Economia

Terziario: Definizione del settore dei servizi dell’economia

Definizione – Il settore dei servizi comprende aziende che offrono “beni immateriali” come intrattenimento, vendita al dettaglio, assicurazioni, turismo e banche. Il settore dei servizi farà uso di manufatti, ma c’è una componente aggiuntiva nell’offrire un servizio ai clienti.

In un’economia sviluppata come quella italiana, il settore dei servizi è la componente principale dell’economia, che comprende quasi l’80% del PIL e un rapporto di occupazione simile. Nei paesi sviluppati come gli Stati Uniti, il settore dei servizi comprende il 70% della forza lavoro.

In Italia, i principali settori del settore dei servizi includono:

  • Industria al dettaglio
  • Servizi informatici e informatici
  • Hotel e servizi turistici
  • Ristoranti e caffè
  • Trasporti – ferrovia, autobus, aria, mare
  • Comunicazione
  • Servizi bancari
  • Servizi assicurativi
  • Servizi pensionistici
  • Servizi di cibo e bevande
  • Servizi Postali

Terziarizzazione

Negli ultimi 100 anni, le economie sviluppate hanno assistito a una transizione da un’economia basata sulla produzione a un’economia in cui domina il “settore dei servizi” o “settore terziario”. La terziarizzazione coinvolge il settore dei servizi che diventa l’elemento più importante dell’economia.

Un settore dei servizi in crescita è solitamente un segno di un aumento degli standard di vita: consente ai consumatori di godere di più attività di servizio basate sul tempo libero, come il turismo, lo sport e la ristorazione.

Ragioni di crescita del settore terziario

  1. Miglioramento della produttività del lavoro. Un fattore chiave alla base della terziarizzazione è il miglioramento della produttività del lavoro. Una migliore tecnologia e una migliore produttività del lavoro hanno consentito una maggiore produzione di manufatti e agricoltura con meno manodopera. Questa maggiore produttività ha portato a:
  • Aumento dei redditi dei lavoratori da spendere in servizi.
  • Lavoro di riserva per poter lavorare nel settore terziario a più alta intensità di manodopera.
  1. Globalizzazione. La globalizzazione e il libero scambio hanno consentito all’Italia, Stati Uniti e alle economie sviluppate di importare più manufatti. Pertanto, una percentuale crescente dell’economia può essere dedicata al settore dei servizi di valore più elevato. Sebbene l’Italia abbia perso un vantaggio comparativo nella produzione di beni, compensa specializzandosi nel settore dei servizi, come la finanza e le banche
  2. Elasticità della domanda al reddito. Man mano che il reddito aumenta, spendiamo una percentuale maggiore in articoli di servizi di lusso, come le vacanze, uscire al ristorante. I prodotti manifatturieri sono più anelastici nel reddito. Man mano che il reddito aumenta, spendiamo di più in beni per la casa, ma man mano che diventiamo benestanti possiamo permetterci di pagare qualcuno per lavare la macchina e andare a mangiare fuori piuttosto che comprare ingredienti e cucinare noi stessi.
  3. Aumento dei redditi / salari reali
LEGGI ANCHE  Perché quotarsi in Borsa?

Aumento dei redditi salari - Terziario: Definizione del settore dei servizi dell'economia

PIL reale Italia dal 2000. L’aumento del reddito nazionale ha portato a un innalzamento del tenore di vita fino al 2009 causata dalla crisi economica; successivamente con aumento continuo fino al 2020. Ciò ha consentito ai consumatori di spendere di più per i servizi del settore dei servizi.

  1. Più tempo libero

L’aumento dei salari ha consentito un calo della settimana lavorativa media. Nel 1850, il lavoro medio richiedeva 60 ore, lasciando poco tempo per le attività del tempo libero. (la maggior parte delle persone ha lavorato una settimana di sei giorni). Nel 2009, questa settimana lavorativa media è scesa a 40 ore, lasciando più ore per le attività del tempo libero.

  1. Tecnologia

La nuova tecnologia ha consentito lo sviluppo di nuove industrie del settore dei servizi. Computer, telefoni sono stati tutti sviluppati negli ultimi 100 anni. La crescita di Internet ha consentito una nuova gamma di servizi terziari.

Preoccupazioni per la terziarizzazione

Vi sono alcune preoccupazioni riguardo al fatto che un’economia si basi principalmente sul settore dei servizi.

  • La volatilità della finanza . L’Italia fa affidamento sui servizi finanziari per gran parte del suo PIL. Tuttavia, nella stretta creditizia del 2008/12, il settore finanziario è rimasto sovraesposto a molte perdite e ha richiesto un salvataggio del governo. L’Islanda ha avuto un esempio ancora più estremo con il settore bancario che diventava molto grande. (Crisi dell’Islanda). Vedi anche: sovra-finanziarizzazione dell’economia.
  • Disavanzo delle partite correnti. Un altro potenziale problema del settore dei servizi è che spesso è più difficile esportare le industrie del settore dei servizi. Un paese con un ampio settore dei servizi può avere un deficit delle partite correnti, importando beni manifatturieri e finanziando il deficit attraendo flussi di capitali. Questo è stato spesso il caso dell’Italia. Tuttavia, non vi è alcuna garanzia che un settore dei servizi in crescita porterà a un disavanzo delle partite correnti. L’aumento della globalizzazione ha anche consentito lo scambio di più servizi, ad esempio il supporto IT transfrontaliero è molto più semplice con Internet.
  • Aumento della disuguaglianza. Il declino della produzione e l’aumento dell’economia del settore dei servizi hanno portato a una crescita salariale irregolare. I salari poco qualificati hanno avuto la tendenza a crescere molto lentamente.
  • Concentrazione regionale dell’economia . Il settore dei servizi ha visto un forte aumento della migrazione verso le grandi città metropolitane. Le imprese del settore dei servizi preferiscono stabilirsi nelle grandi città a causa delle economie di scala esterne, in particolare l’accesso a manodopera qualificata e mobile. Ciò sta causando un aumento della popolazione nelle città affollate, provocando un aumento degli affitti e la “gentrificazione” delle aree ex classe operaia. In città come Milano, è sempre più difficile per i lavoratori chiave del settore pubblico, come infermieri e insegnanti, permettersi un alloggio a causa del prezzo della vita. D’altra parte, le aree rurali regionali sono sempre più lasciate indietro.
LEGGI ANCHE  Cosa sono le entrate
NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia