Economia

Che cos’è il prodotto interno lordo (PIL)?

Il prodotto interno lordo (PIL) è il valore monetario o di mercato totale di tutti i beni e servizi finiti prodotti entro i confini di un paese in un periodo di tempo specifico. Come misura ampia della produzione interna complessiva, funziona come una scheda di valutazione completa della salute economica di un dato paese.

Sebbene il PIL sia in genere calcolato su base annuale, a volte viene calcolato anche su base trimestrale. In Italia, ad esempio, il governo pubblica una stima del PIL annualizzato per ogni trimestre fiscale e anche per l’anno solare. I singoli set di dati inclusi in questo rapporto sono forniti in termini reali, quindi i dati sono adeguati alle variazioni di prezzo e sono, quindi, al netto dell’inflazione.

Punti importanti

  • Il prodotto interno lordo (PIL) è il valore monetario di tutti i prodotti e servizi finiti realizzati all’interno di un paese durante un periodo specifico.
  • Il PIL fornisce un’istantanea economica di un paese, utilizzata per stimare le dimensioni di un’economia e il tasso di crescita.
  • Il PIL può essere calcolato in tre modi, utilizzando le spese, la produzione o i redditi. Può essere regolato in base all’inflazione e alla popolazione per fornire informazioni più approfondite.
  • Sebbene abbia dei limiti, il PIL è uno strumento chiave per guidare i responsabili politici, gli investitori e le imprese nel processo decisionale strategico.

Cos’è il PIL?

Capire il prodotto interno lordo (PIL)

Il calcolo del PIL di un paese comprende tutti i consumi privati ​​e pubblici, le spese governative, gli investimenti, le aggiunte alle scorte private, i costi di costruzione pagati e la bilancia commerciale con l’estero. (Le esportazioni vengono aggiunte al valore e le importazioni vengono sottratte).

Di tutte le componenti che compongono il PIL di un paese, la bilancia commerciale estera è particolarmente importante. Il PIL di un paese tende ad aumentare quando il valore totale dei beni e servizi che i produttori nazionali vendono a paesi stranieri supera il valore totale dei beni e servizi stranieri che i consumatori nazionali acquistano. Quando si verifica questa situazione, si dice che un paese abbia un surplus commerciale. Se si verifica la situazione opposta, se l’importo che i consumatori interni spendono per i prodotti esteri è maggiore della somma totale di ciò che i produttori nazionali sono in grado di vendere ai consumatori stranieri, si parla di deficit commerciale. In questa situazione, il PIL di un paese tende a diminuire.

Il PIL può essere calcolato su base nominale o reale, quest’ultima tenendo conto dell’inflazione. Nel complesso, il PIL reale è un metodo migliore per esprimere la performance economica nazionale a lungo termine. Ad esempio, supponiamo che ci sia un paese che nell’anno 2009 aveva un PIL nominale di € 100 miliardi. Entro il 2019, il PIL nominale di questo paese era cresciuto fino a € 150 miliardi. Nello stesso periodo di tempo, anche i prezzi sono aumentati del 100%. In questo esempio, se si guardasse esclusivamente al PIL nominale, l’economia sembra funzionare bene. Tuttavia, il PIL reale (espresso in dollari del 2009) sarebbe di soli 75 miliardi di euro, rivelando che, in realtà, durante questo periodo si è verificato un calo complessivo della performance economica reale.

Tipi di prodotto interno lordo

Il PIL può essere riportato in diversi modi, ognuno dei quali fornisce informazioni leggermente diverse.

PIL nominale

Il PIL nominale è una valutazione della produzione economica in un’economia che include i prezzi correnti nel suo calcolo. In poche parole, non elimina l’inflazione o il ritmo dell’aumento dei prezzi, che può gonfiare la cifra di crescita. Tutti i beni e servizi conteggiati nel PIL nominale sono valutati ai prezzi effettivamente venduti in quell’anno. Il PIL nominale viene valutato in valuta locale o in Euro ai tassi di cambio del mercato valutario al fine di confrontare il PIL dei paesi in termini puramente finanziari.

Il PIL nominale viene utilizzato quando si confrontano diversi trimestri di produzione nello stesso anno. Quando si confronta il PIL di due o più anni, viene utilizzato il PIL reale. Questo perché, in effetti, la rimozione dell’influenza dell’inflazione consente al confronto dei diversi anni di concentrarsi esclusivamente sul volume.

PIL reale

Il PIL reale è una misura corretta per l’inflazione che riflette la quantità di beni e servizi prodotti da un’economia in un dato anno, con i prezzi mantenuti costanti di anno in anno al fine di separare l’impatto dell’inflazione o della deflazione dalla tendenza della produzione su tempo. Poiché il PIL si basa sul valore monetario di beni e servizi, è soggetto all’inflazione. L’aumento dei prezzi tenderà ad aumentare il PIL di un paese, ma ciò non riflette necessariamente alcun cambiamento nella quantità o nella qualità dei beni e dei servizi prodotti. Quindi, guardando solo al PIL nominale di un’economia, può essere difficile dire se la cifra è aumentata a seguito di una reale espansione della produzione, o semplicemente perché i prezzi sono aumentati.

Gli economisti utilizzano un processo che regola l’inflazione per arrivare al PIL reale di un’economia. Adeguando la produzione in un dato anno ai livelli di prezzo prevalenti in un anno di riferimento, chiamato anno base , gli economisti possono adeguarsi all’impatto dell’inflazione. In questo modo, è possibile confrontare il PIL di un paese da un anno all’altro e vedere se c’è una crescita reale.

Il PIL reale viene calcolato utilizzando un deflatore dei prezzi del PIL , che è la differenza dei prezzi tra l’anno in corso e l’anno di riferimento. Ad esempio, se i prezzi aumentassero del 5% rispetto all’anno base, il deflatore sarebbe 1,05. Il PIL nominale è diviso per questo deflatore, ottenendo il PIL reale. Il PIL nominale è solitamente superiore al PIL reale perché l’inflazione è tipicamente un numero positivo. Il PIL reale tiene conto delle variazioni del valore di mercato e, quindi, restringe la differenza tra i dati sulla produzione di anno in anno. Se c’è una grande discrepanza tra il PIL reale di una nazione e il suo PIL nominale, questo può essere un indicatore di inflazione significativa o deflazione nella sua economia.

PIL pro capite

Il PIL pro capite è una misura del PIL pro capite nella popolazione di un paese. Indica l’ammontare della produzione o del reddito per persona in un’economia può indicare la produttività media o il tenore di vita medio. Il PIL pro capite può essere espresso in termini nominali, reali (aggiustati per l’inflazione) o PPP. In una interpretazione di base, il PIL pro capite mostra quanto valore economico della produzione può essere attribuito a ogni singolo cittadino. Ciò si traduce anche in una misura della ricchezza nazionale complessiva poiché il valore di mercato del PIL pro capite serve anche prontamente come misura della prosperità.

Il PIL pro capite viene spesso analizzato insieme a misure più tradizionali del PIL. Gli economisti usano questa metrica per avere un’idea sia della produttività interna del proprio paese che della produttività di altri paesi. Il PIL pro capite considera sia il PIL di un paese che la sua popolazione. Pertanto, può essere importante capire in che modo ciascun fattore contribuisce al risultato complessivo e in che modo ogni fattore influisce sulla crescita del PIL pro capite. Se il PIL pro capite di un paese cresce con un livello di popolazione stabile, ad esempio, potrebbe essere il risultato di progressi tecnologici che producono di più con lo stesso livello di popolazione. Alcuni paesi possono avere un PIL pro capite elevato ma una popolazione ridotta, il che di solito significa che hanno costruito un’economia autosufficiente basata su un’abbondanza di risorse speciali.

Crescita del PIL

Il tasso di crescita del PIL confronta la variazione anno su anno (o trimestrale) della produzione economica di un paese al fine di misurare la velocità di crescita di un’economia. Solitamente espressa come tasso percentuale, questa misura è popolare tra i responsabili delle politiche economiche perché si ritiene che la crescita del PIL sia strettamente collegata a obiettivi politici chiave come l’inflazione e i tassi di disoccupazione.

Se i tassi di crescita del PIL accelerano, potrebbe essere un segnale che l’economia si sta “surriscaldando” e la banca centrale potrebbe cercare di aumentare i tassi di interesse. Al contrario, le banche centrali vedono un calo (o negativo) del tasso di crescita del PIL (cioè una recessione) come un segnale che i tassi dovrebbero essere abbassati e che potrebbe essere necessario uno stimolo.

Parità del potere d’acquisto del PIL (PPP)

Sebbene non sia direttamente una misura del PIL, gli economisti guardano alla parità di potere d’acquisto (PPP) per vedere come il PIL di un paese si misura in “dollari internazionali” utilizzando un metodo che aggiusta le differenze nei prezzi locali e nel costo della vita al fine di rendere confronti tra paese e produzione reale, reddito reale e tenore di vita.

Modi di calcolo del PIL

Il PIL può essere determinato tramite tre metodi principali. Tutti e tre i metodi dovrebbero fornire la stessa cifra se calcolati correttamente. Questi tre approcci sono spesso chiamati approccio alla spesa, approccio alla produzione (o produzione) e approccio al reddito.

L’approccio alla spesa

L’approccio della spesa, noto anche come approccio alla spesa, calcola la spesa dei diversi gruppi che partecipano all’economia. Il PIL dell’Italia viene misurato principalmente in base all’approccio della spesa. Questo approccio può essere calcolato utilizzando la seguente formula:

PIL = C + G + I + NX

dove

  • C = consumo;
  • G = spesa pubblica;
  • I = Investimento; e
  • NX = esportazioni nette

Tutte queste attività contribuiscono al PIL di un paese. Il consumo si riferisce alla spesa per consumi privati ​​o alla spesa per consumi. I consumatori spendono denaro per acquistare beni e servizi, come generi alimentari. La spesa dei consumatori è la componente più importante del PIL, rappresentando più di due terzi del PIL dell’Italia. La fiducia dei consumatori, quindi, ha un’incidenza molto significativa sulla crescita economica. Un livello di fiducia alto indica che i consumatori sono disposti a spendere, mentre un livello di fiducia basso riflette l’incertezza sul futuro e la riluttanza a spendere.

La spesa pubblica rappresenta la spesa per consumi pubblici e l’investimento lordo. I governi spendono soldi in attrezzature, infrastrutture e buste paga. La spesa pubblica può diventare più importante rispetto ad altre componenti del PIL di un paese quando la spesa per consumi e gli investimenti delle imprese diminuiscono notevolmente. (Ciò può accadere, ad esempio, sulla scia di una recessione.)

Per investimento si intende l’investimento domestico privato o le spese in conto capitale. Le aziende spendono denaro per investire nelle loro attività commerciali. Ad esempio, un’azienda può acquistare macchinari. L’investimento delle imprese è una componente fondamentale del PIL poiché aumenta la capacità produttiva di un’economia e aumenta i livelli di occupazione.

Le esportazioni nette sottrae le esportazioni totali dalle importazioni totali (NX = Esportazioni – Importazioni). I beni e servizi che un’economia produce esportati in altri paesi, meno le importazioni acquistate dai consumatori domestici, rappresentano le esportazioni nette di un paese . Tutte le spese delle società situate in un determinato paese, anche se si tratta di società estere, sono incluse in questo calcolo.

L’approccio di produzione (output)

L’approccio alla produzione è essenzialmente l’opposto dell’approccio alla spesa. Invece di misurare i costi di input che contribuiscono all’attività economica, l’approccio della produzione stima il valore totale della produzione economica e deduce il costo dei beni intermedi che vengono consumati nel processo (come quelli dei materiali e dei servizi). Mentre l’approccio della spesa proietta in avanti dai costi, l’approccio della produzione guarda indietro dal punto di vista di uno stato di attività economica completata.

L’approccio al reddito

L’approccio del reddito rappresenta una sorta di via di mezzo tra gli altri due approcci per il calcolo del PIL. L’approccio del reddito calcola il reddito guadagnato da tutti i fattori di produzione in un’economia, inclusi i salari pagati al lavoro, l’affitto guadagnato dalla terra, il rendimento del capitale sotto forma di interessi e profitti aziendali.

L’approccio del reddito tiene conto di alcune rettifiche per quegli elementi che non sono considerati pagamenti effettuati ai fattori di produzione. Per prima cosa, ci sono alcune tasse, come le tasse sulle vendite e le tasse sulla proprietà, che sono classificate come imposte indirette sul lavoro. Inoltre, al reddito nazionale si aggiunge anche l’ammortamento , una riserva che le imprese accantonano per tenere conto della sostituzione di attrezzature che tendono a deteriorarsi con l’uso. Tutto questo insieme costituisce il reddito di una data nazione.

Confronto tra PIL PNL e RNL

Sebbene il PIL sia una metrica ampiamente utilizzata, ci sono altri modi per misurare la crescita economica di un paese. Mentre il PIL misura l’attività economica entro i confini fisici di un paese (indipendentemente dal fatto che i produttori siano originari di quel paese o entità di proprietà straniera), il prodotto nazionale lordo (PNL) è una misura della produzione complessiva di persone o società originarie di un paese, compresi quelli con sede all’estero. Il PIL esclude la produzione interna da parte di stranieri.

Il reddito nazionale lordo (RNL) è un’altra misura della crescita economica. È la somma di tutti i redditi guadagnati dai cittadini o dai cittadini di un paese (indipendentemente dal fatto che l’attività economica sottostante si svolga o meno a livello nazionale o all’estero). La relazione tra PNL e RNL è simile alla relazione tra l’approccio della produzione (output) e l’approccio del reddito utilizzato per calcolare il PIL. Il PNL utilizza l’approccio della produzione, mentre l’RNL utilizza l’approccio del reddito. Con l’RNL, il reddito di un paese è calcolato come il suo reddito interno, più le sue imposte indirette sul lavoro e l’ammortamento (così come il suo reddito netto). La cifra per il reddito netto dei fattori esteri viene calcolata sottraendo tutti i pagamenti effettuati a società e individui stranieri da quei pagamenti effettuati a imprese nazionali.

In un’economia sempre più globale, l’RNL è stato presentato come un parametro potenzialmente migliore per la salute economica generale rispetto al PIL. Poiché alcuni paesi hanno la maggior parte del loro reddito ritirato all’estero da società e individui stranieri, i loro dati sul PIL sono molto più alti di quelli che rappresentano il loro RNL.

Ad esempio, nel 2018, il PIL del Lussemburgo era di $ 70,9 miliardi mentre il suo RNL era di $ 45,1 miliardi. La discrepanza era dovuta ai grandi pagamenti effettuati al resto del mondo tramite società straniere che facevano affari in Lussemburgo, attratte dalle leggi fiscali favorevoli della piccola nazione. Al contrario, In Italia, RNL e PIL non differiscono sostanzialmente. Nel 2020, il PIL dell’Italia era di € 1.651,6 miliardi .

Adeguamenti al PIL

Ci sono una serie di aggiustamenti che possono essere fatti al PIL di un paese al fine di migliorare l’utilità di questa cifra. Per gli economisti, il PIL di un paese rivela le dimensioni dell’economia ma fornisce poche informazioni sul tenore di vita in quel paese. In parte il motivo è che le dimensioni della popolazione e il costo della vita non sono coerenti in tutto il mondo. Ad esempio, confrontare il PIL nominale della Cina con il PIL nominale dell’Irlanda non fornirebbe informazioni molto significative sulla realtà della vita in quei paesi perché la Cina ha circa 300 volte la popolazione dell’Irlanda.

Per aiutare a risolvere questo problema, gli statistici a volte confrontano il PIL pro capite tra i paesi. Il PIL pro capite viene calcolato dividendo il PIL totale di un paese per la sua popolazione, e questa cifra viene spesso citata per valutare il tenore di vita della nazione. Anche così, la misura è ancora imperfetta. Supponiamo che la Cina abbia un PIL pro capite di € 1.500, mentre l’Irlanda ha un PIL pro capite di € 15.000. Ciò non significa necessariamente che l’irlandese medio stia 10 volte meglio della persona cinese media. Il PIL pro capite non tiene conto di quanto sia costoso vivere in un paese.

La parità di potere d’acquisto (PPP) tenta di risolvere questo problema confrontando il numero di beni e servizi che un’unità di moneta aggiustata per il tasso di cambio può acquistare in diversi paesi, confrontando il prezzo di un articolo, o paniere di articoli, in due paesi dopo l’adeguamento per il tasso di cambio tra i due, in vigore.

Il PIL reale pro capite, corretto per la parità del potere d’acquisto, è una statistica molto raffinata per misurare il reddito reale, che è un elemento importante del benessere. Un individuo in Irlanda potrebbe guadagnare € 100.000 all’anno, mentre un individuo in Cina potrebbe guadagnare € 50.000 all’anno. In termini nominali, il lavoratore in Irlanda sta meglio. Ma se un anno di cibo, vestiti e altri articoli costa tre volte di più in Irlanda che in Cina, tuttavia, il lavoratore in Cina ha un reddito reale più elevato.

Come utilizzare i dati del PIL

L’impatto sul mercato del PIL è generalmente limitato, poiché è “retrospettivo” ed è già trascorso un periodo di tempo considerevole tra la fine del trimestre e il rilascio dei dati sul PIL. Tuttavia, i dati sul PIL possono avere un impatto sui mercati se i numeri effettivi differiscono notevolmente dalle aspettative. Ad esempio, l’S & P 500 ha avuto il suo più grande calo in due mesi il 7 novembre 2013, secondo i rapporti secondo cui il PIL degli Stati Uniti è aumentato a un tasso annualizzato del 2,8% nel terzo trimestre, rispetto alla stima degli economisti del 2%. I dati hanno alimentato la speculazione che l’economia più forte potrebbe portare la Federal Reserve statunitense (la Fed) a ridimensionare il suo massiccio programma di stimolo in vigore all’epoca.

Poiché il PIL fornisce un’indicazione diretta della salute e della crescita dell’economia, le aziende possono utilizzare il PIL come guida per la loro strategia aziendale. I governi, utilizzano il tasso di crescita e altre statistiche del PIL come parte del loro processo decisionale per determinare il tipo di politiche monetarie da attuare. Se il tasso di crescita sta rallentando, potrebbero attuare una politica monetaria espansiva per cercare di rilanciare l’economia. Se il tasso di crescita è robusto, potrebbero utilizzare la politica monetaria per rallentare le cose nel tentativo di scongiurare l’inflazione.

Il PIL reale è l’indicatore che dice di più sulla salute dell’economia. È ampiamente seguito e discusso da economisti, analisti, investitori e responsabili politici. Il rilascio anticipato degli ultimi dati muoverà quasi sempre i mercati, sebbene tale impatto possa essere limitato come indicato sopra.

PIL e investimenti

Gli investitori guardano al PIL poiché fornisce un quadro per il processo decisionale. I dati “utili aziendali” e “inventario” nel rapporto del PIL sono una grande risorsa per gli investitori azionari, poiché entrambe le categorie mostrano una crescita totale durante il periodo; I dati sui profitti aziendali mostrano anche i profitti al lordo delle imposte, i flussi di cassa operativi e le ripartizioni per tutti i principali settori dell’economia. Il confronto dei tassi di crescita del PIL di diversi paesi può svolgere un ruolo nell’asset allocation, aiutando a decidere se investire in economie in rapida crescita all’estero e, in caso affermativo, quali.

Una metrica interessante che gli investitori possono utilizzare per avere un’idea della valutazione di un mercato azionario è il rapporto tra la capitalizzazione di mercato totale e il PIL , espresso in percentuale. L’equivalente più vicino a questo in termini di valutazione delle azioni è la capitalizzazione di mercato di una società sulle vendite totali (o ricavi), che in termini per azione è il ben noto rapporto prezzo/vendita.

Proprio come le azioni di diversi settori commerciano a rapporti prezzo/vendita ampiamente divergenti, nazioni diverse commerciano a rapporti di capitalizzazione di mercato / PIL che sono letteralmente dappertutto. Ad esempio, secondo la Banca mondiale , gli Stati Uniti avevano un rapporto tra capitalizzazione di mercato e PIL di quasi il 165% per il 2017 (l’ultimo anno per i dati disponibili), mentre la Cina aveva un rapporto di poco superiore al 71% e Hong Kong aveva un rapporto del 1274%.

Tuttavia, l’utilità di questo rapporto sta nel confrontarlo con le norme storiche per una particolare nazione. Ad esempio, gli Stati Uniti avevano un rapporto tra capitalizzazione di mercato e PIL del 130% alla fine del 2006, che è sceso al 75% entro la fine del 2008. In retrospettiva, queste rappresentavano rispettivamente zone di sostanziale sopravvalutazione e sottovalutazione, per le azioni statunitensi.

Il più grande svantaggio di questi dati è la sua mancanza di tempestività; gli investitori ricevono solo un aggiornamento per trimestre e le revisioni possono essere abbastanza grandi da alterare in modo significativo la variazione percentuale del PIL.

Storia del PIL

Il concetto di PIL fu proposto per la prima volta nel 1937 in un rapporto al Congresso degli Stati Uniti in risposta alla Grande Depressione, concepito e presentato da un economista del National Bureau of Economic Research, Simon Kuznets. A quel tempo, il sistema di misurazione preminente era il PNL. Dopo la conferenza di Bretton Woods nel 1944, il PIL è stato ampiamente adottato come mezzo standard per misurare le economie nazionali, anche se ironicamente gli Stati Uniti hanno continuato a utilizzare il PIL come misura ufficiale del benessere economico fino al 1991, dopo di che è passato al PIL.

A partire dagli anni ’50, tuttavia, alcuni economisti e responsabili politici iniziarono a mettere in discussione il PIL. Alcuni hanno osservato, ad esempio, una tendenza ad accettare il PIL come indicatore assoluto del fallimento o del successo di una nazione, nonostante la sua incapacità di tenere conto della salute, della felicità, della (in) uguaglianza e di altri fattori costitutivi del benessere pubblico. In altre parole, questi critici hanno richiamato l’attenzione su una distinzione tra progresso economico e progresso sociale. Tuttavia, la maggior parte delle autorità, come Arthur Okun , un economista del Council of Economic Advisers del presidente Kennedy, ha tenuto ferma la convinzione che il PIL è un indicatore assoluto di successo economico, sostenendo che per ogni aumento del PIL ci sarebbe un corrispondente calo della disoccupazione.

Critiche al PIL

Ovviamente ci sono degli svantaggi nell’usare il PIL come indicatore. Oltre alla mancanza di tempestività, alcune critiche al PIL come misura sono:

  • Ignora il valore dell’attività economica informale o non registrata : il PIL si basa sulle transazioni registrate e sui dati ufficiali, quindi non tiene conto dell’entità dell’attività economica informale. Il PIL non riesce a tenere conto del valore dell’occupazione  sottobanco, dell’attività del mercato nero o del lavoro volontario non retribuito, il che può essere significativo in alcune nazioni. e non può spiegare il valore del tempo libero o della produzione domestica, che sono condizioni onnipresenti della vita umana in tutte le società.
  • È geograficamente limitato in un’economia globalmente aperta : il PIL non tiene conto dei profitti guadagnati in una nazione da società estere che vengono rimessi agli investitori stranieri. Ciò può sovrastimare la produzione economica effettiva di un paese. Ad esempio, l’Irlanda aveva un PIL di $ 210,3 miliardi e PNL di $ 164,6 miliardi nel 2012, la differenza di $ 45,7 miliardi (o 21,7% del PIL) era in gran parte dovuta al rimpatrio dei profitti da parte di società straniere con sede in Irlanda.
  • Sottolinea la produzione materiale senza considerare il benessere generale : la crescita del PIL da sola non può misurare lo sviluppo di una nazione o il benessere dei suoi cittadini, come notato sopra. Ad esempio, una nazione potrebbe registrare una rapida crescita del PIL, ma ciò potrebbe comportare un costo significativo per la società in termini di impatto ambientale e un aumento della disparità di reddito.
  • Ignora l’attività business-to-business : il PIL considera solo la produzione di beni finali e nuovi investimenti di capitale e compensa deliberatamente la spesa intermedia e le transazioni tra le imprese. In tal modo, il PIL sopravvaluta l’importanza del consumo rispetto alla produzione nell’economia ed è meno sensibile come indicatore delle fluttuazioni economiche rispetto alle metriche che includono l’attività business-to-business.
  • Conta i costi e gli sprechi come vantaggi economici : il PIL conta tutte le spese finali private e governative come aggiunte al reddito e alla produzione per la società, indipendentemente dal fatto che siano effettivamente produttive o redditizie. Ciò significa che le attività ovviamente improduttive o addirittura distruttive vengono regolarmente conteggiate come produzione economica e contribuiscono alla crescita del PIL. Ad esempio, ciò include la spesa diretta all’estrazione o al trasferimento di ricchezza tra i membri della società piuttosto che alla produzione di ricchezza (come i costi amministrativi della tassazione o il denaro speso per lobbismo e la ricerca di rendite), spese per progetti di investimento per i quali non sono disponibili i beni e la manodopera complementari necessari o per i quali non esiste l’effettiva domanda dei consumatori (come la costruzione di città fantasma vuote o ponti in nessun luogo estranei a qualsiasi rete stradale).

Fonti per i dati sul PIL

La Banca Mondiale ospita uno dei database basati sul web più affidabili. Ha uno degli elenchi migliori e più completi di paesi per i quali tiene traccia dei dati sul PIL. L’International Money Fund (FMI) fornisce anche dati sul PIL attraverso i suoi molteplici database, come World Economic Outlook e International Financial Statistics.

Un’altra fonte altamente affidabile di dati sul PIL è l’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). L’OCSE fornisce non solo dati storici ma anche previsioni per la crescita del PIL. Lo svantaggio dell’utilizzo del database OCSE è che tiene traccia solo dei paesi membri dell’OCSE e di alcuni paesi non membri. Per quanto riguarda L’Italia la fonte più affidabile rimane l‘ISTAT

Considerazioni finali

Il PIL consente ai responsabili politici e alle banche centrali di giudicare se l’economia si sta contraendo o in espansione, se ha bisogno di una spinta o di una moderazione e se una minaccia come una recessione o l’inflazione si profila all’orizzonte. Come ogni misura, il PIL ha le sue imperfezioni. Negli ultimi decenni, i governi hanno creato varie modifiche sfumate nel tentativo di aumentare la precisione e la specificità del PIL. Anche i mezzi di calcolo del PIL si sono evoluti continuamente dalla sua concezione in modo da stare al passo con le misurazioni in evoluzione dell’attività industriale e della generazione e del consumo di nuove forme emergenti di beni immateriali.

Domande frequenti

Qual è una semplice definizione di PIL?

Il prodotto interno lordo (PIL) è una misura che cerca di catturare la produzione economica di un paese. I paesi con un PIL maggiore avranno una maggiore quantità di beni e servizi generati al loro interno e generalmente avranno uno standard di vita più elevato. Per questo motivo, molti cittadini e leader politici vedono la crescita del PIL come una misura importante del successo nazionale, spesso riferendosi alla “crescita del PIL” e alla “crescita economica” in modo intercambiabile. A causa di varie limitazioni, tuttavia, molti economisti hanno sostenuto che il PIL non dovrebbe essere utilizzato come indicatore del successo economico complessivo, tanto meno del successo di una società più in generale.

Quale paese ha il PIL più alto?

I paesi con i due PIL più alti al mondo sono gli Stati Uniti e la Cina. Tuttavia, la loro classifica varia a seconda di come misuri il PIL. Utilizzando il PIL nominale, gli Stati Uniti sono al primo posto con un PIL di $ 21,37 trilioni nel 2019, rispetto ai $ 14,3 trilioni della Cina. Molti economisti, tuttavia, sostengono che è più accurato utilizzare il PIL per parità di potere d’acquisto (PPP) come misura della ricchezza nazionale. Secondo questa metrica, la Cina è in realtà il leader mondiale, con un PIL PPA di $ 23,5 trilioni, seguito da $ 21,4 trilioni per gli Stati Uniti.

Un PIL elevato è positivo?

La maggior parte delle persone percepisce un PIL più elevato come una cosa positiva, perché è associato a maggiori opportunità economiche e a un migliore standard di benessere materiale. È possibile, tuttavia, che un paese abbia un PIL elevato e sia ancora un luogo poco attraente in cui vivere, quindi è importante considerare anche altre misurazioni. Ad esempio, un paese potrebbe avere un PIL elevato e un PIL pro capite basso , suggerendo che esiste una ricchezza significativa ma è concentrata nelle mani di pochissime persone. Un modo per affrontare questo problema è considerare il PIL insieme a un’altra misura dello sviluppo economico, come l’ indice di sviluppo umano (ISU).

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia