua azienda. Per non parlare del fatto che le IPO sono molto rare: mentre le società pubbliche nazionali negli Stati Uniti hanno raggiunto circa 8.000 (su milioni) alla fine degli anni ’90, il numero è sceso a circa 3.600 negli ultimi anni.

Detto questo, tuttavia, se è possibile per te e le condizioni sono giuste, un’IPO può essere molto redditizia.

Pro:

  • Tra tutte le strategie di uscita dall’azienda disponibili, questa è probabilmente quella che ti farà guadagnare un profitto sostanziale.

Contro:

  • Questa è probabilmente una delle strategie di uscita più difficili, che richiede determinate condizioni, tempo, impegno e denaro.
  • Diventare pubblico significa anche un intenso controllo da parte di azionisti e analisti, nonché una serie di requisiti (come la valutazione aziendale ) che devono essere soddisfatti e processi che devono essere completati.
  • Il successo dell’IPO è molto difficile e raro, soprattutto per molte piccole e medie imprese.

6. Liquidare la tua attività

Come un business plan una strategia di uscita, è definitiva. In caso di liquidazione, chiuderai la tua attività e venderai i tuoi beni. Detto questo, tuttavia, liquidazione non deve significare sconfitta, ma solo la fine di un capitolo.

Se decidi che questo è ciò che vuoi fare, ricorda che dovrai utilizzare il denaro guadagnato durante il processo per estinguere eventuali debiti e pagare gli azionisti. Dovrai anche ricordare in che modo questa opzione può influire sui dipendenti, nonché sui clienti che si affidano al tuo servizio.

Pro:

  • Non dovrai mai più preoccuparti dell’attività, libero dallo stress di preservare un’eredità.
  • Rispetto ad altre strategie di uscita dall’attività, questo può essere uno dei metodi più semplici e veloci.

Contro:

  • Probabilmente non otterrai il massimo ritorno sull’investimento con questa opzione.
  • Questa strategia significa possibilmente interrompere i rapporti con dipendenti, partner, clienti e chiunque altro sia coinvolto nelle operazioni quotidiane o generali della tua azienda.

7. Dichiarare fallimento

Per quanto riguarda la pianificazione della strategia di uscita dalle piccole imprese, quest’ultimo metodo è l’opzione che non puoi davvero pianificare. In definitiva, nessuno vuole dichiarare bancarotta, tuttavia, questa potrebbe essere la tua ultima risorsa se qualcosa va storto (o non sei mai riuscito a pianificare in anticipo nessuna delle altre strategie di uscita sopra elencate).

In effetti, a volte la necessità di una dichiarazione di fallimento arriva prima che tu sia pronto, ma nel ciclo di vita delle aziende, non è la fine del mondo. Sebbene tu possa avere beni sequestrati e crediti problematici che dovranno essere ricostruiti, sarai sollevato dai debiti e dal peso dell’attività se le cose si mettono davvero male.

Sfortunatamente, la possibilità di fallimento è uno dei tanti rischi connessi all’avvio e alla proprietà di un’impresa. Pertanto, se l’opzione di fallimento non diventi una realtà per te, ti consigliamo di essere sicuri di capire esattamente cosa succede quando si dichiara fallimento dell’attività.

Pro:

  • Questo passaggio ufficiale ti solleverà dalle responsabilità e dai debiti della tua attività.
  • Sarai in grado di abbandonare la tua attività e iniziare a ricostruire il tuo credito.

Contro:

  • Potresti non essere in grado di alleviare tutti i tuoi debiti quando dichiari un fallimento.
  • Una dichiarazione di fallimento influirà probabilmente sulla tua capacità di prendere in prestito credito in futuro.
  • Questo processo probabilmente significherà la fine prematura delle relazioni con chiunque sia coinvolto nella gestione della tua attività, così come clienti e fornitori.

Domande importanti da porre per la strategia di uscita dall’attività

Allora, da dove inizi quando si tratta di pianificazione della strategia di uscita dalle piccole imprese? Sebbene gran parte di ciò che alla fine coinvolge la tua strategia di uscita sarà unico per la tua attività, ci sono alcune domande che puoi porci per iniziare lo sviluppo del tuo piano di uscita:

Vuoi rimanere per sempre coinvolto nella tua attività?

Quando hai appena iniziato la tua attività, questa domanda potrebbe sembrare quasi controproducente. Tuttavia, anche in una fase iniziale del tuo impegno, è importante essere realistici, e questo significa pensare a lungo termine e considerare il tuo piano di strategia di uscita aziendale. Anche se passi l’intera carriera a gestire la stessa attività, la maggior parte delle persone alla fine pianifica di andare in pensione a una certa età. Hai pianificato una strategia di uscita dalla tua attività?

Forse credi che puoi resistere alla gestione aziendale solo per un massimo di 10 anni. Secondo te, cosa vorresti che accadesse idealmente a quel punto? Vorresti comunque essere coinvolto nell’attività anche se non sarai più il proprietario?

Queste sono domande importanti a cui rispondere per fare i piani appropriati. Potrebbe anche essere una buona idea rivisitare come ti senti riguardo a queste domande anno dopo anno, man mano che la tua vita ei tuoi piani evolvono.

Quali sono i tuoi obiettivi finanziari?

Questo, ovviamente, è diverso per tutti. Per quanto tu possa amare il concetto della tua attività o il bene che sta facendo nel mondo, quasi tutti gli imprenditori hanno esigenze finanziarie e obiettivi che giocano nei loro piani aziendali (sfortunatamente, quasi il 70% degli imprenditori non risparmia regolarmente per la pensione). Qualunque siano i tuoi obiettivi, questa domanda giocherà molto nel risultato della tua strategia di uscita.

Come pianifichi effettivamente un’uscita?

Molti imprenditori lavorano con consulenti o professionisti per aiutarli a prendere le decisioni migliori, come un team di professionisti nella cessione di attività. Detto questo, una volta che ti sei posto le prime due domande, potresti lavorare con un professionista per aiutarti a sviluppare una strategia di uscita come parte del tuo business plan.

A quel punto, dovrai occuparti degli “elementi da applicare, come tasse, clausole” e così via. Devi anche comprendere il pieno valore della tua azienda per capire quali potrebbero essere le tue opzioni.

In breve, il processo di pianificazione della strategia di uscita consiste nel focalizzare i tuoi obiettivi personali e aziendali per prendere la decisione migliore per la tua attività al momento appropriato di uscita.

Detto questo, se la tua uscita è nell’immediato futuro, devi scegliere un piano e rispettarlo. Ma, se hai il tempo di pianificare in anticipo (e come abbiamo detto, dovresti pensarci dall’inizio), è una buona idea impostare te stesso per più opzioni. Fortunatamente, hai numerose opzioni di strategia di uscita tra cui scegliere quando pensi al futuro della tua attività.

Conclusione

In fine, come nel caso di molte parti della gestione di un’impresa, non esiste una strategia di uscita dall’attività valida per tutti. In definitiva, la strategia di uscita giusta per te e la tua attività dipenderà da una serie di fattori diversi e potrebbe cambiare o svilupparsi man mano che avanzi nel ciclo di vita della tua attività.

Detto questo, tuttavia, la cosa migliore che puoi fare per quanto riguarda una strategia di uscita è pianificare effettivamente in anticipo . Anche quando inizi la tua attività, dovresti considerare le possibilità di lasciare la tua attività, se e quando sarà il momento. Se sei proattivo nel pensare a questo processo, come potrebbe essere eseguito e quali saranno le conseguenze, avrai maggiori probabilità di avere successo quando è il momento di separarti.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa