Economia

Costo del capitale: definizione, formula ed esempi

Qual è il costo del capitale?

Il costo del capitale è il costo del finanziamento che una società deve pagare quando ottiene denaro in prestito o utilizza finanziamenti azionari. Una società deve essere in grado di coprire il costo del capitale per generare valore. Per determinare il costo del capitale, è necessario mettere insieme il costo del capitale proprio e il costo del debito di una società e calcolarli in base alla percentuale sia quella di debito che quella di capitale utilizzata dal proprietario per gestire la propria attività.

Vuoi espandere una linea di prodotti? Aprire una nuova sede? Acquistare nuove attrezzature? Se lavori con creditori e investitori (come fanno la maggior parte delle piccole imprese), devi conoscere il costo del capitale della tua azienda, prima di prendere qualsiasi decisione.

Il costo del capitale è uno strumento economico contabile che ti dà un’idea del costo che ci vorrà per investire in una nuova opportunità. Conoscere il costo del capitale della tua azienda aiuterà te, i tuoi creditori e i tuoi investitori a determinare se un investimento vale la pena e quale potrebbe essere il rendimento.

Il costo del capitale rappresenta un’importante metrica finanziaria per le piccole imprese, sebbene complessa. In questa guida, spiegheremo qual è il costo del capitale, come è possibile calcolarlo e alcuni esempi di come distribuirlo. Con questa conoscenza a portata di mano, sarai in grado di determinare dove distribuire il capitale al fine di massimizzare il tuo profitto.

Definizione del costo del capitale

Il costo del capitale è rappresentato dai costi di finanziamento che una società deve pagare quando ottiene denaro in prestito o utilizza finanziamenti azionari . In genere è rappresentato come tasso di interesse annuale. Conoscere il costo del capitale ti mostrerà quanto devi guadagnare su un determinato investimento affinché valga la pena (ovvero uno che ripaga i tuoi creditori e investitori e ti permette anche di avere un profitto).

Se tu, come imprenditore, stavi guardando una serie di diversi potenziali investimenti, il costo del calcolo del capitale ti mostrerebbe la quantità di denaro che potresti guadagnare investendo la stessa quantità di soldi in un investimento rispetto a un altro. Il quale potrebbe aiutarti a scegliere l’investimento che teoricamente genererebbe il massimo ritorno e profitto.

Confronto tra costo del capitale e tasso di sconto

Il costo del capitale è spesso usato come sinonimo di tasso di sconto. Tuttavia, esiste un’importante distinzione. Il tasso di sconto è un tasso stabilito dal responsabile di un’azienda che viene utilizzato per giustificare un investimento. Questo numero è in genere leggermente superiore al costo del capitale come modo per mitigare il rischio.

Quindi, se, ad esempio, il costo del capitale della tua azienda è del 10%, potresti impostare il tasso di sconto al 12% per offrirti un cuscinetto nel caso in cui l’investimento non vada come previsto. Per tanto significa che l’investimento deve produrre un tasso di rendimento ancora più elevato per essere considerato utile.

Formula del costo del capitale

La formula del costo del capitale è formato da:

Il costo del capitale proprio e Il costo del debito di un’azienda, sommati e ponderati in base alla percentuale di debito e capitale che il proprietario utilizza per gestire l’attività. Quindi, per essere in grado di determinare il costo del capitale, dobbiamo prima capire il costo del debito di un’azienda e il costo del capitale proprio.

Formula del costo del capitale

 

Isteresi passivi    
              X                    =    Costo del capitale di debito   X    debito ponderato    Aliquota d’imposta fiscale = costo del capitale ponderato
                                                                                                                                                                                 Tasso di interesse privo di rischio
             +
        Beta                     = costo del capitale proprio          x            capitale proprio ponderato
            X
                                                             Tasso di mercato – Tasso privo di rischio          

Beta è una misura storica della instabilità. Beta misura il modo in cui un’attività si muove rispetto a un punto di riferimento (ovvero un indice).

Il risultato ottenuto del costo del capitale, chiamato anche WACC è molto utile per i flussi di cassa operativi con l’obiettivo della valutazione della tua d’azienda.

Costo del debito

Il costo del debito è l’importo totale degli interessi che un’azienda paga sui prestiti, carte di credito, obbligazioni e altre forme di debito. Poiché le società possono detrarre gli interessi pagati sul debito aziendale, il costo del debito è generalmente calcolato al netto delle imposte.

La formula per il costo del debito è la seguente:

Costo del debito = spesa per interessi (1 – Aliquota fiscale)

Per calcolare il costo del debito, devi prima conoscere l’aliquota media di imposta sulla tua attività. È possibile trovare questo numero utilizzando una pianificazione fiscale per prevedere l’ aliquota fiscale aziendale. Ricorda che devi tenere conto delle imposte. Per fare ciò, dividi totale del tuo ammontare fiscale per il reddito totale da imposta. Questo ti darà l’aliquota media di imposta sulla tua attività.

Costo dell’equità

Il costo del capitale proprio è il rendimento richiesto dagli azionisti quando investono nella tua attività per compensare il loro rischio. Il costo dell’equità è un numero molto più teorico poiché si basa su continui cambiamenti nel mercato. Per calcolarlo, dovresti usare la seguente formula:

Costo dell’equità  = tasso di interesse privo di rischio + beta (tasso di mercato – tasso privo di rischio)

In questa formula, beta è una misura della volatilità di un titolo in relazione al mercato. Più alta è la beta, più rischiosa è l’azione, vorresti che la beta della tua azienda aumentasse e diminuisse in stretta relazione con il mercato, il che equivarrebbe a una beta vicina a 1. Se aumenta e diminuisce più del mercato, la beta sarà superiore a 1. Se non fluttua molto, sarà inferiore a 1.

Il tasso di mercato rappresenta il rendimento atteso sul mercato azionario in questo momento. Il tasso privo di rischio è il rendimento che otterresti su un investimento privo di rischio (come un buono del tesoro). Supponiamo che l’attuale tasso di mercato sia del 10% e il tasso privo di rischio sia del 3%.

Supponendo che la beta di una società sia 1, ecco come calcolare il costo del capitale proprio:

3% + 1 (10% – 3%) = 10%

Esso significa che, date le attuali condizioni di mercato, gli investitori prevedono un ritorno del 10% sul loro investimento.

Calcolo del costo del capitale

Ora che conosciamo sia il costo del debito (11,06%) sia il costo del capitale proprio (10%), possiamo determinare il costo del capitale. Ricorda che il costo del capitale è il costo del capitale proprio di un’azienda più  il costo del debito, sommati e ponderati in base alla percentuale di debito e capitale che il proprietario utilizza per gestire l’attività.

Pertanto, il costo della formula del capitale sarà simile a la seguente:

Costo del capitale = (Costo del debito x percentuale del debito utilizzato per gestire l’attività) + (Costo del capitale x percentuale del capitale utilizzato per gestire l’attività)

Quindi, se gestissi un’azienda finanziata dal 20% di debito e dall’80% di capitale proprio, il tuo costo del capitale sarebbe simile a questo:

(11,06% x 0,2%) + (10% + 0,8%) = 10,21%

Quando si considerano i potenziali investimenti futuri, si dovrebbe scontare il 10,21% dai flussi di cassa previsti come costo del capitale prima di determinare se l’investimento è praticabile. Questo numero è anche noto come costo medio ponderato del capitale (WACC).

Quindi, se vuoi investire € 50.000 in un nuove attrezzature, saprai che il costo per farlo è di € 5.105 (50.000 x 0.1021). Se l’attrezzatura genererà entrate previste per €10.000, vale la pena investire. Ma se genererà solo € 5.000 di entrate previste, probabilmente non è un buon investimento.

Tieni presente che il costo del capitale si basa sulle attuali condizioni di mercato, quindi questo numero cambierà man mano che il mercato oscilla. Tuttavia, avere un’idea completa del proprio costo del capitale è ancora utile quando si cerca di prendere decisioni aziendali.

Trovare il tuo costo ideale del capitale

Le aziende utilizzano la formula del costo del capitale per determinare il miglior mix finanziario possibile da diverse fonti di finanziamento. Poiché i pagamenti di interessi sono deducibili dalle tasse , avere un debito maggiore rispetto al finanziamento azionario comporterà un minor costo del capitale. Tuttavia, se hai troppi debiti, potresti trovarti troppo indebitato.

L’equità, d’altra parte, di solito comporta un costo più elevato, ma non crea un rischio predefinito per l’azienda. Inoltre, di solito è più facile raccogliere una grande quantità di capitale tramite finanziamenti azionari, soprattutto se la società non ha una storia creditizia consolidata. Tieni presente, tuttavia, che maggiore è il finanziamento azionario che raccogli, minore è il controllo che hai sulla tua piccola impresa.

Utilizzo del costo del capitale per far crescere il tuo business

Utilizzando la formula del costo del capitale, puoi prendere decisioni più sicure su come distribuire i tuoi soldi. Idealmente, ti consigliamo di raccogliere abbastanza per eseguire un investimento al minor costo possibile di capitale.

Ora che sai come utilizzare la formula del costo del capitale, è utile per gestire le tue finanze aziendali in modo da facilitare la crescita e ridurre al minimo le spese generali.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia