Economia

Ottieni il tuo flusso di cassa positivo al più presto: la guida totale

Ottieni il tuo flusso di cassa positivo al più presto: la guida totale

Che cos’è il flusso di cassa?

Il flusso di cassa costituisce la base dell’informativa finanziaria. In poche parole, il flusso di cassa è la quantità netta di denaro che entra ed esce da un’azienda in un preciso momento. La parola chiave qui è “tempo”. Il flusso di cassa può essere compreso solo attraverso l’obiettivo di un determinato periodo di tempo. Molte aziende monitorano il proprio flusso di cassa su base mensile.

Il tuo flusso di cassa ti offre una migliore comprensione della liquidità, flessibilità e prestazioni finanziarie complessive della tua azienda.

Il più grande atto di bilanciamento che svolgi sempre come imprenditore è basato sul denaro che esce contro il denaro che entra. E sebbene la redditività sia certamente qualcosa a cui dovresti prestare attenzione, più che altro, la migliore metrica per capire la tua sopravvivenze nel breve e lungo termine è guardando il flusso di cassa della tua azienda. In particolare, indipendentemente dal fatto che il risultato sia positivo al flusso di cassa.

Esamineremo il significato del flusso di cassa positivo, ti mostreremo quale è un buon flusso di cassa e quali misure adottare per ottenere, il più presto possibile il tuo flusso di cassa positivo.

Cosa significa avere il flusso di cassa positivo?

Per far funzionare la tua azienda, hai bisogno di denaro in banca per pagare i tuoi dipendenti, acquistare inventario o materie prime e coprire tutti gli altri costi operativi. Per fare ciò, usi il capitale circolante che è stato investito nella tua attività o il denaro che hai ricevuto da vendite e crediti.

Il problema si presenta quando un’azienda diversamente sana, che guadagna più denaro di quanto spenda, con una domanda elevata per il suo prodotto o servizio e un forte volume di crescita, lotta con i tempi delle spese relative alle vendite. Anche se la traiettoria finanziaria a lungo termine della tua azienda è forte, puoi entrare rapidamente in difficoltà con il flusso di cassa della tua attività se rimani senza soldi spendendo di più a breve termine di quanto tu stia incassando.

Perché essere positivi ai flussi di cassa aziendali è fondamentale per la sopravvivenza: un esempio

Immagina che nel corso di un mese, la tua azienda abbia un volume di vendite di € 50.000. All’inizio del mese, stimate i costi in affitto, buste paga e materie prime a circa € 46.000. Questo ti lascia con € 4.000 di profitto, giusto?

Ma alcuni dei tuoi più grandi clienti sono altre aziende per le quali hai dovuto inviare le fatture per quei € 50.000. Soltanto che alcuni pagamenti sono ancora in sospeso. E per qualche altra vendita, stai ancora aspettando che i pagamenti vengano elaborati dalla società delle carte di credito, in modo che il denaro non abbia effettivamente colpito il tuo conto bancario aziendale. Entro la fine del mese, in realtà hai un afflusso di cassa di € 45.000, con € 5.000 di crediti ancora in sospeso.

Totale fatturato € 50.000 – Totale Incassati € 45.000 = € 5.000 di crediti in sospeso


Totale fatturato € 50.000 – Totale costo produzione € 46.000 = € 4.000 di profitto

In tal caso, quindi, hai speso € 1.000 in più di quanto hai guadagnato.

Quindi, anche se è vero che una singola istanza di flusso di cassa negativo potrebbe non essere un grosso problema, scenari frequenti di flusso di cassa negativo possono rappresentare il fallimento di un’azienda apparentemente di successo. Se questo accade tre, cinque o 10 mesi consecutivi, all’improvviso sei fuori decine di migliaia di euro. Anche se viene stipulato un contratto di grandi dimensioni, potresti non essere in grado di coprire l’affitto e pagare i tuoi dipendenti fino a quel momento, e la tua attività potrebbe non arrivare fino alla fine dell’anno.

Definizioni aziendali: flusso di cassa positivo vs. redditività

Molti nuovi imprenditori sentono il termine “flusso di cassa positivo” e presumono che significhi la stessa cosa della redditività o del “pareggio”. Tuttavia, sebbene i due termini siano correlati, in realtà non sono la stessa cosa. A quanto pare, puoi essere redditizio senza essere positivo per il flusso di cassa – e puoi essere positivo per il flusso di cassa senza essere redditizio!

LEGGI ANCHE  Consulting Italia Group Spa all'incontro Assolombarda su Uzbekistan e Via della Seta

Significato positivo del flusso di cassa: il flusso di cassa positivo significa che hai più denaro in entrata nella tua attività di quello che ne esce in un dato momento.

Significato della redditività: la redditività, d’altra parte, misura un numero più grande. Il tuo profitto è quello che ti rimane dopo che tutte le tue spese sono state pagate. Alla fine dell’anno, la tua azienda ha fatto più soldi di quanti ne ha spesi? In tal caso, hai realizzato un profitto per quell’anno fiscale, ma potresti averlo fatto anche se hai avuto diversi attacchi spaventosi di flusso di cassa negativo in vari punti durante l’anno.

Come calcolare se il flusso di cassa è positivo

Il calcolo del flusso di cassa aziendale ti dice da dove proviene il tuo denaro, dove sta andando e in che modo i tempi dei tuoi afflussi e deflussi di denaro funzionano insieme. Ecco come puoi capire se, in realtà, hai un flusso di cassa positivo o no.

Se non hai mai fatto questo calcolo prima, inizia con il modello di flusso di cassa per aiutarti con la tua analisi.

Nella parte superiore, elencherai i contanti disponibili all’inizio di ogni mese. Se disponi di più conti bancari aziendali, aggiungi tutti i conti che hai per il tuo totale di denaro che hai a portata di mano.

Se stai cercando di esaminare il tuo flusso di cassa storico, ovvero come il denaro si è spostato dentro e fuori dalla tua attività in passato, piuttosto che una proiezione per il futuro, potresti essere in grado di utilizzare i tuoi estratti conto bancari passati. Molti estratti conto bancari includono una colonna che mostra il saldo del conto bancario dopo ogni transazione. Inizia con il saldo dopo l’ultima transazione in un determinato mese per determinare il saldo iniziale per il mese successivo.

Successivamente, riempirai i tuoi afflussi e deflussi di denaro, ovvero le tue attività operative, attività di investimento e attività di finanziamento. Il trucco qui, però, è ricordare che stiamo parlando di contanti, non di fatture o acquisti.

Se invii una fattura a un cliente a giugno, ma non viene pagata a settembre, la contrassegnerai come “incassi su crediti ” a settembre. Allo stesso modo, se paghi per un acquisto su una carta di credito aziendale in aprile, ma non paghi l’estratto conto della carta di credito incluso quell’acquisto fino a maggio, contrassegnerai la spesa a maggio ai fini del rendiconto del flusso di cassa, perché è quando effettivamente è avvenuto il deflusso di cassa.

Dopo aver inserito tutti gli afflussi e deflussi di cassa in un determinato mese, se il saldo di chiusura (nell’ultima riga) è superiore al saldo di apertura (prima riga), il flusso di cassa è positivo per quel mese. Se è inferiore, il flusso di cassa è negativo.

Come calcolare la tua redditività

Per illustrare la differenza tra questi due, facciamo un rapido aggiornamento sul calcolo della redditività della tua azienda. Esistono due passaggi per calcolare la redditività della tua azienda. Il primo passo è il calcolo del profitto lordo, ovvero le entrate meno il costo delle merci vendute.

Quindi, supponiamo che tu possieda un panetteria e che tu abbia incassato € 50.000 per il mese di maggio, ma le forniture per la cottura ti costano € 25.000: il tuo profitto lordo sarebbe di € 25.000.

Entrate – Costo delle merci vendute = Utile lordo

Entrate: € 50.000

Costo delle merci vendute: – € 25.000

Utile lordo = € 25.000

Naturalmente, a meno che tu non stia vendendo prodotti da forno fuori dal seminterrato di tua madre, sai che i tuoi prodotti da forno non sono gli unici costi di gestione e gestione del tuo forno. Hai anche le tue spese operative come affitto, attrezzature, buste paga, marketing, che ci porta al secondo passo: calcolare il tuo utile netto.

Utile lordo – Spese operative = Utile netto

Entrate: € 50.000

Costo delle merci vendute: – € 25.000

Utile lordo = € 25.000

Spese operative: – € 15.000

Utile netto = € 10.000

Cosa non ti dice il tuo profitto?

Quando si confrontano questi due calcoli fianco a fianco, diventa molto più chiaro che il semplice calcolo dei profitti non mostra l’intero quadro di come la tua azienda sta funzionando finanziariamente. Poiché il profitto non ti dice quando si verificano quegli afflussi e deflussi di denaro, non serve come indicatore quotidiano dello stato finanziario della tua azienda.

Il profitto non ti dice se pagherai le buste paga il mese prossimo. Non ti dice se puoi acquistare un nuovo lotto di inventario. Non ti avverte che potresti essere immediatamente in difficoltà nel momento in cui arrivano le tasse. Quindi, sebbene il profitto sia una misura importante del successo, non ti dice nulla sulla sopravvivenza.

Perché è importante la gestione del flusso di cassa aziendale?

Come discusso in precedenza, le dichiarazioni dei redditi non mostrano l’intera attività. Quindi, anche se stai mostrando profitti sulla carta, potresti non avere abbastanza soldi per pagare le bollette. Ecco dove entra in gioco una buona gestione del flusso di cassa.

1. La gestione del flusso di cassa è più precisa rispetto al budget

Gestendo correttamente il tuo flusso di cassa, otterrai una lettura significativamente più accurata sullo stato finanziario della tua attività. Il tuo budget è semplicemente una stima degli afflussi e deflussi di denaro della tua azienda. E una stima, come sai, è proprio questo: uno schizzo approssimativo. Le proiezioni del flusso di cassa, d’altra parte, possono dirti esattamente cosa sta succedendo e quindi puoi prepararti di conseguenza.

LEGGI ANCHE  Qual è la differenza tra EBITDA e utile netto?

Per assicurarti che le tue previsioni sul flusso di cassa siano il più accurate possibile, analizza i tuoi indicatori aziendali, stima la cronologia delle prenotazioni di vendita, comprendi il budget, raccogli i dati in forma accurata e, naturalmente, assicurati di mantenere e aggiornare regolarmente le tue previsioni.

2. La pratica della gestione del flusso di cassa ti aiuta a prevedere quando il denaro sarà limitato.

Gestire correttamente il tuo flusso di cassa ti aiuterà in molti modi, ma una delle cose migliori che può aiutarti a farlo è prepararti. Le cose sarebbero molto più facili se i tuoi afflussi e deflussi di denaro fossero gli stessi ogni mese, ma sfortunatamente e fortunatamente non è così.

Se possiedi un’attività stagionale, puoi iniziare a identificare determinati modelli nelle fluttuazioni del flusso di cassa. Potresti notare che, durante alcuni mesi dell’anno, le tue finanze saranno molto strette. Ma con la giusta gestione, puoi prepararti a gestire questa piccola quantità di denaro ed evitare di trovarti in difficoltà al momento di pagare le bollette. Se si hanno fluttuazioni del flusso di cassa in un ciclo stagionale, prendere in considerazione i prestiti di flusso di cassa per aiutarvi ad equilibrare la situazione.

3. Sapere di avere un buon flusso di cassa riduce l’ansia.

Non c’è niente di più stressante che imbattersi in problemi di denaro, soprattutto se sei un imprenditore che sta cercando di far crescere un’azienda di successo. Sarai in grado di ridurre queste ansie, non lasciando che le cose accadano naturalmente, ma assumendo il controllo.

Se stai tenendo traccia dei soldi che entrano e escono dalla tua attività, sarai consapevole di quando le tue fatture devono essere pagate e puoi prevedere e prepararti quando avrai una carenza di flusso di cassa. Sarai in grado di alleviare le ansie dell’ignoto e di dormire facilmente sapendo che sei pronto per ciò che verrà.

4. Essere positivi al flusso di cassa renderà i creditori più propensi a fidarsi di te.

Se stai richiedendo un prestito per piccole imprese, una delle prime cose che un finanziatore guarderà è la salute del flusso di cassa della tua azienda . Ciò non dovrebbe sorprenderti, poiché l’obiettivo principale di un finanziatore è quello di vedere se sei in grado di rimborsare il prestito. Mostra loro che puoi gestire correttamente il tuo flusso di cassa e avranno molte più probabilità di fidarsi di te.

Un finanziatore sa che esistono costi imprevisti, quindi se i tuoi margini sono troppo stretti, saranno sfavorevoli a offrirti un prestito. Ovviamente, dovresti sempre pianificare di avere un po’ di soldi extra sul tuo conto bancario, soprattutto per questo motivo.

5. Conoscere il flusso di cassa della tua azienda ti offre spazio per far crescere la tua attività.

Parte del profitto che un’azienda guadagna in genere tornerà direttamente nel business per dare una mano con la crescita. Ma come sai, anche se il tuo conto profitti e perdite (conto economico) ti mostra che hai realizzato un profitto in una determinata settimana o mese, potresti non avere ancora quei soldi in mano.

Tenendo d’occhio il tuo flusso di cassa e lavorando per essere positivo, saprai esattamente quanti soldi hai attualmente a portata di mano e quanto hai ricevuto. In questo modo, sai sempre esattamente quanti soldi hai da mettere da parte per la crescita.

Come gestire il flusso di cassa aziendale e lavorare per avere un flusso di cassa positivo

Ormai, hai già imparato come utilizzare il nostro modello di proiezione del flusso di cassa per tracciare e proiettare il flusso di cassa della tua azienda. Ma cosa succede se non ti piace quello che vedi?

Ci sono alcune cose diverse che puoi fare per gestire il flusso di cassa della tua azienda al fine di evitare uno scenario pericoloso. Diamo un’occhiata alle opzioni che hai a disposizione:

Mantieni un cuscinetto di riserva

Prima di fare qualsiasi altra cosa, il primo pilastro del flusso di cassa positivo è che dovresti sempre essere preparato al peggio. Se si presenta una situazione del flusso di cassa negativo in un determinato mese, non sarà il singolo colpo di sfortuna a danneggiare in modo permanente il vostro business. Ecco perché è così importante avere una certa quantità di cuscino di riserva in contanti a portata di mano.

Nel modello di flusso di cassa, utilizzare un “minimo di allerta per il saldo di cassa” come guida per il cuscino di riserva di flusso di cassa previsto. In questo modo, il documento richiamerà l’attenzione se stai uscendo dai parametri e hai raggiunto una situazione di flusso di cassa pericolosa.

La maggior parte dei contabili consiglia almeno un mese di spese operative come cuscino di riserva disponibile. Ma se hai bisogno di un punto di partenza più piccolo, cerca di avere sempre abbastanza denaro a disposizione per coprire almeno il prossimo periodo di gestione e stipendi.

Adottare misure per essere pagato più rapidamente

Una volta compilato il modello di flusso di cassa, potrebbe essere rapidamente diventato ovvio che i crediti sono una delle maggiori sfide del flusso di cassa che la vostra azienda deve affrontare. “Ma aspetta!” dici a te stesso: “Ho fatto tutto quel lavoro a giugno! Vuoi dire che non ha fatto nulla per i miei affari fino a quando il cliente non ha finalmente pagato a settembre?!”

LEGGI ANCHE  Qual è la differenza tra ricavi e fatturato?

Le fatture non pagate sono note per essere tra i più grandi nemici dei flussi di cassa, in particolare per le piccole imprese B2B, che hanno maggiori probabilità di subire ritardi nei pagamenti da parte dei loro clienti. Senza essere proattivi sulla riscossione dei pagamenti dai tuoi clienti, potresti essere rapidamente sulla strada per una pericolosa situazione di flusso di cassa.

Ma ci sono cose che puoi fare per aumentare le tue possibilità di essere pagato più velocemente per il lavoro che svolgi.

In primo luogo, le nozioni di base: Notifiche sulle fatture con promemoria dei pagamenti in ritardo a 30, 45 e 60 giorni. Implementare penali per ritardi sulle fatture. Potresti anche considerare di offrire sconti per i clienti che pagano in anticipo!

Gestisci le tue spese

Ma anche se hai un forte cuscino di riserva e gestisci i tuoi crediti, devi comunque prestare attenzione al flusso di cassa in uscita dalla tua attività. soprattutto se stai spendendo un sacco di soldi in inventario durante mesi, ma le domande sono, quando non vendi il tuo prodotto? Hai più dipendenti rispetto al lavoro che devi affrontare?

Torna alla proiezione del flusso di cassa e cerca le spese per gli elementi pubblicitari sproporzionate rispetto alle vendite. Quali sono i modi in cui riduci o aspetti di spendere quei soldi quando li hai effettivamente a portata di mano?

In alcuni casi, la risposta potrebbe essere semplicemente che stai spendendo di più in varie spese una tantum di quelle che puoi permetterti. Quei costi di “piccola liquidità” possono sommarsi rapidamente per danneggiare il flusso di cassa. (Sì, anche quelli deducibili dalle tasse!) Prepara un budget per le tue spese quotidiane e rispettalo.

Prestare attenzione alle imposte stimate

Per molte aziende, il mese di pagamento delle tasse può essere il mese più brutto dell’anno dal punto di vista del flusso di cassa. Lavori con il tuo commercialista, il tuo documento è pronto per pagare e poi … “Aspetta. Dobbiamo pagare tutto questo?”

Se ti trovi sorpreso dal tuo F24, può succedere una delle due cose. O hai i soldi a portata di mano per pagare il conto ma questo elimina totalmente qualsiasi cuscino di riserva che hai avuto, o finisci per pagare severe sanzioni per le tasse arretrate. E nessuno vuole nessuna delle due!

Bisogna evitare un imprevisto di spese ad ogni pagamento calcolando e pagando le imposte sul reddito stimato. Prendi in considerazione la possibilità di aprire un conto corrente secondario per la tua attività e di versare un importo fisso ogni mese da destinare al pagamento delle tasse.

Rendendo i pagamenti più frequenti e mettendo da parte quei versamenti mensili sicuramente sarà meno pesante vedere tutti quei sudati euro che escono dalle tasche per finire in tasse.

Suggerimento rapido: se la tua azienda si trova in una modalità di crescita elevata, ricorda di tenerne conto nel calcolare le imposte stimate. Se le tue entrate aumentano del 75% di anno in anno, è probabile che il tuo conto fiscale aumenti di conseguenza.

Prendi in considerazione fonti di entrate alternative

La gestione del flusso di cassa può essere particolarmente complicata per le imprese stagionali per le quali le entrate variano notevolmente in periodi diversi nel corso dell’anno. Se devi ancora pagare l’affitto, il personale e le altre spese in periodi dell’anno in cui non arrivano soldi in entrata, allora è facile capire come ciò può trasformarsi velocemente in una situazione negativa di flusso di cassa negativo.

Per questo motivo, le aziende stagionali devono lavorare ancora di più per pianificare in anticipo, aggrappandosi a un cuscino di riserva sufficiente durante le alte stagioni di vendita per coprire i costi operativi durante tutto l’anno e persino per pagare l’inventario o il personale in preparazione per la prossima stagione lavorativa.

Tuttavia, per molte aziende stagionali, semplicemente pianificare in anticipo non è sufficiente. Se hai un’attività stagionale e stai lottando con il flusso di cassa, ci sono fonti alternative di entrate stagionali che potresti perseguire in bassa stagione?

Ad esempio, un allevamento per alberi di Natale potrebbe sdoppiare come luogo di nozze in estate oppure semplicemente come set fotografico. Una scuola di nuoto potrebbe usare i suoi istruttori per fornire servizi di tutoraggio durante l’anno scolastico. La tua seconda fonte di entrate potrebbe essere quasi completamente al di fuori dei servizi tradizionali forniti. Non aver paura di pensare fuori dagli schemi!

Non puoi far diventare un flusso di cassa aziendale positivo durante la notte, ma puoi iniziare subito a fare i primi passi

Sebbene la tua attività si trovi in una situazione negativa per il flusso di cassa è certamente possibile recuperare.
Non esiste una formula magica o un interruttore che puoi girare per tornare improvvisamente in pista.

Diventare positivi e mantenere il flusso di cassa positivo è un viaggio d’affari a lungo termine. Ma se stai prestando attenzione, monitorando mentre procedi e apportando le correzioni necessarie, alla fine raggiungerai la tua destinazione.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
0
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

2 Commenti

  1. […] Il flusso di cassa è la differenza tra la liquidità disponibile all’inizio di un periodo contabile rispetto alla fine del periodo. La liquidità proviene dalle vendite, mutui attivi, dagli investimenti e dalla vendita di azioni e viene erogata per pagare le spese operative e dirette, i servizi e l’acquisto di materiali. […]

  2. […] crescita. Se i tuoi costi operativi sono bassi o costanti, le vendite sono in aumento e il tuo flusso di cassa è forte, allora sei ben posizionato per […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia