Impresa

Private equity: Definizione storia e significato

Cos’è il private equity?

Il private equity è una classe di investimento alternativa ed è costituito da capitale non quotato in una borsa pubblica. Il private equity è composto da fondi e investitori che investono direttamente in  società private o che effettuano  acquisizioni  di società pubbliche, con conseguente delisting del capitale pubblico. Gli investitori istituzionali forniscono il capitale per il private equity e il capitale può essere utilizzato per finanziare nuove tecnologie, effettuare  acquisizioni , espandere il capitale circolante e rafforzare e consolidare un bilancio.

Punti fondamentali

  • Il private equity è una forma alternativa di finanziamento privato, lontano dai mercati pubblici, in cui i fondi e gli investitori investono direttamente in società o si impegnano in acquisizioni di tali società.
  • Le società di private equity guadagnano addebitando commissioni di gestione e di performance agli investitori in un fondo.
  • Tra i vantaggi del private equity vi sono un facile accesso a forme alternative di capitale per imprenditori e fondatori di società e un minore stress per la performance trimestrale. Questi vantaggi sono compensati dal fatto che le valutazioni del private equity non sono fissate dalle forze di mercato.
  • Il private equity può assumere varie forme, dalle complesse acquisizioni con leva finanziaria al capitale di rischio.

Capire il private equity

Gli investimenti in private equity provengono principalmente da  investitori istituzionali e investitori accreditati, che possono dedicare ingenti somme di denaro per lunghi periodi di tempo. Nella maggior parte dei casi,  sono spesso necessari periodi di detenzione considerevolmente lunghi  per gli investimenti di private equity al fine di garantire una svolta per le società in difficoltà o per consentire eventi di liquidità come un’offerta pubblica iniziale  (IPO) o una vendita a una società pubblica.

Vantaggi del private equity

Il private equity offre diversi vantaggi ad aziende e startup. È favorito dalle aziende perché consente loro di accedere alla liquidità in alternativa ai meccanismi finanziari convenzionali, come i prestiti bancari ad alto interesse o la quotazione sui mercati pubblici. Alcune forme di private equity, come il venture capital, finanziano anche idee e società in fase iniziale. Nel caso di società non quotate, il finanziamento di private equity può aiutare tali società a tentare strategie di crescita non ortodosse lontano dal bagliore dei mercati pubblici. Altrimenti, la pressione degli utili trimestrali riduce drasticamente il lasso di tempo a disposizione del senior management per trasformare un’azienda o sperimentare nuovi modi per ridurre le perdite o generare ricavi.

Svantaggi del private equity

Il private equity ha sfide uniche. In primo luogo, può essere difficile liquidare le partecipazioni in private equity perché, a differenza dei mercati pubblici, non è disponibile un portafoglio ordini già pronto che abbini acquirenti e venditori. Un’impresa deve intraprendere una ricerca di un acquirente per poter vendere il proprio investimento o la propria azienda. In secondo luogo, il prezzo delle azioni di una società di private equity è determinato attraverso negoziazioni tra acquirenti e venditori e non dalle forze di mercato, come generalmente accade per le società quotate in borsa. Terzo, i diritti degli azionisti di private equity sono generalmente decisi caso per caso attraverso negoziazioni invece di un ampio quadro di governance che tipicamente detta i diritti per le loro controparti nei mercati pubblici.

Storia del private equity

Mentre il private equity ha portato a se i riflettori principali solo negli ultimi tre decenni, le tattiche utilizzate nel settore sono state affinate dall’inizio del secolo scorso. Si dice che il magnate bancario JP Morgan abbia condotto la prima acquisizione con leva finanziaria della Carnegie Steel Corporation, allora tra i maggiori produttori di acciaio del paese, per 480 milioni di dollari nel 1901. La fuse con altre grandi aziende siderurgiche dell’epoca, come la Federal Steel Company e National Tube, per creare United States Steel, la più grande azienda del mondo. Aveva una capitalizzazione di mercato di $ 1,4 miliardi. Tuttavia, il Glass Steagall Act del 1933 pose fine a questi mega-consolidamenti progettati dalle banche.

Le società di private equity sono rimaste per lo più ai margini dell’ecosistema finanziario dopo la seconda guerra mondiale fino agli anni ’70, quando il venture capital ha iniziato a finanziare la rivoluzione tecnologica americana. I colossi della tecnologia di oggi, tra cui Apple e Intel, hanno ottenuto i fondi necessari per espandere la propria attività dall’ecosistema emergente del venture capital della Silicon Valley al momento della loro fondazione. Durante gli anni ’70 e ’80, le società di private equity divennero una strada popolare per le aziende in difficoltà per raccogliere fondi dai mercati pubblici. I loro affari hanno generato titoli e scandali. Con una maggiore consapevolezza del settore, anche la quantità di capitale disponibile per i fondi si è moltiplicata e la dimensione di una transazione media in private equity è aumentata.

Quando ha avuto luogo nel 1988, l’acquisto del conglomerato RJR Nabisco da Kohlberg, Kravis & Roberts (KKR) per $ 25,1 miliardi è stata la più grande transazione nella storia del private equity. È stato eclissato 19 anni dopo dall’acquisizione da 45 miliardi di dollari dell’operatore della centrale a carbone TXU Energy. Goldman Sachs e TPG Capital si sono uniti a KKR per raccogliere il debito necessario per acquistare la società durante gli anni del boom del private equity tra il 2005 e il 2007.  Anche Warren Buffett ha acquistato obbligazioni per un valore di 2 miliardi di dollari dalla nuova società. L’acquisto si è trasformato in un fallimento sette anni dopo e Buffett ha definito il suo investimento “un grosso errore”.

Gli anni del boom del private equity si sono verificati appena prima della crisi finanziaria e hanno coinciso con un aumento dei livelli di indebitamento. Secondo uno studio di Harvard, i gruppi globali di private equity hanno raccolto 2 trilioni di dollari negli anni tra il 2006 e il 2008 e ogni dollaro è stato indebitato da oltre due dollari di indebitamento. Ma lo studio ha rilevato che le società sostenute da private equity hanno ottenuto risultati migliori rispetto alle loro controparti nei mercati pubblici. Ciò era evidente soprattutto nelle società con un capitale limitato a loro disposizione e nelle società i cui investitori avevano accesso a reti e capitali che contribuivano a far crescere la loro quota di mercato.

Negli anni successivi alla crisi finanziaria, i fondi di credito privato hanno rappresentato una quota crescente di attività presso società di private equity. Tali fondi raccolgono denaro da investitori istituzionali, come i fondi pensione, per fornire una linea di credito alle società che non sono in grado di attingere ai mercati delle obbligazioni societarie. I fondi hanno periodi di tempo e termini più brevi rispetto ai tipici fondi di PE e sono tra le parti meno regolamentate del settore dei servizi finanziari. I fondi, che applicano tassi di interesse elevati, sono anche meno colpiti dalle preoccupazioni geopolitiche, a differenza del mercato obbligazionario.

Come funziona il private equity?   

Le società di private equity raccolgono fondi da investitori istituzionali e investitori accreditati per fondi che investono in diversi tipi di attività. Di seguito sono elencati i tipi più popolari di finanziamento di private equity.

  • Fondi avvoltoio: il denaro in questo tipo di finanziamento viene investito in società in difficoltà con unità o attività aziendali con prestazioni inferiori. L’intenzione è di cambiarli apportando le modifiche necessarie alla loro gestione o operazioni o effettuando una vendita dei loro beni a scopo di lucro. Le risorse in quest’ultimo caso possono variare da macchinari fisici e beni immobili alla proprietà intellettuale, come i brevetti. Le aziende che hanno presentato istanza di fallimento ai sensi del  Capitolo 11 negli Stati Uniti sono spesso candidate a questo tipo di finanziamento. C’è stato un aumento dei fondi avvoltoio da parte delle società di private equity dopo la crisi finanziaria del 2008.
  • Leveraged Buyouts: questa è la forma più popolare di finanziamento di private equity e comporta l’acquisizione di una società completamente con l’intenzione di migliorare la sua salute commerciale e finanziaria e rivenderla a scopo di lucro a una parte interessata o condurre un’IPO. Fino al 2004, la vendita di business unit non core di società quotate in borsa costituiva la categoria più ampia di leveraged buyout per private equity. Il processo di leveraged buyout funziona come segue. Una società di private equity identifica un potenziale target e crea uno special purpose vehicle (SPV) che è una società di progetto nota come società di veicolo per finanziare l’acquisizione. In genere, le aziende utilizzano una combinazione di debito e capitale proprio per finanziare la transazione. Il finanziamento del debito può rappresentare fino al 90 per cento dei fondi complessivi e viene trasferito al bilancio della società acquisita per benefici fiscali. Le società di private equity impiegano una varietà di strategie, dalla riduzione del numero dei dipendenti alla sostituzione di interi team di gestione, per trasformare un’azienda.
  • Real Estate Private Equity: c’è stato un aumento di questo tipo di finanziamento dopo che la crisi finanziaria del 2008 ha fatto crollare i prezzi degli immobili. Le aree tipiche in cui vengono distribuiti i fondi sono gli immobili commerciali e i fondi di investimento immobiliare (REIT). I fondi immobiliari richiedono un capitale minimo più elevato per gli investimenti rispetto ad altre categorie di finanziamento nel private equity. I fondi degli investitori sono anche bloccati per diversi anni alla volta in questo tipo di finanziamento. Secondo la società di ricerca Preqin, i fondi immobiliari in private equity dovrebbero registrare una crescita del 50% entro il 2023 per raggiungere una dimensione di mercato di $ 1.2 trilioni.
  • Fondo di fondi: detti anche multi-manager investment come indica il nome, questo tipo di finanziamento si concentra principalmente sull’investimento in altri fondi, principalmente fondi comuni di investimento e fondi speculativi. Offrono un ingresso backdoor a un investitore che non può permettersi i requisiti minimi di capitale in tali fondi. Ma i critici di tali fondi sottolineano le loro commissioni di gestione più elevate (perché sono raggruppate da più fondi) e il fatto che una diversificazione illimitata potrebbe non risultare sempre in una strategia ottimale per moltiplicare i rendimenti.
  • Venture capital: il finanziamento di venture capital è una forma di private equity, in cui gli investitori (noti anche come angels) forniscono capitale agli imprenditori. A seconda della fase in cui viene fornito, il venture capital può assumere diverse forme. Il finanziamento iniziale si riferisce al capitale fornito da un investitore per scalare un’idea da un prototipo a un prodotto o servizio. D’altra parte, il finanziamento in fase iniziale può aiutare un imprenditore a far crescere ulteriormente un’azienda, mentre un finanziamento di serie A consente loro di competere attivamente in un mercato o di crearne uno.

Come fanno le società di private equity a guadagnare?

La principale fonte di reddito per le società di private equity sono le commissioni di gestione. La struttura delle commissioni per le società di private equity varia in genere, ma di solito include una commissione di gestione e una commissione di performance. Alcune aziende addebitano annualmente una commissione di gestione del 2% sugli asset gestiti e richiedono il 20% dei profitti ottenuti dalla vendita di un’azienda.

Le posizioni in una società di private equity sono molto ricercate e per una buona ragione. Ad esempio, si consideri che un’azienda ha € 1 miliardo di asset under management (AUM). Questa azienda, come la maggior parte delle società di private equity, probabilmente non avrà più di due dozzine di professionisti degli investimenti. Il 20 percento dei profitti lordi genera milioni di commissioni fisse; di conseguenza, alcuni dei principali attori del settore degli investimenti sono attratti da posizioni in tali società. A un livello medio di mercato compreso tra $ 50 e $ 500 milioni in valori di affare, è probabile che le posizioni associate portino stipendi a sei cifre. Un vicepresidente di una tale azienda potrebbe potenzialmente guadagnare quasi $ 500.000, mentre un principale potrebbe guadagnare più di $ 1 milione.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa