Economia

Differenze tra Flusso di cassa e profitto: tutto ciò che devi sapere

Qual è la differenza tra Flusso di cassa e profitto?

Il profitto è il reddito rimanente dopo aver dedotto i costi aziendali, mentre il flusso di cassa è la quantità di denaro che entra ed esce da un’azienda in un dato momento. Il profitto evidenza il successo della tua azienda, mentre il flusso di cassa è più importante per mantenere l’attività operativa quotidianamente. A lungo termine, la mancanza di profitto ha un impatto negativo sul flusso di cassa.

Uno degli aspetti più importanti della contabilità per le piccole imprese è comprendere la differenza tra flusso di cassa e profitto. Molti imprenditori avviano imprese con l’obiettivo di realizzare un profitto. Anche se alcuni non si  rendono conto che il flusso di cassa è ciò che mantiene l’azienda in movimento.

Immagina che incontri il tuo commercialista alla fine dell’anno per rivedere la tua dichiarazione dei redditi e segnalano che la tua azienda ha trasformato un profitto considerevole. Anche se questa è una buona notizia, non puoi fare a meno di essere sorpreso. perché? perché non ci sono contanti in banca e non hai idea di come pagherai le tasse applicate al reddito sul profitto.

Questo accade più spesso di quanto si pensa: le aziende raggiungono un profitto pur essendo negative sul flusso di cassa, e altre hanno tanto flusso di cassa e nessun profitto da mostrare.

Quindi come un’azienda può trasformare un profitto ma non avere contanti alla fine dell’anno? Per aiutarti a capire, suddivideremo le principali differenze tra flusso di cassa e profitto. Ti forniremo anche alcuni esempi che illustrano la differenza tra flusso di cassa e profitto e forniremo alcune raccomandazioni sulla base contabile che la tua azienda dovrebbe utilizzare.

Ma prima, vediamo le nostre definizioni.

Cos’è il profitto?

Il profitto è una delle metriche chiave utilizzate per determinare il successo di un’azienda. È l’importo rimanente dopo aver dedotto i costi necessari per generare entrate. In altre parole, se il tuo fatturato mensile è di € 10,000 ma è costato alla tua azienda € 8,000 per generare quei € 10,000, il tuo margine di profitto per quel mese è di solo € 2,000.

Tuttavia, non tutti i tipi di profitto vengono creati uguali o riflettono allo stesso modo la vera redditività della tua azienda. Generalmente si usano due tipi di calcoli per illustrare il profitto della tua azienda: profitto netto e profitto lordo. Impariamo un po’ di più su entrambi:

Profitto lordo

Il profitto lordo di una società è il profitto che realizza dopo aver dedotto i costi direttamente associati alla realizzazione dei suoi prodotti o alla fornitura dei suoi servizi. Viene calcolato sottraendo le entrate aziendali dal “costo dei beni venduti” (COGS). I COGS si riferiscono a tutte le spese che è possibile attribuire completamente e direttamente alla produzione dei beni venduti da una società. Ad esempio, se si gestisce una società di vendita al dettaglio, i COGS rappresentano il costo dell’inventario venduto nel negozio.

Utile netto

L’utile netto è un riflesso più accurato della redditività della tua azienda rispetto al profitto lordo perché fattorizza passività oltre i COGS. L’utile netto si trova sottraendo i COGS, costi operativi, interessi e imposte dai ricavi. I costi operativi includono voci come buste paga per i tuoi dipendenti, affitto in uno spazio di vendita al dettaglio, pagamenti di prestiti e qualsiasi altra spesa non direttamente attribuibile alla produzione della tua offerta aziendale.

Gli interessi e le imposte includono le imposte sul reddito e sui salari, nonché gli interessi dovuti sul debito delle imprese, come un prestito aziendale.

Cos’è il flusso di cassa?

Mentre il profitto è l’obiettivo, il flusso di cassa è una metrica migliore per determinare le prospettive a breve e lungo termine della tua azienda. In poche parole, il flusso di cassa è l’importo netto del contante che entra ed esce da un’azienda in un dato momento. Si noti che la parola chiave qui è “tempo”. Il flusso di cassa può essere compreso solo attraverso l’obiettivo di un determinato intervallo di tempo. La maggior parte delle aziende tiene traccia del flusso di cassa su base mensile.

Il flusso di cassa positivo è quando hai più denaro che ti trasferisci nell’attività di quanto tu abbia trasferito in un dato momento. Il flusso di cassa negativo è l’opposto: la quantità di denaro che hai fatto uscire dall’azienda è maggiore della quantità di denaro che sta entrando.

Per determinare il flusso di cassa della tua azienda, avrai bisogno di accedere a un modello di rendiconto finanziario. Inizia sommando tutti i tuoi conti dall’inizio del mese. Successivamente, otterrai gli afflussi di cassa e i deflussi di cassa, ovvero le attività operative, di investimento e di finanziamento. Ricorda però: stiamo parlando di contanti, non di fatture o acquisti.

In altre parole, se emetti una fattura a giugno con pagamento a settembre, la contrassegnerai come “credito verso i clienti” a settembre. Allo stesso modo, se paghi per un acquisto su una carta di credito aziendale ad aprile, ma non paghi l’estratto conto della carta di credito che include quell’acquisto fino a maggio, contrassegnerai la spesa a maggio, perché è stato allora che il deflusso di cassa ha effettivamente avuto luogo.

Dopo aver registrato tutti gli afflussi e i deflussi di cassa, se il saldo di chiusura (nell’ultima riga) è superiore al saldo di apertura (prima riga), il flusso di cassa è positivo per quel mese. Se è più basso, il flusso di cassa è negativo.

Differenze tra Flusso di cassa e profitto: entrate e spese

Ora che comprendiamo le definizioni di entrambi i termini, dovrebbe diventare più chiaro qual è la differenza tra flusso di cassa e profitto. Una società può avere un flusso di cassa positivo senza alcun profitto se il contante proviene da fonti diverse dal reddito, ad esempio quando un proprietario mette i propri soldi o se prende un prestito. Questi tipi di transazioni non sono operazioni di reddito, ma piuttosto di passività o di patrimonio netto che appaiono nel bilancio.

Al contrario, una società può avere un flusso di cassa negativo pur avendo un grande profitto se i proprietari prendono contanti dall’azienda per pagare spese personali o utilizzarlo per effettuare investimenti o prestiti ad altri. Questi tipi di transazioni di cash out vengono riportati anche nel bilancio, non nel rendiconto profitti e perdite.

La differenza tra flusso di cassa e profitto si riduce in realtà alla fonte delle transazioni in contanti e alla base della contabilità.

Differenze tra flusso di cassa e profitto: base di contabilità

Mentre l’origine determina se la transazione è classificata come reddito o spesa, la base contabile determina quando si segnalano entrate e spese, le quali influiscono notevolmente sull’importo del profitto che si segnala per un periodo di tempo. Esistono due basi generali di metodi contabili: competenza e cassa. Spieghiamo ognuno.

Base di contabilità per competenza

La base contabile per competenza riconosce le entrate e le spese quando vengono sostenute. In altre parole, quando il denaro viene effettivamente ricevuto è irrilevante. Pertanto, la base contabile per competenza riguarda solo quando si sono verificate le entrate e le uscite.

Base di contabilità per cassa

La base di contabilità per cassa è l’opposto della base di contabilità per competenza. Nella contabilità di cassa, i ricavi vengono riconosciuti solo quando vengono ricevuti e le spese quando vengono pagati, non quando i ricavi vengono guadagnati e le spese vengono sostenute. In altre parole, quando il reddito o la spesa colpisce il tuo portafoglio è ciò che conta.

Molti imprenditori utilizzano la base di cassa della contabilità per valutare la redditività della loro attività. Ma questo può essere un grosso problema se la tua azienda estende il credito ai tuoi clienti o utilizza il credito per finanziare i tuoi acquisti perché tali transazioni non si rifletteranno nell’attività del conto bancario fino a quando non vengono pagate.

Se la tua azienda utilizza il credito, probabilmente utilizzi un foglio di calcolo o un sistema di contabilità a partita doppia per tenere traccia di ciò che i tuoi clienti ti devono e di quanto devi ai tuoi fornitori. Queste fatture vengono registrate rispettivamente nei libri contabili.
Quando si ricevono o si erogano pagamenti, si contrassegnano le fatture come pagate nei libri contabili e si riduce il totale.
I crediti e i debiti sono entrambi riportati nel bilancio.
Per capire come la base contabile delle transazioni potrebbe influire sul tuo profitto per un determinato periodo, diamo un’occhiata a un esempio.

Il tuo conto aziendale mostra i seguenti assegni e depositi per il periodo di luglio:

DataDescrizionePrelievoDepositoSaldo
Saldo Iniziale €5,000
01-07-20Pubblicità€2,000€3,000
01-07-20Affitto luglio€1,500€1,500
05-07-20Versamento€10,000€11,000
12-07-20Salari€4,000€7,500
25-07-20Versamento€5,000€12,500
30-07-20Affitto Agosto€1,500€15,000€11,000
Totale€9,000

Possiamo vedere che la società ha depositato € 6,000 in più sul conto bancario rispetto a quanto speso per il mese, il che ha aumentato il saldo di cassa a € 11,000.

Ora diamo un’occhiata a come queste transazioni vengono segnalate:

Entrate /usciteImportoData EffettuatoData PagamentoPer competenzaPer Cassa
Vendite€10,00006-05-2005-07-20€0€0
Vendite€5,00015-07-2025-07-20€5,000€5,000
Totale Luglio€5,000€15,000
Pubblicità€2,00001-07-2001-07-20€2,000€2,000
Affitto luglio€1,50001-07-2001-07-20€1,500€1,500
Salari€4,00028-06-2012-07-20€0€4,000
Affitto Agosto€1,50001-08-2031-07-20€0€1,500
Totale uscite€3,500€9,000
Profitto - luglio€1,500€6,000

Sia in contanti che per competenza: nota che il profitto per competenza è significativamente inferiore al profitto della base di cassa. Diamo un’occhiata alle differenze e a come il profitto potrebbe essere così diverso:

  1. Il deposito di € 10,000 il 5 luglio era in realtà il pagamento di una vendita che si è verificata a giugno e sarebbe stata inclusa nel conto profitti e perdite di giugno.
  2. Lo stesso vale per il libro paga, pagato il 12 luglio che era per il periodo retributivo che termina il 28 giugno.
  3. Il pagamento dell’affitto effettuato il 31 luglio non è incluso nel conto profitti e perdite per luglio perché è un pagamento anticipato dell’affitto di agosto e sarà incluso nel rendiconto profitti e perdite di agosto.

Puoi notare come la base della contabilità possa davvero fare la differenza nei profitti segnalati di un’azienda e nel suo profitto. È importante sapere se la tua azienda segnala il suo reddito  in contanti o per competenza sulla tua dichiarazione dei redditi. Se esegui la tua attività in contanti ma fai rapporto per competenza, puoi scommettere che ci saranno differenze. Assicurati di sapere cosa aspettarti lavorando con un professionista fiscale qualificato.

Differenze tra flusso di cassa e profitto: in conclusione

Quando si confrontano il flusso di cassa con il profitto, tenere presente che il profitto è il reddito rimanente dopo aver dedotto tutti i costi associati all’esercizio dell’attività, mentre il flusso di cassa è la quantità di denaro in uscita da un’azienda in un dato momento. Pertanto, la differenza fondamentale tra flusso di cassa e profitto è il tempo. Il profitto non può mostrarti l’intero quadro di come la tua attività sta andando finanziariamente perché il profitto non ti dice quando arrivano quegli afflussi e deflussi di denaro. In altre parole, non può darti una comprensione quotidiana del benessere finanziario della tua azienda.

In breve, il profitto può mostrarti quanto sia di successo la tua attività, ma non può dirti se la tua azienda ha i soldi per sopravvivere a lungo termine. D’altra parte, un’attività non redditizia e positiva al flusso di cassa avrà difficoltà a rimanere positiva per lungo tempo.

Ora che capisci la differenza tra flusso di cassa e profitto, puoi gestire la contabilità della tua piccola impresa in modo più responsabile e assicurarti che la tua azienda sia in crescita in modo sostenibile.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
2
Interessante
2
Wow
2
Non ho capito..
1

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Economia