Notizie

Il vero tasso di fallimento delle piccole imprese

Hai sentito che il 90% delle nuove imprese fallisce? O che il 50% delle nuove imprese fallisce? Rimani nel mondo dell’imprenditoria abbastanza a lungo e probabilmente ascolterai un ampio spettro di affermazioni, per lo più comprese tra questi due estremi.

Ma qual è il vero tasso di fallimento delle piccole imprese? E dovrebbero influenzare le tue decisioni di imprenditore?

Quello che sappiamo sul tasso di fallimento delle piccole imprese

Secondo i dati del Bureau of Labor Statistics, circa il 20% delle piccole imprese fallisce entro il primo anno. Entro la fine del secondo anno, il 30% delle aziende avrà fallito. Entro la fine del quinto anno, circa la metà avrà fallito. Ed entro la fine del decennio, rimarrà solo il 30% delle aziende, con un tasso di fallimento del 70%.

Naturalmente, dobbiamo accettare diversi avvertimenti in questi dati. Ecco alcune variabili comuni.

  • Definizione di fallimento. Questo studio si basa su un numero fisso di aziende segnalate. Se un’azienda non esiste più un anno dopo, viene considerata un “fallimento”. Ma potrebbero esserci ragioni del tutto valide per cui l’attività non esiste più. Il proprietario può essere interessato ad andare in pensione, ad esempio, e sceglie di chiudere l’attività piuttosto che cercare di venderla o passare la proprietà; non è giusto considerare questo come il fallimento dell’azienda.
  • Varianza annuale. Come ci si potrebbe aspettare, c’è una certa variazione di anno in anno, in base alle condizioni economiche. I dati sopra riportati si applicano alle imprese studiate dal 2007 al 2017 circa. Sembra che molte di queste percentuali rimangano relativamente coerenti; potremmo vedere il tasso di fallimento per un solo anno variare tra il 15 e il 25 percento, ma non è probabile che aumenti o precipiti. Ci sono alcune eccezioni a questo, il che ci porta al punto successivo.
  • Eventi anomali. I principali eventi anomali possono modificare in modo significativo il tasso di fallimento per le aziende, in meglio o in peggio. Ad esempio, la pandemia Covid-19 ha creato dure condizioni economiche per molti settori, inclusi bar, ristoranti, discoteche e artigiani e altre nicchie dipendenti da una stretta interazione fisica. Anche i grandi marchi internazionali hanno dichiarato bancarotta a causa del coronavirus. I tassi di fallimento sono eccezionalmente alti per il 2020, anche se non disponiamo ancora di tutti i dati.
  • Varianza del settore. Non sorprende che il tasso di fallimento varia in modo significativo da settore a settore. Le aziende e le organizzazioni sanitarie tendono ad avere un tasso di fallimento inferiore alla media poiché la domanda di servizi sanitari è elevata, costante e in costante aumento. All’altro estremo dello spettro, i tassi di fallimento per le attività di logistica e trasporto sono alti; presumibilmente, ciò è dovuto agli elevati costi di avvio e a un mercato competitivo. Nel mezzo ci sono aziende come società di SEO e altre società di marketing ; offrono bassi costi di avviamento, ma la domanda può variare a causa delle condizioni di mercato o dell’elevata concorrenza.
  • Salute aziendale. Le aziende possono sopravvivere anche quando si comportano in modo subottimale. Molte aziende “di successo” in questo rapporto potrebbero essere appese a un filo.

Perché il tasso di fallimento è importante

Alcune persone utilizzano statistiche sui fallimenti delle piccole imprese come strumento di scoraggiamento; vogliono mettere in guardia gli aspiranti imprenditori sui pericoli di avviare un’impresa. Ma c’è un modo più utile per studiare e imparare da statistiche come queste.

Per cominciare, il tasso di fallimento ti dà un’idea di come e quando le aziende tendono a fallire. Solo il 20% fallisce entro il primo anno ma il 50% fallisce entro i primi cinque anni. In altre parole, un ulteriore 30% delle imprese fallirà tra il 2 ° e il 5 ° anno, ovvero circa il 7,5% dell’importo iniziale all’anno. Se assumiamo una sorta di “morte per cause naturali” e prendiamo quella cifra del 7,5% come un tasso prevedibile di fallimento, possiamo presumere che circa il 12,5% delle aziende nel primo anno fallisca per mancanza di preparazione in un modo o nell’altro. Se sei più preparato dell’ultimo ottavo degli imprenditori, sei in salute.

Questo è utile anche per calcolare il rischio, soprattutto se applichi questo rischio alla tua vita personale. Tendiamo ad essere ottimisti quando valutiamo i nostri sforzi a  causa dell’effetto di eccessiva fiducia , ma le statistiche possono mantenerci realistici e pragmatici. Se ipotizziamo una possibilità di fallimento del 20% per la nostra attività nell’anno, dovremmo distribuire i nostri investimenti e il nostro tempo di conseguenza; dobbiamo bilanciare il nostro profilo di rischio per proteggerci in caso di fallimento.

Perché le persone sovrastimano il tasso di fallimento

Voglio anche riconoscere che ogni volta che le statistiche sui fallimenti sono travisate, di solito vengono gonfiate. In altre parole, le persone hanno la tendenza a esagerare il tasso di fallimento delle piccole imprese. Perché? Potrebbe essere un modo conservativo per ridurre le aspettative, o potrebbe giocare nel desiderio di scoraggiare gli aspiranti imprenditori. In ogni caso, dobbiamo essere cauti con le persone che affermano con sicurezza una banale “verità” sui proprietari di aziende.

Le piccole imprese falliscono un po’ spesso, al punto che fondamentalmente hai una possibilità 50/50 di sopravvivere. Ma è importante prendere le statistiche per quello che sono, capire il loro contesto e non permettere loro di scoraggiarti ingiustamente dal perseguire lo sviluppo della tua attività e considera che il rischio d’impresa esiste in tutti i settori.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
5
Interessante
5
Wow
5
Non ho capito..
1

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Notizie