Impresa

Pianificazione della successione aziendale: 5 modi per trasferire la proprietà della tua attività

La pianificazione della successione aziendale è una serie di decisioni logistiche e finanziarie su chi rileverà la tua attività in caso di pensionamento, decesso o disabilità. Per scrivere un piano di successione, il primo passo è identificare il successore ideale per rilevare l’attività, quindi determinare l’accordo migliore.

Esistono cinque modi comuni per trasferire la proprietà della tua attività:

  1. Comproprietario: vendere le tue azioni o quote a un comproprietario.
  2. Erede: passaggio generazionale di proprietà a un familiare.
  3. Impiegato chiave: vendere la tua attività a un dipendente chiave.
  4. Parte esterna: vendere la tua attività a un imprenditore esterno alla tua organizzazione.
  5. Azienda: per un’attività con più proprietari, puoi rivendere le tue azioni o quote ai tuoi soci, quindi distribuirli ai proprietari rimanenti.

Come funziona un piano di successione aziendale

Un piano di successione aziendale è un documento che ha lo scopo di guidare attraverso un cambio di proprietà fornendo istruzioni passo passo. Se si tratta di un acquisto, il prezzo di vendita e le condizioni di acquisto sono chiaramente delineati, alleviando lo stress per la famiglia del proprietario in partenza. Un piano di successione ben congegnato mira a beneficiare tutti: il proprietario uscente, l’azienda, i dipendenti e il successore.

Un piano di successione per le imprese dovrebbe includere quanto segue:

  • Una sequenza temporale della successione: dettagli sulle circostanze in cui si sarebbe verificata una successione e date specifiche applicabili.
  • I tuoi potenziali successori: un elenco di potenziali successori, inclusi i punti di forza.
  • Procedure operative formalizzate: una raccolta di documenti, procedure, manuali dei dipendenti e documentazione di formazione.
  • La valutazione della tua attività: la valutazione della tua attività dovrebbe includere il metodo con cui la stessa viene valutata ed occorre  aggiornala frequentemente.

Chi dovrebbe creare un piano di successione aziendale

I piani di successione sono comunemente associati al pensionamento; tuttavia, svolgono una funzione importante nelle prime fasi della vita aziendale: se accade qualcosa di imprevisto a te o a un socio, un piano di successione può aiutare a ridurre problemi e perdite monetarie. Con l’aumentare della complessità del business e del numero di persone interessate dall’uscita, cresce anche la necessità di un piano di successione ben stilato.

Dovresti prendere in considerazione la creazione di un piano di successione se:

  • Avere processi complessi: in che modo i tuoi dipendenti e successori sapranno come gestire l’attività una volta usciti? Come duplicherai la tua esperienza in materia?
  • Non fare affidamento solo su se stessi: chi interverrà per guidare i dipendenti, amministrare le risorse umane (HR) il libro paga, scegliere un successore e una struttura di leadership?
  • Avere clienti fidelizzati e contratti in corso: chi gestisce i clienti dopo la tua uscita, chi manterrà i rapporti e manterrà i contratti a lungo termine?
  • Avere in mente un successore: come sei arrivato a questa decisione, sono consapevoli e disposti ad assumersene la responsabilità?

Molti imprenditori ignorano la pianificazione della successione, perché non credono che sia necessario oppure rimandano finché non saranno pronti per andare in pensione. Per le piccole e medie imprese, potrebbe non essere necessario un piano di successione. Tuttavia, considera cosa accadrebbe alla tua attività se non fossi più in grado di eseguire le operazioni quotidiane. Chi subentrerebbe? L’attività sarebbe redditizia?

Quando creare un piano di successione per le imprese

Ogni azienda ha bisogno di un piano di successione per garantire che le operazioni continuino e che i clienti non subiscano interruzioni del servizio. Se non disponi già di un piano di successione per la tua impresa, dovresti redigerlo il prima possibile.

Sebbene tu non abbia intenzione di lasciare la tua attività, si potrebbero verificarsi uscite non pianificate. In generale, più un imprenditore si avvicina all’età della pensione, più urgente è la necessità di un piano. Gli imprenditori dovrebbero scrivere un piano di successione quando è in vista un trasferimento di proprietà, anche quando intendono mettere in vendita la loro attività, ritirarsi o trasferire la proprietà dell’azienda. Ciò garantirà che l’azienda operi senza intoppi durante la transizione.

I 5 tipi comuni di piani di successione

Esistono diversi scenari in cui un’azienda può cambiare proprietà. Il tipo di piano di successione creato può dipendere da uno scenario specifico. Potresti anche voler creare un piano di successione che affronti gli imprevisti, come malattia, incidente o morte, nel qual caso dovresti considerare se includere più di un potenziale successore.

Di seguito sono riportati in dettaglio i cinque tipi più comuni di piani di successione per le imprese.

  1. Vendere la tua attività a un comproprietario

Se hai fondato la tua attività con uno o più partner, potresti considerare i tuoi soci come potenziali successori. Molte società di persone redigono un accordo reciproco secondo il quale, in caso di morte prematura o invalidità di un proprietario, i restanti proprietari accetteranno di acquistare i propri interessi commerciali dai parenti più prossimi.

Questo tipo di accordo può aiutare ad alleviare il peso di una transizione inaspettata, sia per l’azienda che per i membri della famiglia. Un coniuge potrebbe essere interessato a mantenere le proprie quote, ma potrebbe non avere il tempo investito o l’esperienza per farlo fiorire. Un accordo di compravendita garantisce loro un equo compenso e consente ai restanti comproprietari di mantenere il controllo dell’attività.

Potenziali svantaggi

Un contratto di compravendita con un comproprietario richiede molto flusso di cassa a portata di mano. Il tuo socio dovrebbe essere pronto ad acquistare le tue azioni, in teoria, in qualsiasi momento. L’assicurazione sulla vita è relativamente poco costosa e può compensare molti costi in caso di morte del proprietario. L’assicurazione sulla vita permanente è un po’ più costosa con l’ulteriore vantaggio di un rimborso in caso di pensionamento o invalidità.

  1. Passare la tua attività a un erede

La scelta di un erede come successore è un’opzione frequenti per gli imprenditori, in particolare quelli con figli o familiari che lavorano nella loro organizzazione. È considerata un’opzione interessante per provvedere alla tua famiglia, consegnando loro le redini di un’impresa di successo e pienamente operativa. Passare la tua attività a un erede non è privo di complicazioni.

Alcuni passaggi che puoi eseguire per trasferire la tua attività a un erede senza problemi sono:

  • Determina chi subentrerà: questa è una decisione facile se hai già un membro unifamiliare coinvolto nell’attività, ma diventa più complicata quando più membri della famiglia sono interessati a subentrare.
  • Fornire istruzioni chiare: includere istruzioni su chi subentrerà e su come saranno compensati gli altri eredi.
  • Considera un accordo di compravendita: molti piani di successione includono un accordo di compravendita che consente agli eredi non attivi nell’attività di vendere le proprie azioni a coloro che lo sono.
  • Determinare la futura struttura di leadership: nelle aziende in cui sono coinvolti molti eredi e solo uno subentrerà, è possibile semplificare le discussioni future fornendo istruzioni chiare su come la struttura dovrebbe guardare al futuro.

Non riuscire ad affrontare questi passaggi può portare a una transizione caotica. Ad esempio, se una futura struttura di leadership non viene implementata e l’azienda passa a più di un erede, la conseguente lotta per il potere potrebbe avere un impatto negativo sull’azienda. In alternativa, ogni erede può presumere erroneamente che l’altro assumerà le responsabilità quotidiane.

Prima di poter dare istruzioni su chi assumerà la direzione dell’azienda, è necessario scegliere un futuro leader. È probabile che ciò sia complicato quando più di un erede è interessato a subentrare. Gli imprenditori possono fare riferimento ai contributi e alle responsabilità aziendali attuali dei potenziali eredi per aiutare nella scelta di un successore.

Potenziali svantaggi

Prendere decisioni aziendali all’interno di una famiglia può diventare complicato. Le emozioni possono essere elevate, soprattutto dopo una morte prematura o una disabilità. Inoltre, le aziende di seconda generazione raramente sopravvivono alla transizione, poiché spesso vengono vendute dal membro della famiglia che eredita o falliscono definitivamente. Solo il 30% circa mantiene lo stesso nome e proprietà a seguito di un’eredità.

Tutto sommato, questo dovrebbe far sorgere la domanda; l’eredità è anche l’idea migliore? Se il tuo successore è “esperto di affari “. In caso contrario, potresti prendere in considerazione la vendita della tua attività a un comproprietario, un dipendente chiave o un acquirente esterno.

  1. Vendere la tua attività a un dipendente chiave

Quando non hai un comproprietario o un familiare a cui affidare la tua attività, un dipendente chiave potrebbe essere il giusto successore. Considera dipendenti esperti, esperti di business e rispettati dal tuo personale, il che può facilitare la transizione. Il tuo organigramma può aiutarti in questo. Se sei preoccupato per il mantenimento della qualità dopo la tua uscita, un dipendente chiave è generalmente più affidabile di un acquirente esterno.

Proprio come la vendita a un comproprietario, un piano di successione dei dipendenti chiave richiede un accordo di compravendita. Il tuo dipendente accetterà di acquistare la tua attività a una data di pensionamento predeterminata o in caso di morte, invalidità o altre circostanze che ti impediscono di gestire l’attività.

Potenziali svantaggi

Uno svantaggio comune alla successione dei dipendenti chiave è il denaro. La maggior parte dei dipendenti non è nella posizione finanziaria per acquistare l’attività per cui lavora. Anche se lo sono, avere abbastanza liquidità a portata di mano è un’altra sfida.

Una soluzione è il finanziamento del venditore, in cui il tuo dipendente paga te (o la tua famiglia) nel tempo. In genere è previsto un acconto del 10% o superiore, quindi pagamenti mensili o trimestrali con interessi fino al completo pagamento dell’acquisto. I termini esatti del prestito dovranno essere negoziati e quindi stabiliti chiaramente nel piano di successione.

  1. Vendere la tua attività a una parte esterna

Quando non c’è un vero e proprio successore, gli imprenditori possono considerare se: c’è un altro imprenditore, o anche un concorrente, che acquisterà la tua attività? Per garantire che l’attività venga venduta per l’importo corretto, è necessario calcolare correttamente il valore aziendale e che la valutazione venga aggiornata frequentemente.

Questo è più facile per alcuni tipi di attività rispetto ad altri. Se possiedi un’attività come un ristorante con un buon direttore generale, il tuo compito è semplicemente dimostrare che è un buon investimento.

Nel frattempo, se possiedi una società immobiliare con il tuo nome, la vendita potrebbe essere potenzialmente più impegnativa. Gli acquirenti riconosceranno la necessità di rebranding e remarketing e, di conseguenza, potrebbero non essere disposti a pagare il prezzo pieno.

Invece, dovresti preparare la tua attività per la vendita con largo anticipo; assumere e formare un grande direttore generale, formalizzare le procedure operative e controllare tutte le proprie finanze. Rendi la tua attività il più stabile, in modo che sia più attraente e preziosa per gli acquirenti esterni.

Potenziali svantaggi

Uno dei principali svantaggi di un piano di successione delle vendite esterne sono gli imprevisti: è quasi impossibile prevedere esattamente cosa avrà in serbo il processo di vendita. Il processo di vendita di un’attività a una parte esterna è complesso e potrebbe incontrare ostacoli come: la tua attività non è così preziosa come ti aspettavi, mancanza di acquirenti credibili, la tua attività non è in grado di vendere affatto e altro ancora.

Considera l’outsourcing a un consulente aziendale in modo che tu possa concentrarti sulla gestione della tua attività e mantenerne il valore mentre i professionisti gestiscono la vendita. Oltre a prendersi cura di potenziali problemi, garantirà tutte le fasi del processo, inclusi la ricerca e il controllo degli acquirenti, la strutturazione del contratto, la preparazione dei documenti e la negoziazione dei termini. Inoltre saranno  in grado di dirti cose come: quanto vale la tua attività, se il prezzo di valutazione può essere aumentato e quanto tempo ci vorrà per vendere la tua attività.

  1. Vendere le proprie azioni alla società

La quinta opzione è disponibile per le aziende con più proprietari. Grazie al diritto di prelazione il titolare dell’azienda può vendere attraverso un “piano di acquisto di azioni”

Potenziali svantaggi

Nella maggior parte dei casi, in cui vendi le tue azioni a uno o più comproprietari. un acquisto è più redditizio dal punto di vista finanziario. Quando i comproprietari acquistano le azioni direttamente, ottengono un “aumento della base”, il che significa che la base del titolo viene rivalutata al prezzo corrente. Con l’acquisto di un’entità, la base originale rimane ei tuoi soci saranno responsabili per plusvalenze potenzialmente più elevate.

Nonostante questo inconveniente, gli acquisti di entità possono comunque essere vantaggiosi quando si dispone di un numero elevato di comproprietari.

Come creare un piano di successione

Sono necessari diversi passaggi chiave per creare un piano di successione per piccole imprese completo e diversi modi per creare il piano. Alcuni imprenditori possono scegliere di creare il proprio piano di successione, mentre altri potrebbero desiderare di avvalersi dell’aiuto di un professionista, a seconda della complessità del piano e dell’attività.

Sia che crei il tuo piano da solo o che coinvolga un professionista, i cinque passaggi per scrivere un piano di successione sono:

  • Determinazione della tempistica: definire quando deve avvenire la successione, in una data predeterminata o in caso di morte o invalidità.
  • Scegliere il tuo successore: se non si tratta di un acquisto da parte di una parte specifica, valuta la possibilità di scegliere tre o più potenziali candidati, compilando un profilo per ciascuno.
  • Formalizzazione delle procedure operative standard: documentare le procedure operative standard, inclusi un organigramma, il manuale del dipendente, il manuale delle operazioni e qualsiasi altra riunione o processo ricorrente.
  • Valorizzare la tua attività: esistono diversi metodi per valutare la tua attività. Dopo aver calcolato il valore della tua attività, dovrebbe essere aggiornato frequentemente.
  • Finanziamento del piano di successione: definire un percorso specifico che definisca le modalità con cui il successore acquisterà l’attività. Le opzioni includono assicurazione sulla vita, prestito e finanziamento del venditore.

Considerazioni finali

Sebbene molti esperti raccomandino di iniziare la pianificazione della successione da tre a cinque anni prima del pensionamento, non è mai troppo presto per iniziare. Sapere come passerà la tua attività, chi subentrerà e come saranno compensati gli eredi e i partner sono tutte chiavi per ridurre lo stress futuro in caso di partenza improvvisa di un proprietario.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa