Impresa

La guida definitiva alla gestione delle finanze delle piccole imprese

Tabella dei contenuti

Come gestire le finanze delle piccole imprese?
In 5 passaggi completi

  1. Scegli un conto bancario aziendale e separa le tue finanze personali e aziendali.
  2. Organizza le tue finanze aziendali utilizzando software di contabilità e assumendo un professionista.
  3. Comprendere e adempiere alle proprie responsabilità fiscali aziendali.
  4. Ottieni una gestione dell’affidabilità creditizia personale e aziendale DSCR
  5. Comprendi le tue opzioni di prestito aziendale e lavora per qualificarti per il finanziamento di cui avrai bisogno in futuro.

Alcuni proprietari di piccole imprese sono già esperti finanziari:  hanno esperienza nel settore privato e una forte dimestichezza in tutto ciò che riguarda la gestione delle finanze delle piccole imprese.

Questa guida, tuttavia, è generalmente orientata verso i proprietari di attività con poca o nessuna esperienza finanziaria, per tutti con loro che hanno avuto una passione o una grande idea e hanno deciso di avviare un’attività, ma che ora si chiedono come gestire efficacemente le proprie finanze.

Se la gestione delle tue finanze aziendale ti fa sentire completamente sopraffatto, dai un’occhiata a questo articolo. Analizzeremo i termini contabili necessari da conoscere, come gestire l’affidabilità creditizia o DSCR, come richiedere un prestito aziendale e altro ancora, in modo da avere tutte le informazioni necessarie per gestire le finanze delle piccole imprese.

1. Separare le finanze aziendali e personali

Prima di poter iniziare il processo di  gestione delle finanze aziendali, è necessario compiere un passo iniziale molto importante: è necessario separarle dalle proprie finanze personali. Perché questo primo passo è così importante? In primo luogo, la separazione delle finanze aziendali e personali è essenziale per motivi organizzativi e fiscali: mantenendo separate queste finanze, avrai un modo più semplice per la gestione della contabilità quando si tratta di tasse aziendali. Forse, cosa ancora più importante, la separazione tra le vostre finanze aziendali e personali ha implicazioni legali. Quando separi le tue finanze in questo modo, le tue finanze personali vengono quindi protette se dovessi mai affrontare problemi legali in relazione alla tua attività.

Apri un conto bancario aziendale

Quindi, detto tutto ciò, puoi separare le tue finanze personali e aziendali aprendo un conto bancario apposito. La scelta del conto bancario giusto per la tua azienda è un passaggio cruciale per gestire efficacemente la tua attività.

Come fai a sapere quale conto bancario aziendale è il migliore per te? Ci sono una varietà di fattori che dovresti considerare:

  • Conto corrente aziendale vs. conto risparmio aziendale
  • Canone mensile di servizio e modalità di chiusura conto
  • Transazioni incluse
  • Limiti di deposito e prelievi in contanti
  • Accesso bancomat
  • Funzionalità bancarie online e mobile

In definitiva, ti consigliamo di scegliere un conto bancario aziendale che non solo possa contenere i tuoi soldi, ma che possa anche aiutarti a gestire le tue finanze aziendali giornaliere.

Principali opzioni per il conto aziendale

Tenendo presente tutto ciò, ecco alcuni consigli di conto corrente aziendale che potresti prendere in considerazione:

Conto bancario aziendale

Un conto corrente aziendale di una banca più tradizionale, potresti considerare una delle banche più vicine alla tua attività, per questione di facilità e comodità controllando che il loro servizio offrano alcune delle migliori funzionalità con le commissioni corrispondenti più basse sul mercato.

Per i conti più semplici, controllare di ricevere un tot di transazioni gratuite al mese, depositi elettronici gratuiti illimitati, sapere il limite di deposito e prelievi in contanti mensile cosi come la capacità  di accesso a gli sportelli automatici e filiali.

Conoscere se è richiesto il deposito minimo per aprire il conto aziendale tuttavia, è necessario sapere esattamente le commissioni mensili e se dovrai mantenere un saldo giornaliero fisso di cui non puoi scendere.

Ottieni una carta di credito aziendale

Un altro modo significativo per separare le tue finanze personali e aziendali è quello di ottenere una carta di credito aziendale. Con questa carta, sarai in grado di effettuare acquisti per la tua attività e solo per la tua attività. Utilizzando una carta di credito aziendale, sarai in grado di semplificare la contabilità e stabilire il credito aziendale . Puoi scegliere di ottenere una carta di credito aziendale dallo stesso fornitore del tuo conto bancario oppure esplorare opzioni alternative.

Nel complesso, ci sono una varietà di diverse carte di credito aziendali tra cui scegliere: carte premio in contanti, carte premio in viaggio, carte per crediti inesigibili e altro ancora.

2. Comprendere la contabilità aziendale

Il prossimo passo per gestire le finanze delle piccole imprese è comprendere le basi della contabilità delle piccole imprese. Anche se questo può sembrare un compito arduo, specialmente se non hai mai fatto una lezione di contabilità, ci sono alcuni termini  e documenti contabili di base che non sono troppo difficili da imparare. Inoltre, esaminando questi elementi essenziali, avrai una migliore comprensione di come la contabilità influisce sulle tue finanze aziendali e, quindi, sarai in grado di scegliere un software di contabilità e chiedere l’aiuto ad un professionista, se è necessario.

Termini chiave di contabilità aziendale da conoscere

Mentre ti immergi nel mondo della gestione finanziaria delle piccole imprese, ci sono diverse parole di uso commerciale che probabilmente verranno ripetute diverse volte. Se non si ha familiarità con la terminologia, molti degli altri processi necessari per gestire le finanze aziendali saranno ancora più difficili. Detto questo, quindi, iniziamo questa sezione spiegando alcuni termini di contabilità:

1. Entrate lorde

Chiamato anche entrate totali, le entrate lorde sono la somma di tutti i soldi che hai ricevuto dai clienti in cambio del tuo prodotto o servizio, prima di qualsiasi detrazione o spesa (come affitto, costo dei beni venduti , tasse, ecc.).

2. Spese

In parole povere, le spese sono tutto ciò che impedisce alle entrate lorde di finire direttamente in tasca: costi come l’affitto, i salari, i costi dei materiali venduti, le tasse, gli interessi sul debito (passivi), le utenze e altre spese operative.

3. Utile netto

A volte chiamato risultato finale, reddito netto o guadagni netti, l’utile netto è essenzialmente ciò che rimane dopo aver dedotto le spese dal reddito totale. Quando questo numero è positivo, significa che le tue entrate sono superiori alle tue spese e la tua attività è redditizia.

4. Flusso di cassa

Anche se la tua attività è redditizia, avere abbastanza liquidità a portata di mano può spesso rendere o compromettere il successo di una piccola impresa, se non investi in tempo, lo stesso per poca liquidità, cioè  puoi trovarti in problemi se non hai abbastanza denaro nel tuo conto bancario per pagare le bollette.

Il flusso di cassa è la differenza tra la liquidità disponibile all’inizio di un periodo contabile rispetto alla fine del periodo. La liquidità proviene dalle vendite, mutui attivi, dagli investimenti e dalla vendita di azioni e viene erogata per pagare le spese operative e dirette, i servizi e l’acquisto di materiali.

5. Punto di pareggio o break even point

Per i primi mesi (o addirittura anni) di fare affari, molte piccole imprese opereranno in perdita, il che significa che le loro spese saranno superiori alle entrate totali. Il break even è il livello di produzione a cui i ricavi totali sono pari alle spese totali. Questo è in genere il punto di svolta per la redditività, una fase importante nella vita di ogni piccola impresa.

4. documenti di contabilità aziendale più importanti

La gestione di una piccola impresa, in particolare delle finanze aziendali, comporta molte pratiche burocratiche. Avrai bisogno di documenti contabili per presentare la gestione e pagamenti delle imposte sulle tue attività, fare domanda per finanziamenti aziendali e per il monitoraggio interno di entrate, spese e redditività. Questi sono i quattro principali documenti contabili che ogni piccolo imprenditore dovrebbe conservare regolarmente:

1. Stato patrimoniale

Lo stato patrimoniale è essenzialmente un’istantanea della posizione finanziaria della tua attività in un determinato momento. Elenca le attività, le passività e le azioni dall’azienda e viene utilizzato per calcolare il patrimonio netto della vostra attività.

Mantenere un bilancio “equilibrato” – uno in cui le attività totali (tutto ciò che la tua azienda possiede) è uguale a passività più patrimonio netto – è il principio fondamentale della contabilità.

2. Conto economico

A volte chiamato conto profitti e perdite, il conto economico riassume i ricavi e le spese aziendali nel corso di un anno, consentendo di calcolare l’utile o la perdita netta per quell’anno. Il mantenimento di un accurato conto economico è fondamentale per determinare il break even per la tua nuova attività, nonché per misurare la redditività nel tempo.

3. Rendiconto finanziario

Abbiamo accennato in precedenza che avere abbastanza denaro a disposizione per coprire le spese può creare o distruggere la salute finanziaria di un’azienda – e in effetti questo problema è così importante che esiste un documento contabile dedicato al monitoraggio del flusso di cassa.

Il tuo rendiconto finanziario riflette l’afflusso di entrate e il deflusso di spese derivanti da tutte le tue attività commerciali durante un periodo di tempo specifico, di solito un mese o un trimestre finanziario. L’afflusso proviene dalla vendita di beni e dalla ricezione di pagamenti sulle fatture, mentre il deflusso proviene da acquisti di inventario, buste paga e pagamento di spese di marketing e altre spese generali.

4. Previsione delle entrate

Puoi permetterti di assumere un nuovo dipendente o lanciare una nuova campagna di marketing? Se dovessi assumere un prestito commerciale nei prossimi mesi, quale importo di pagamento mensile potresti ragionevolmente gestire? A queste domande, e molte altre, non è possibile rispondere con un certo grado di precisione senza una previsione delle entrate.

Una previsione delle entrate è una previsione ponderata per il prossimo anno su quanti soldi la tua azienda probabilmente porterà, in modo da poter stimare ciò che puoi permetterti di spendere e quale sarà il tuo margine di profitto. Più approfondite e realistiche sono le ricerche, sarà facile rimanere nel budget per tutto l’anno.

Ricordiamo a tutti i soggetti obbligati per legge al deposito annuale del bilancio di aggiungere, insieme a lo stato patrimoniale e conto economico, la nota integrativa ossia il documento contabile per la corretta comprensione dei primi due documenti.

Il modo migliore per tenere traccia delle finanze delle piccole imprese? Assumere un commercialista

Sebbene il giusto software di contabilità possa fare miracoli per aiutarti a gestire le tue finanze aziendali, ci sono alcune aree della contabilità che vanno oltre la capacità del proprietario medio delle piccole imprese. Pertanto, è spesso nel tuo interesse assumere un commercialista professionista per rivedere i tuoi libri contabili almeno una volta all’anno, cercare aiuto con le dichiarazioni fiscali e formulare raccomandazioni per le principali decisioni finanziarie. Anche se hai appena iniziato, o anche se hai un esperienza in contabilità o finanza, vale sempre la pena consultare un professionista almeno alcune volte all’anno per assicurarsi che tutto sia accurato e aggiornato.

Oltre a questi consigli, la costruzione di un ottimo rapporto commercialista-cliente richiede il giusto adattamento alla personalità. Quanto sarà accessibile il tuo commercialista per rispondere alle domande? Quali aree delle tue finanze gestirà all’esterno e cosa manterrai in gestione interna? Ti consigliamo di limitare futuri perditempo e discutere ciascuno di questi problemi prima di effettuare una selezione.

Detto questo, tuttavia, indipendentemente dalle responsabilità che decidi di trasferire, è essenziale rimanere personalmente coinvolto nelle finanze delle piccole imprese e disporre di controlli e bilanci.

3. Pagare le tasse

Dopo aver separato le tue finanze aziendali e personali e aver organizzato i tuoi libri contabili, la comprensione e l’adempimento dei requisiti fiscali saranno il prossimo processo che dovrai affrontare per gestire le tue finanze aziendali. Sebbene le tasse siano spesso una delle parti più confuse della finanza delle piccole imprese, le conseguenze per la mancata presentazione delle tasse  sulle imprese sono gravi: potresti perdere la tua attività e persino affrontare accuse penali.

Pertanto, ecco cosa devi sapere sul pagamento delle tasse aziendali:

Comprensione delle imposte sulle imprese

Purtroppo esistono diversi tipi d’imposte e tasse riscosse dal governo e il tipo di attività che gestisci determina quali imposte devi pagare, quando e come devono essere compilati i moduli e fare i pagamenti di tali imposte. Sebbene non tutti i seguenti tipi di imposte sulle società si applichino a tutte le aziende, è importante sapere quali sono le principali, e capire come potrebbero avere un impatto sulle finanze delle piccole imprese.

Iva imposta sul valore aggiunto

L’iva è un’imposta indiretta su tutti i beni e servizi scambianti sul territorio Italiano.
Tutte le aziende devono presentare dichiarazioni del iva ed effettuare pagamenti in base al prodotto o servizio che offre l’ attività.
Le principali aliquote sono le seguenti:

-aliquota minima al 4%: si applica sui prodotti e servizi di prima necessita.

-aliquota ridotta al 10%: si paga sui beni e servizi del settore turistico come  alberghi, bar, ristoranti, su alcuni determinati prodotti alimentari e in altri casi particolari come il recupero edilizio.

-aliquota ordinaria al 22%: si paga su tutti i beni e servizi a cui non si applica l’IVA precedenti.

L’Iva si calcola considerando l’anno precedente la quale deve essere presentata nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 30 aprile e versata entro il 16 marzo; l’importo totale può essere pagato in rate.

Il versamento va effettuato utilizzando il modello F24, esclusivamente in modalità telematica, con il codice tributo 6099 – Iva  annuale saldo

L’IVA è una imposte obbligatoria,  il che significa che dovrai effettuare pagamenti fiscali stimati trimestralmente o annuali

L’IRPEF:  Imposta sul reddito delle persone fisiche

È un’imposta diretta, personale, progressiva e generale; diretta perché colpisce la persona fisica, progressiva perché questa aumenta in proporzione al reddito e generale perché colpisce nella stessa misura tutti i redditi dello stesso tipo.

Per quanto riguarda il lavoro autonomo la fonte di reddito sono i guadagni, per l’impresa parte del loro utile lordo, per le aziende di capitale i dividendi

In poche parole viene pagata da tutti con loro che percepiscono un redito sia come dipendente che autonomo cosi come i soci di impresa.

Le aliquote IRPEF vengono calcolate ed applicate con  gli scaglioni  in base al reddito annuale

Scaglioni di redditoAliquotaImposta
Fino a 15.000 euro23%23% sull’intero reddito
Oltre 15.000 fino a 28.000 euro27%euro 3.450 + 27% sulla parte eccedente 15.000 euro
Oltre 28.000 fino a 55.000 euro38%Euro 6.960 + 38% sulla parte eccedente 28.000 euro
Oltre 55.000 fino a 75.000 euro41%Euro 17.220 + 41% sulla parte eccedente 55.000 euro
Oltre 75.000 euro43%Euro 25.420 + 43% sulla parte eccedente 75.000 euro

I – scaglione Ne fanno  parte tutti con loro che percepiscono un reddito non superiore a €1.250 , quindi con un reddito  annuale compreso tra 0 euro e 15.000 euro.
L’aliquota IRPEF da applicare è del 23%, che corrisponde un massimo tassabile di €3.450

II – scaglione ne fanno  parte tutti con loro che percepiscono un reddito mensile non superiore a € 2.335, questo scaglione comprende i redditi tra 15.001 euro e 28.000 euro. L’aliquota IRPEF da applicare è del 27%, che corrisponde un massimo tassabile di €6.960.

Nel caso in cui il reddito è superiore a 28.000  si applica l’aliquota successiva solo per la parte eccedente di reddito.

III – scaglione Ne fanno  parte tutti i contribuenti che percepiscono un reddito mensile non superiore a €4.583, questo scaglione comprende i redditi tra 28.001 euro e 55.000 euro.
L’aliquota IRPEF da applicare è pari al 38% solo per la quota di reddito che supera i 28mila euro(II scaglione) quindi la quota IRPEF corrisponde un massimo tassabile di 17.220 euro.

IV – scaglione Ne fanno parte tutti con loro che percepiscono un reddito mensile non superiore a €  6.250
Lo scaglione comprende i redditi tra 55.001 euro a 75.000 euro.
L’aliquota IRPEF da applicare è pari al 41% solo per la quota di reddito che supera lo scaglione precedente.
quindi la quota IRPEF corrisponde a un massimo di  25.420 euro.

V- scaglione l’aliquota IRPEF è pari al 43%. e viene applicata ai contribuenti che percepiscono che percepiscono un reddito mensile ulteriore a  6.250 euro questi corrisponde a un massimo tassabile di  25.420 euro (più il 43% sul reddito eccedente)

Il versamento va effettuato utilizzando il modello 730 il quale ha la cadenza per la presentazione al 10 novembre.

Ires : Imposta sui redditi delle società

Questa imposta riguarda esclusivamente le aziende e le società di capitali come S.r.l., S.p.a. e S.a.p.a. (regolamento CE n. 2157/2001)

Essa viene calcolata e prevista dalla legge al 24%  sul reddito dell’impresa ossia l’importo (prima delle imposte) nel conto economico.

Il versamento va effettuato utilizzando il modello F24, inoltre Il codice tributo da indicare cambia a seconda dell’attività svolta.

Irap: Imposta regionale sulle attività produttive

Per questa imposta che è pagata da tutti coloro che svolgono un’attività commerciale, sono le Regioni a stabilire la quota definitiva, visto che hanno la autorizzazione di variare un massimo di 0,92%, l’aliquota generale del 3,9%.

Il versamento va effettuato utilizzando il modello F24 entro il 30 giugno bisogna versare sia il saldo dell’anno precedente più il primo acconto per l’anno successivo ed entro il 30 novembre  bisogna versare il secondo acconto per l’anno successivo.

Come puoi immaginare, ognuna di queste diverse imposte avrà moduli correlati che dovrai compilare entro una determinata scadenza, come stabilito dall’agenzia dell’entrate o da altre autorità fiscali locali. Inoltre, come accennato in precedenza, i requisiti fiscali specifici applicabili alla tua azienda dipenderanno dalla struttura della tua entità aziendale e da altre qualifiche uniche per le tue operazioni. Sebbene molte piattaforme software di contabilità dispongano di strumenti per aiutarti a gestire i tuoi obblighi fiscali, questa è un’area delle tue finanze aziendali in cui trarrai grandi benefici dalla consulenza di un contabile o di altri professionisti fiscali.

4. Ottieni un controllo dell’affidabilità creditizia

Il prossimo passo per la gestione delle finanze aziendali è la comprensione e il controllo della fiducia sui crediti. Che si tratti di un contratto di locazione di immobili o attrezzature, una carta di credito aziendale o un prestito per piccole imprese, ad un certo punto della vita della tua azienda avrai bisogno de un credito aziendale. La tua capacità di qualificarti per finanziamenti aziendali di qualsiasi tipo dipenderà dalla valutazione dell’affidabilità sia personale che aziendale ed entrambi gli aspetti sono fortemente collegati in come gestisci le finanze delle tue piccole imprese.

Detto questo, quindi, ecco cosa devi sapere sul mantenimento di un solida affidabilità creditizia personale e aziendale per massimizzare le future opzioni di prestito per la tua piccola impresa.

Come gestire e potenziare la credibilità personale

In quanto titolare dell’attività, la tua storia creditizia personale ha un impatto enorme sulla capacità della tua azienda di qualificarsi per i servizi bancari. Anche se la tua azienda abbia ottenuto un punteggio di DSCR elevato, i finanziatori esamineranno il tuo credito personale come misura della tua capacità di rimborsare un prestito aziendale – e più alto è il tuo punteggio creditizio personale, più tipi e migliori servizi di prestito avrai a tua disposizione .

Pertanto, la gestione del tua capacità di restituire in tempo un prestito personale, rappresenta una componente chiave di come gestisci anche le finanze aziendali. Ecco alcuni suggerimenti su come migliorare o mantenere l’affidabilità creditizia (e persino ottenere un punteggio di credito perfetto):

  • Paga tutte le fatture dei prestiti completi e in tempo
  • Evita problemi come inadempienze sui prestiti, fallimento, sentenze, riscossioni e pignoramenti
  • Utilizza tutte le tue carte di credito a disposizione e memorizza i loro limite di credito
  • Non massimizzare le tue carte di credito
  • Controlla regolarmente i tuoi rapporti di credito per eventuali discrepanze o irregolarità e contatta l’ufficio al più presto in caso di errore
  • Avere diverse fonti di credito è salutare per l’affidabilità, ma solo se puoi ripagare completamente il debito

Oltre a ciò, ci sono alcuni altri suggerimenti che possono offrire una rapida spinta alla tua l’affidabilità creditizia, come aumentare il limite di credito (senza aumentare le tue spese). Ma nel complesso, la cosa migliore che puoi fare è effettuare tutti i pagamenti delle diverse quote di debiti in tempo, sia nella tua attività commerciale che per le tue finanze personali.

Come funziona l’affidabilità creditizia aziendale

Oltre alla tua immagine personale, in qualità di imprenditore, vorrai anche stabilire dei crediti commerciali. Come il tuo punteggio di credito personale, il tuo punteggio di credito aziendale è una misura di quanto rispetti le tempistiche dei tuoi debiti, ed è un fattore importante nel determinare la tua capacità creditizia per futuri finanziamenti aziendali – ma questa volta, è la tua attività che è al microscopio, non tu come individuo.

In questo caso, gli uffici di credito raccolgono informazioni su conti a nome della tua azienda da fonti tra cui venditori, associazioni di categoria, società di carte di credito aziendali e istituti di credito. Per monitorare la capacità e affidabilità  creditizia aziendale, cosa che dovresti fare almeno ogni sei mesi se prevedi di richiedere un finanziamento in futuro.

5. Comprendere il prestito aziendale e le opzioni di finanziamento

Infine, con questi quattro passaggi a portata di mano, vorrai portare le tue finanze aziendali al livello successivo. Ad un certo punto della traiettoria finanziaria della tua attività, è probabile che dovrai cercare finanziamenti sotto forma di un prestito per piccole imprese, sia che si tratti di affrontare le sfide del flusso di cassa a breve termine o di finanziare la crescita della tua attività.

Ogni tipo di prestito aziendale ha requisiti di ammissibilità diversi, inclusi punteggi minimi di affidabilità redditizia ed entrate annuali. Pertanto, vorrai capire i tipi di prestiti disponibili e quali sono i requisiti per qualificarti, in modo da poter organizzare meglio le tue finanze aziendali dall’inizio della tua impresa, e in questo modo avrai una finanziaria che contribuisce ai tuoi obiettivi e con cui lavorare mentre costruisci e sviluppi la tua azienda.

Tipi di prestiti alle piccole imprese

Le banche tradizionali erano gli unici istituti che offrivano i prestiti alle piccole imprese. Ma a seguito della crisi finanziaria del 2008, sempre più piccole imprese non sono state in grado di beneficiare di finanziamenti attraverso queste banche tradizionali. Questa sfida, insieme all’eccessiva regolamentazione richiesta da queste, ha lasciato il posto ai prestiti online per colmare il bisogno di finanziamenti per le piccole imprese.

Questo non vuol dire, tuttavia, che non è ancora possibile ottenere un prestito attraverso una banca tradizionale. Se la tua azienda è attiva da un po’ e hai una forte affidabilità, una banca tradizionale potrebbe essere in grado di offrirti ottime condizioni. Ma se il tuo credito è inferiore a quello stabilito dalle banche o sei stato rifiutato dalla tua banca locale, ci sono altre opzioni disponibili.

Mentre le banche tradizionali tendono ad avere termini piuttosto rigorosi e specifici per quali prestiti daranno e non approveranno, molti istituti di credito alternativi sono disposti a prendere in considerazione una più ampia varietà di fattori nel prendere decisioni di approvazione del prestito.

Gli standard di ammissibilità del prestito di cui parleremmo si basano sui prestiti offerti da istituti di credito alternativi e non dalle banche.

Prestiti a termine

Un prestito a termine è probabilmente la prima cosa a cui pensi quando immagini un prestito aziendale. I prestiti a termine offrono un tempo di rimborso prestabilito, un numero prestabilito di quote mensili e un tasso di interesse fisso o variabile. A seconda delle esigenze aziendali, del merito di credito e di altri fattori, esistono numerosi prestiti a termine disponibili per molti proprietari di piccole imprese, con termini che vanno da uno a cinque anni.

La maggior parte delle richieste approvate di prestiti a termine hanno avuto le seguenti caratteristiche:

  • Entrate annuali: € 300.000 +
  • Punteggio di credito: 680+
  • Tempo di lavoro: 3+ anni

Finanziamento dell’attrezzatura

Se stai cercando finanziamenti specifici per l’acquisto di attrezzature per la tua piccola impresa, inclusi computer, macchinari e molto altro, il finanziamento delle attrezzature potrebbe essere la scelta giusta per te.

Il finanziamento delle attrezzature funziona in modo molto simile a un prestito auto. L’importo che puoi ottenere dipende dal prezzo e dal tipo di attrezzatura che stai prendendo in prestito, e poiché l’apparecchiatura stessa funge da garanzia, probabilmente non ti verrà chiesto di costituire una garanzia aggiuntiva. I termini di finanziamento delle apparecchiature in genere funzionano a un tasso di interesse fisso, generalmente compreso tra l’8% e il 30%, con una durata fissa, pertanto i pagamenti la quota sarà lo stesso di mese in mese.

La maggior parte delle richieste approvate per il finanziamento delle attrezzature avevano queste statistiche:

  • Entrate annuali: € 130.000 +
  • Punteggio di credito: 630+
  • Tempo di lavoro: 2+ anni

Prestiti a breve termine

Per le imprese con esigenze di finanziamento di quantità basse ed immediate, i prestiti a breve termine possono essere un vero toccasana. Questi prestiti funzionano in modo simile ai prestiti a termine tradizionali, ma coprono importi compresi tra € 2.500 e € 250.000 con un periodo compreso tra tre e 18 mesi. I fornitori di prestiti a breve termine possono spesso farti incassare in meno di un solo giorno, permettendoti di affittare, coprire gli stipendi o far fronte ad altre spese generali immediate anche quando le vendite sono lente e la liquidità ridotta.

Per poter beneficiare di finanziamenti a breve termine, potresti aver bisogno di statistiche simili a queste:

  • Entrate annuali: € 150.000 +
  • Punteggio di credito: 600+
  • Tempo di lavoro: 2+ anni

Servizi di credito

Oltre a una carta di credito aziendale, ti sarebbe difficile trovare una fonte di finanziamento più flessibile di una linea di credito. Con queste risorse di rifornimento, i finanziatori danno agli imprenditori l’accesso a una quantità predeterminata di fondi, da cui possono prelevare quando vogliono e in qualsiasi importo di cui hanno bisogno. Dovrai solo rimborsare i fondi che utilizzi, oltre agli interessi. Puoi utilizzare la tua linea di credito per coprire spese impreviste, buste paga, capitale circolante generale o sfruttare opportunità improvvise.

Se sei interessato a richiedere una linea di credito, il tuo finanziatore potrebbe essere alla ricerca di statistiche come queste:

  • Entrate annuali: € 180.000 +
  • Punteggio di credito: 630+
  • Tempo negli affari: 1+ anni

Un suggerimento sulle garanzie collaterali e personali

Per mitigare il rischio di insolvenza del mutuatario, molti istituti di credito richiederanno ai proprietari di piccole imprese di offrire garanzie personali per essere approvati per il finanziamento. La garanzia si riferisce a un bene specifico che viene sfruttato per garantire un prestito, come la tua casa o altri beni personali di alto valore. Se metti la tua casa come garanzia e poi non riesci a rimborsare il tuo prestito di piccola impresa, l’istituto di credito può assumere un avvocato, ottenere un giudizio a loro favore e rientrare in possesso di quella proprietà come rimborso del prestito.

Al contrario, la firma di una garanzia personale significa che l’ente creditizio può sfruttare, qualsiasi e tutti i beni che hai sia al momento della riscossione che quelli che avrai  in futuro per chiedere il rimborso di un prestito insoluto, fino a un importo fisso, predeterminato (garanzia personale limitata) o per l’intero importo del prestito e degli interessi dovuti (garanzia personale illimitata). Ciò può includere i risparmi di una vita, la pensione, la proprietà personale, il fondo universitario dei figli e in alcuni casi anche i beni di proprietà del coniuge.

Poiché i termini sono più ambigui, le garanzie personali sono generalmente più rischiose per i mutuatari rispetto a un contratto di garanzia standard.

Anche se hai piena fiducia nelle prospettive di successo della tua piccola impresa, la firma di un contratto di garanzia o di garanzia personale ha serie implicazioni per il tuo futuro finanziario. In questo caso, quindi, dovrai assicurarti di capire esattamente cosa stai firmando e anche di essere a tuo agio con i termini.

Alternative ai prestiti basati sul debito

I prestiti alle piccole imprese non sono l’unico modo per finanziare la tua piccola impresa. Ecco alcune delle alternative che potresti prendere in considerazione per coprire i costi iniziali:

Investitori di capitali

Ogni giorno, migliaia di investitori e venture capitalist stanno contribuendo sia con le finanze che con le competenze a quella che vedono come la “prossima grande idea”. Se la tua idea di business ha un’alta probabilità di redditività, potresti essere in grado di suscitare l’interesse di un investitore azionario, come un angelo investitore.

Amici e famiglia

Se la tua famiglia e i tuoi amici sembrano sostenere la tua impresa, potrebbero essere disposti a investire fondi per aiutare la tua azienda ad avere successo. Naturalmente, accettare fondi da amici o familiari comporta una serie di sfide. Anche quando tutti hanno le migliori intenzioni, la perdita di reddito derivante da un accordo commerciale fallito può rovinare le relazioni.

Se scegli di seguire questo percorso, ti consigliamo di fare tutto il possibile per mantenerlo professionale. Puoi offrire una proposta di investimento di qualità professionale come faresti con qualsiasi altro investitore e impostare i termini esatti dell’investimento per iscritto. In questo modo, dovrai affrontare meno rischi nel gestire comunicazioni errate.

Raccolta di fondi

Forse hai una rete piena di conoscenti e contatti disposti a contribuire alla tua impresa in piccole quantità. Non sottovalutare il valore di qualche centinaio di € 50, € 20 o persino € 10 impegni verso il tuo obiettivo generale di raccolta fondi. Quei soldi si sommano velocemente. E se la tua campagna di crowdfunding diventa virale, attirando l’attenzione della gente, le possibilità aumentano ulteriormente.

Come organizzare le finanze aziendali per poter permetterti il prestito

Le opzioni disponibili per finanziare la tua attività potrebbero farti sognare possibilità di crescita. Ma prima che tu possa andare avanti, è importante determinare il costo totale del tuo prestito e se puoi permettertelo . Dopo tutto, la pianificazione è una parte fondamentale della gestione delle finanze aziendali. Detto questo, ecco cosa devi sapere per analizzare l’accessibilità economica del tuo potenziale prestito per le piccole imprese.

Gestione dei pagamenti e dei piani di ammortamento

Ti consigliamo di assicurarti di aver compreso i termini del tuo prestito prima di firmare e utilizzare un piano di ammortamento del prestito in anticipo per determinare quali saranno i tuoi pagamenti. A seconda delle condizioni del prestito, è possibile che tu debba effettuare pagamenti mensili su capitale e interessi. Per alcuni prestiti, i pagamenti saranno un importo fisso ogni periodo, mentre altri fluttueranno nel corso della durata del prestito.

Calcola il rapporto di copertura del servizio di debito

In un contesto aziendale, il rapporto di copertura del servizio del debito (DSCR) è il rapporto di liquidità che un’azienda ha a disposizione per servire il proprio debito. I finanziatori utilizzano questo rapporto durante la revisione della domanda di prestito per determinare se la tua azienda può permettersi il prestito per cui hai richiesto.

Per calcolare la razione di copertura del servizio del debito, calcolare innanzitutto l’ EBITDA (utili prima di interessi, imposte, ammortamenti), quindi dividere quel numero per la somma degli interessi e delle scadenze attuali sul debito a lungo termine. Se stai cercando di richiedere un determinato prestito, calcola i termini del prestito per vedere come influisce sul rapporto di copertura del servizio di debito.

In genere, i finanziatori cercano un rapporto di almeno 1,25. Questo dimostra un “copertura” in modo che se hai un mese di vendite lento o una spesa imprevista, sarai ancora in grado di effettuare il pagamento del prestito. Se desideri essere più conservatore, punta a un prestito che ti lasci con un DSCR di 1,35 o anche 1,5.

Completa un’analisi delle prestazioni di prestito

Anche se tecnicamente puoi permetterti di effettuare pagamenti mensili su un prestito aziendale, ciò non significa sempre che assumere il prestito sia una buona idea per il futuro finanziario della tua attività.

Utilizzando queste informazioni sul prestito, inclusi l’importo, il tasso di interesse e la durata, nonché le informazioni di base sulle entrate della tua attività, puoi completare un’analisi delle prestazioni del prestito per stimare quando chiuderai il prestito, il tuo guadagno monetario futuro e redditività approssimativa del prestito con una durata di cinque o dieci anni. Se l’impatto sul tempo temporale preferito è redditizio, potrebbe essere una buona ragione per prendere il prestito.

Gestione delle finanze delle piccole imprese:
Conclusione

Indipendentemente dal tuo background, la gestione delle finanze aziendali può essere una delle parti più scoraggianti dell’imprenditoria.

Alla fine della giornata, tuttavia, è importante ricordare che la gestione delle finanze aziendali è un processo graduale: non devi diventare un esperto dall’oggi al domani e probabilmente imparerai nel modo più efficace man mano fai pratica con i  tuoi affari. In caso di dubbio, puoi consultare i cinque diversi pilastri di cui abbiamo discusso qui:

  • Separare le vostre finanze aziendali e personali
  • Gestione della contabilità generale e contabilità aziendale
  • Comprensione e pagamento delle tasse aziendali
  • Gestione dei punteggi di credito personali e aziendali
  • Comprensione delle opzioni di finanziamento della tua azienda

In definitiva, quando si tratta di gestione finanziaria — pianificare in anticipo, rivedere tutto a fondo e consultare un esperto quando necessario — sono tre mosse che puoi fare indipendentemente dall’aspetto delle tue finanze aziendali con cui hai a che fare.

 

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
0
Interessante
0
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa