Economia

Definizione e formula del profitto economico aziendale

 

Il profitto economico è definito come la differenza tra il ricavo totale e il costo totale, inclusi i costi sia espliciti che impliciti. L’inclusione del costo implicito è ciò che separa il profitto economico dal più comune profitto contabile (che rappresenta solo il costo esplicito). Anche se quest’ultimo è più comunemente utilizzato nella vita reale e sicuramente più facile da comprendere, il concetto di profitto economico è fondamentale quando si tratta di analizzare il processo decisionale in un contesto economico. Pertanto, vedremo come calcolare il profitto della tua azienda passo dopo passo nei paragrafi seguenti. In particolare, seguiremo un semplice processo in tre fasi: (1) calcolare il ricavo totale, (2) calcolare i costi totali e (3) sottrarre i costi totali dal ricavo totale.

1) Calcola il ricavo totale

Innanzitutto, dobbiamo calcolare le entrate totali. Cioè, dobbiamo sapere quanti soldi ha guadagnato un’azienda vendendo i propri beni o servizi. Nota che a questo punto non ci preoccupiamo ancora dei costi. Tutto quello che vogliamo sapere è quanti soldi hanno pagato i consumatori per i prodotti dell’azienda. Fortunatamente, questo è abbastanza facile da scoprire. Tutto ciò che dobbiamo fare per calcolare le entrate totali è moltiplicare il numero di prodotti (cioè unità) venduti per i loro prezzi unitari. Per calcolare le entrate totali su più prodotti, possiamo fare esattamente la stessa cosa e quindi aggiungere semplicemente le singole entrate alla fine per ottenere le entrate totali. Quindi, in poche parole, per calcolare le entrate totali, utilizziamo la seguente formula:

Entrate totali = numero di unità vendute x prezzo per unità

Ad esempio, diamo un’occhiata a una società di gelati immaginaria chiamata Ital-Ice cream. Questa azienda vende solo un prodotto, coni gelato. L’anno scorso Ital-Ice cream ha venduto oltre 5.000.000 coni al prezzo di 0,5 € ciascuno. Ciò significa che, secondo la formula che abbiamo riportato sopra, il fatturato totale dell’azienda ammonta a 2.500.000 € (5.000.000 x 0,5).

2) Calcola i costi totali (ovvero costi espliciti e impliciti)

Successivamente, dobbiamo calcolare i costi. Ciò include costi sia espliciti che impliciti. I costi espliciti sono tutti i costi che sono collegati ai pagamenti diretti effettivi, come il costo della materia prima, dell’affitto, ai salari stipendi, ecc. Come regola generale, tutti i costi che compaiono nei rapporti e nei conti sono costi espliciti.

Nel frattempo, i costi impliciti si riferiscono a tutti i costi per i quali non vengono effettuati pagamenti. Ora, questo può sembrare strano se non hai familiarità con il concetto di costi opportunità. In tal caso, assicurati di controllare il nostro elenco di 12 cose che dovresti sapere sull’economia prima di continuare. In sostanza, i costi impliciti sono i costi opportunità di ciò a cui si deve rinunciare per utilizzare i fattori di produzione in un certo modo. Più specificamente, il valore della prossima migliore alternativa è considerato un costo implicito.

Pertanto, per calcolare il costo totale possiamo semplicemente utilizzare la seguente formula:

Costo totale = costo esplicito + costo implicito

Per illustrare ciò, rivisitiamo il nostro esempio dall’alto. Supponiamo che Ital-Ice cream. abbia dovuto pagare un totale di 400.000 € per ingredienti e altro materiale, nonché 500.000 € di stipendi e affitti di 100.000 € l’anno scorso. Pertanto, i costi espliciti si sommano a 1.000.000 € (400.000 + 500.000 + 100.000). Questo è ciò che vedrai nei conti dell’azienda. Se Ital-Ice cream. avesse deciso di destinare parte delle sue risorse anche alla produzione di barrette di cioccolato, avrebbe potuto realizzare un profitto contabile di 1.000.000 di euro. Questa è la prossima migliore alternativa che l’azienda avrebbe potuto trovare. Quindi, per calcolare il costo totale, dobbiamo includere anche quei costi, che si traducono in costi totali di € 2.000.000 (1.000.000 + 1.000.000).

3) Sottrai i costi totali dalle entrate

Infine, possiamo sottrarre il costo totale che abbiamo calcolato sopra (cioè costo esplicito + costo implicito) dal ricavo totale per trovare il profitto economico. A questo punto, è importante notare che il profitto economico è solitamente notevolmente inferiore al profitto contabile (perché include più costi). Ciò diventa ancora più evidente se guardiamo alla seguente formula:

Profitto economico = Entrate totali – (costi espliciti + costi impliciti)

Con questa formula siamo in grado di calcolare il profitto economico della nostra immaginaria azienda Ital-Ice cream. Se inseriamo i numeri che abbiamo calcolato sopra, il profitto economico ammonta a 500.000 € (2.500.000 – [1.000.000 + 1.000.000]). Nel frattempo, l’utile contabile arriva fino a 1.500.000 € (2.500.000 – 1.000.000). Ciò ha senso perché il mancato profitto di 1.000.000 € non viene visualizzato nei conti dell’azienda. Tuttavia, è ancora rilevante per il processo decisionale.

In conclusione

Il profitto economico è definito come la differenza tra il ricavo totale e il costo totale, inclusi i costi sia espliciti che impliciti. Il concetto di profitto economico è estremamente importante quando si tratta di analizzare i processi decisionali in un contesto economico. Per calcolarlo, possiamo seguire un semplice processo in tre fasi: (1) calcolare le entrate totali, (2) calcolare i costi totali e (3) sottrarre i costi totali dalle entrate totali.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
2
Interessante
2
Wow
2
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia