Impresa

Ridimensionamento di un’azienda: come farlo con successo

Quando hai avviato la tua attività, probabilmente non hai considerato che un giorno potresti dover ridimensionarla. Sfortunatamente, la pandemia di coronavirus ha costretto molti imprenditori a ridimensionare la propria forza lavoro solo per restare a galla. I tagli alla forza lavoro come questo hanno lasciato oltre 2,5 milioni di italiani a dichiarare disoccupazione.

Oltre a questo specifico evento, le aziende si ridimensionano per una serie di motivi e in tempi diversi. Se il ridimensionamento di un’azienda è all’ordine del giorno, potresti non sapere da dove iniziare. Ecco cosa devi sapere su come ridimensionare un’azienda con successo.

Che cos’è il ridimensionamento di un’azienda?

Il ridimensionamento di un’azienda è la riduzione della forza lavoro di un’azienda. Ci sono diversi motivi per il ridimensionamento:

  • Recessione economica
  • Declino dell’industria o del business
  • Problemi di flusso di cassa
  • Una pandemia globale

Il ridimensionamento di un’azienda, tuttavia, non è sempre associato a una recessione economica. Può anche essere volontario. Alcuni imprenditori vogliono imparare a ridimensionare un’azienda per snellire il flusso di lavoro e migliorare l’efficienza.

Ad esempio, supponiamo che tu abbia un’intera squadra che registra prestazioni inferiori, potrebbe valere la pena tagliare quei dipendenti e reinvestire i soldi che risparmi per aumentare i salari ai tuoi dipendenti rimasti o espandere la tua attività. “Togliendo il superfluo dalla tua azienda rende un’impresa snella.

Imparare a produrre lo stesso risultato o superiore con meno risorse richiede di essere innovativi e creativi. Ma se fatto bene, puoi aumentare i tuoi margini di profitto e posizionare la tua azienda per una crescita più significativa in futuro.

Lo svantaggio del ridimensionamento di un’azienda

È importante imparare a ridimensionare correttamente un’azienda, perché, se fatto in modo sconsiderato, può avere un impatto negativo sulla tua attività. Potresti incappare:

  • Abbassa il morale dei dipendenti
  • Produttività ridotta
  • Burnout dei dipendenti
  • Diminuzione della soddisfazione del cliente

Questi sono i rischi a cui vai incontro nel ridimensionare un’azienda. Il trucco per ridimensionare con successo è imparare a soppesare le conseguenze a lungo termine del ridimensionamento rispetto ai guadagni a breve termine (risparmio di capitale). Se vuoi capire come ridimensionare un’azienda mitigando questi rischi, assicurati di seguire questi suggerimenti.

Come ridimensionare un’azienda con successo

1. Comprendi il motivo del ridimensionamento

Il motivo del ridimensionamento ti aiuterà a identificare la soluzione ai tuoi problemi di piccola impresa. Per la maggior parte delle aziende, il ridimensionamento è il risultato di non generare entrate sufficienti.

Identificando prima il problema della tua azienda, potresti renderti conto che il ridimensionamento non è la risposta. Invece, la tua attività potrebbe essere in difficoltà perché hai un prodotto inferiore o la tua strategia di marketing necessita di una revisione.

Molti proprietari di imprese vogliono evitare lo stressante processo di ridimensionamento, quando è possibile. Identificare la radice dei tuoi problemi aziendali ti aiuterà a formulare una soluzione mirata. Se scopri che il ridimensionamento è la tua unica opzione, continua a leggere.

2. Scegli il momento giusto per iniziare

Hai deciso che il ridimensionamento è la risposta per mantenere a galla la tua attività. La tua prossima domanda è: quando si inizia?

Lo fai subito? O dovresti aspettare fino al prossimo trimestre?

Fai l’inventario dei tuoi progetti in corso. Se il tuo team è nel bel mezzo di un progetto critico, potresti aver bisogno di tutta la tua forza lavoro. Se gestisci un’attività stagionale che vende attrezzatura da sci, potresti riscontrare un aumento delle vendite e avere bisogno di ulteriore supporto nella stagione autunnale e invernale.

Un altro suggerimento per aiutarti a decidere quando ridimensionare è aspettare il tuo prossimo rapporto sulle entrate. I numeri forti potrebbero indicare che il ridimensionamento non è così urgente come pensavi in precedenza. Ma vorrai comunque rimanere vigile. Mentre aspetti il tuo prossimo rapporto, fai dei piani per decidere chi potresti lasciare andare.

3. Decidi chi lasciare andare

Il licenziamento dei dipendenti può facilmente essere la parte più impegnativa del ridimensionamento di un’azienda. Sfortunatamente, potrebbe essere un passaggio necessario per salvare la tua attività. Allora, chi lasci andare?

Non cadere nell’errore di licenziare i dipendenti in base a chi ha lo stipendio più alto. Molti imprenditori potrebbero farlo, pensando di poter soddisfare le richieste di budget licenziando meno dipendenti. Tuttavia, è spesso più prudente considerare le prestazioni e l’atteggiamento. Ponetevi le seguenti domande:

  • Quali dipendenti non soddisfano le aspettative?
  • Quali dipendenti non sono in linea con la cultura e la dichiarazione di intenti della tua azienda?
  • Quali dipendenti fanno gioco di squadra?
  • Quali dipendenti forniscono il maggior valore?

L’utilizzo di questi fattori per valutare i dipendenti può aiutarti a capire meglio quali sono le risorse che vale la pena tenerne conto. Scoprirai spesso che mantenere un dipendente con le migliori prestazioni ma più retribuito è più vantaggioso per la tua azienda rispetto a due dipendenti con prestazioni inferiori.

Inoltre, tieni presente cosa accadrà quando lascerai andare qualcuno. Quanto è fondamentale quell’individuo per la tua attività? Se si trova in una posizione cruciale, licenziare quella persona può interrompere temporaneamente le operazioni aziendali. Ricordati di analizzare se il carico di lavoro del dipendente è coperto da qualcun altro.

4. Dare avviso il prima possibile

Capire come lasciare andare un dipendente non è un compito facile.

In qualità di datore di lavoro, è forte la tentazione di aspettare fino all’ultimo minuto per avvisare i tuoi dipendenti che li stai lasciando andare. Quando i dipendenti apprendono che i loro giorni di lavoro sono contati, possono sentirsi demotivati a lavorare. Di conseguenza, le loro prestazioni e la loro presenza potrebbero risentirne. Inoltre, alcuni dipendenti potrebbero persino comportarsi con risentimento o rabbia, creando un ambiente di lavoro ostile.

Sappi che queste sono possibilità reali se lasci andare uno dei tuoi dipendenti. Tuttavia è meglio dirlo prima. Ti consigliamo di rendere il processo di transizione il più semplice possibile, il che include dare ai tuoi dipendenti il tempo di concludere i progetti o recuperare gli altri membri del team sui loro progressi. Da parte dei dipendenti, maggiore è il preavviso che hanno, prima possono iniziare a cercare un nuovo lavoro per ridurre, si spera, il tempo in cui rimarranno senza lavoro.

5. Comunicare le modifiche ai dipendenti rimanenti

Dopo aver ridimensionato un’attività, è il momento di entrare in contatto con i dipendenti che sono rimasti. Ti consigliamo di tenere una riunione con il tuo team per discutere le modifiche.

Essere trasparenti con il tuo team è fondamentale dopo il ridimensionamento di un’azienda. Sii onesto con il motivo per cui hai scelto di ridimensionare. Se non hai raggiunto i tuoi obiettivi di guadagno, dillo. Se hai perso i tuoi clienti più remunerativi, spiegalo al tuo team.

I dipendenti si sentono più a loro agio nei loro ruoli quando il loro leader è aperto e comunicativo. Il ridimensionamento di un’azienda può introdurre cambiamenti stressanti. In qualità di leader aziendale, è tua responsabilità tenere informati i tuoi dipendenti.

Successivamente, spiega come i loro ruoli potrebbero cambiare alla luce dei recenti cambiamenti. Alcuni dipendenti potrebbero dover sostenere il lavoro lasciato dai loro colleghi che hai lasciato andare. Vuoi che i membri del tuo team si sentano sicuri e responsabili nei loro ruoli.

Potrebbe anche essere necessario spostare gli obiettivi della tua azienda. Forse, la tua nuova direzione potrebbe essere quella di dare una marcia in più ai tuoi sforzi di vendita e marketing. Spiegalo al tuo team in modo che sappiano su cosa concentrarsi.

6. Sii empatico

Il ridimensionamento di un’azienda può essere emotivamente duro per il tuo team. Quando i dipendenti vedono i propri colleghi lasciare l’azienda, potrebbero sentirsi ansiosi e spaventati per le loro posizioni. Si preoccupano di essere i prossimi ad essere licenziati. Queste emozioni sono prevedibili.

È meglio non lasciare che le emozioni negative, come risentimento, paura o rabbia, si diffondano nel tuo team. Ancora una volta, fai del tuo meglio per aiutare i tuoi dipendenti rimasti a sentirsi al sicuro. Il controllo regolare con i tuoi dipendenti può aiutarti a sintonizzarti sull’atmosfera generale del tuo team.

Se noti che i dipendenti si sentono frustrati, applica una politica della porta aperta. Fai sapere ai tuoi dipendenti che sei disponibile per discutere questioni legate al lavoro e come si sentono riguardo al loro lavoro. Questi incontri individuali possono anche essere un’opportunità per richiedere feedback.

Non chiederti cosa puoi fare per supportare meglio i tuoi dipendenti. Chiediglielo direttamente. Potresti apprendere che un dipendente è oberato di lavoro e ha bisogno di ulteriore aiuto. Oppure potresti scoprire inefficienze nella tua azienda che devi affrontare per migliorarla.

Il ridimensionamento di un’azienda è un aggiustamento sia per te che per i tuoi dipendenti. Ascoltali e potrai contribuire a facilitare una transizione più agevole verso la “nuova normalità”.

Alternative al ridimensionamento di un’azienda

Ridimensionare un’azienda non significa sempre che devi lasciare andare immediatamente i dipendenti. Invece, puoi optare per alternative più morbide di ridimensionamento. Invece di tagliare il personale, puoi:

Attuare un blocco delle assunzioni

Interrompere l’assunzione di personale non essenziale per ridurre i costi. Usa questa opportunità per riflettere sui modi per rivedere il budget e la situazione finanziaria della tua azienda.

Sebbene questa sia un’alternativa più morbida al ridimensionamento, i tuoi dipendenti possono comunque sentirsi sopraffatti se hanno un carico di lavoro eccessivo. Durante il blocco delle assunzioni, assicurati di rimanere attento alle esigenze dei tuoi dipendenti.

Dipendenti trasversali

Il cross-training sinergizza bene con il blocco delle assunzioni. Invece di assumere un nuovo dipendente, puoi formare un dipendente esistente per svolgere altre funzioni lavorative. Ricorda di essere consapevole degli attuali carichi di lavoro dei dipendenti. Accumulare responsabilità aggiuntive può causare l’esaurimento dei dipendenti.

Riduci le ore

Invece di tagliare lo stipendio di un intero dipendente, puoi soddisfare le richieste di tagli al budget riducendo il numero di ore di lavoro di ciascun dipendente. Molti proprietari di imprese seguono questo approccio prima di affrontare l’arduo compito di ridimensionare un’azienda.

Tagliare i salari

Questo va di pari passo con la riduzione dell’orario: quando i dipendenti lavorano di meno, vengono pagati di meno. Tagliare temporaneamente gli stipendi e le retribuzioni orarie può aiutare la tua azienda a rimanere a galla mentre navighi in un momento difficile.

Tieni presente che se vai avanti con questo, i dipendenti si aspetteranno tagli salariali su tutta la linea. Questo dimostra che tutti stanno facendo sacrifici per il miglioramento dell’azienda. Dovresti anche essere pronto a condividere una sequenza temporale di quando i salari possono aspettarsi di essere ripristinati e se ci sarà un compenso aggiuntivo lungo la strada per compensare questo colpo.

In conclusione

A volte il ridimensionamento di un’azienda è involontario. Non hai altra scelta che ridurre le dimensioni per mantenere la tua attività operativa. È la scelta sfortunata che molte aziende hanno fatto in risposta alla pandemia COVID-19.

Il ridimensionamento, tuttavia, non è sempre una cosa terribile. Al di fuori di una recessione, il ridimensionamento della tua attività può offrire diversi vantaggi. Può aiutarti ad analizzare la tua attività con un occhio critico. Noterai dove puoi eliminare l’eccesso aumentando l’efficienza e modi per essere più innovativi.

Tuttavia, il ridimensionamento può essere un processo stressante. Si spera che questi suggerimenti su come ridimensionare un’azienda aiuteranno te e la tua azienda a rimanere in ombra e in grado di continuare a crescere in futuro.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa