Economia

Che cos’è l’EBIT?

 

EBIT sta per Earnings Before Interest e Taxes ed è uno degli ultimi subtotali del conto economico prima dell’utile netto. L’EBIT è anche a volte indicato come reddito operativo ed è chiamato cosi perché si trova deducendo tutti i costi operativi (sia i costi di produzione e non produzione) dai ricavi di vendita.

Dividendo l’EBIT per i ricavi di vendita si indica il margine operativo, espresso in percentuale (ad esempio, il margine operativo del 15%). Il margine può essere paragonato ai margini operativi negli anni precedenti, all’attuale margine di profitto netto e al margine lordo dell’impresa, o ai margini di altre imprese analoghe che operano nello stesso settore.

EBIT Formula

Gli utili al lordo di interessi e imposte possono essere calcolati in due modi. Il primo è iniziare con l’EBITDA e poi detrarre ammortamenti. In alternativa, se una società non utilizza la metrica EBITDA, i proventi operativi possono essere trovati sottraendo le spesse generali e amministrative (esclusi Interesse ma compreso l’ammortamento) dal profitto lordo.

Le spesse generali e amministrative: include tutte le spese di non produzione sostenute da una società in un determinato periodo. Ciò include spese come affitto, pubblicità, marketing, contabilità, contenzioso, viaggi, pasti, stipendi di gestione, bonus e altro ancora. A volte, può anche includere spese di ammortamento, a seconda di ciò a cui è correlato.

Ecco le due formule EBIT:

EBIT = Utile Netto + Interessi + Imposte

EBIT = EBITDA – Spese di ammortamento

A partire dall’utile netto e dall’aggiunta di interessi e imposte è il più semplice, in quanto queste voci verranno sempre visualizzate nel conto economico. L’ammortamento può essere visualizzato solo nel rendiconto del flusso di cassa per alcune aziende.

LEGGI ANCHE  Qual è la differenza tra EBIT ed EBITDA?

Per il flusso di cassa

Gli utili al lordo di interessi e imposte possono essere utilizzati come proxy per il flusso di cassa gratuito in alcuni settori: funziona bene purché sia applicato a società stabili e mature con spese in conto capitale relativamente coerenti. La metrica EBIT è strettamente legata flusso di cassa disponibile (FCF).

FCF può essere trovato attraverso la seguente formula:

Z - Che cos'è l'EBIT?

FCF = EBIT (1 – T) + D&A + Δ NWC – CapEx

Dove:

FCF = Flusso di cassa disponibile

T = Aliquota media d’imposta

Δ NWC = Variazione del capitale di lavoro non in contanti

CapEx = Spese in conto capitale

Per saperne di più, consulta le nostre guide sul flusso di cassa e sul flusso di cassa disponibile.

Multiplo EV/EBIT 

Il multiplo EV/EBITDA viene spesso utilizzato analisi aziendale comparabili per dare valore a un’azienda. Prendendo il valore aziendale (EV) della società e dividendolo per il reddito operativo annuale della società, possiamo determinare quanto gli investitori sono disposti a pagare per ogni unità di EBIT.

Esempio:

Una società ha riportato una capitalizzazione di mercato di € 50 milioni, un debito di € 20 milioni e contanti di € 10 milioni. La società ha anche registrato un utile netto 2018 di € 4 milioni, tasse di € 1 milione e interessi passivi di € 1 milione. Cos’è il multiplo EV/EBIT 2018?

Soluzione:

EV = €50M + €20M – €10M = €60M

EBIT = €4M + €1M + €1M = €6M

EV/EBIT 2018 = 10,0x

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

1 Comment

  1. […] prima di prendere in considerazione gli interessi, le imposte o il costo del capitale. L’EBIT può essere definito come un metodo che viene utilizzato per valutare la redditività […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia