Impresa

Qual è il presupposto della continuità aziendale?

Il presupposto della continuità aziendale prevede che un’impresa rimanga attiva a tempo indeterminato o almeno per anni.

Il principio della continuità aziendale ossia il fatto che un’azienda sia o meno un’impresa in continuità è uno dei presupposti importanti in base ai principi contabili, ad oggi è di maggiore interesse per gli imprenditori rispetto a dieci anni fa.

Ma cosa significa esattamente per un’attività essere un’impresa vigente? Qual è il presupposto della continuità aziendale? E come si applica il presupposto della continuità aziendale alla tua attività? Ecco tutto quello che c’è da sapere su questo importante principio contabile.

Qual è il presupposto della continuità aziendale?

Il presupposto della continuità aziendale sembra abbastanza semplice. Sotto il presupposto della continuità aziendale, ci si aspetta che un’impresa rimanga in attività a tempo indeterminato, o almeno per il prossimo futuro.

Ma questo non è il caso di tutte le attività. Visto che  ci sono imprenditori che intendono rimanere in attività solo per un breve periodo. A questo proposito, tutte le aziende dovrebbero essere preoccupate?

Bene, c’è di più nel presupposto della continuità aziendale rispetto ai piani dell’imprenditore per l’azienda. Se il presupposto della continuità aziendale fosse basato solo sulle intenzioni, quasi ogni azienda sarebbe un’azienda in continuità.

L’intento ha ben poco a che fare con il presupposto della continuità aziendale, quindi scaviamo più a fondo per definire questo principio contabile.

Per determinare se un’azienda è, di fatto un impresa valida, un contabile, in genere un revisore esterno, deve approfondire il bilancio dell’azienda.

È importante capire che per il resto di questo articolo, il termine “revisore dei conti” si riferisce a un contabile che è stato assunto per condurre una revisione completa (revisione) dei dati finanziari dell’azienda e presentare un rapporto sui risultati.

Molte aziende sono sottoposte a un audit esterno indipendente su base annuale o ricorrente per assicurarsi che i loro rendiconti finanziari rappresentino accuratamente la posizione finanziaria dell’azienda. Il termine “audit” non deve allarmare… è una parte normale dell’attività di molte aziende specialmente quelle strutturate con forme giuridiche come S.p.A. e S.r.l.

Quando un’impresa cessa di funzionare?

Un’impresa è considerata un’impresa in funzionamento fino a quando non vi sono prove significative del contrario. In particolare, un’analisi del bilancio dell’azienda deve mostrare che esiste una minaccia che l’azienda non possa adempiere ai propri obblighi finanziari entro i prossimi 12 mesi affinché un’azienda non sia più un’impresa in funzionamento. In tali casi, il revisore esprime un “parere negativo sulla continuità aziendale”.

Ci sono una serie di segnali di allarme che potrebbero indicare che un’azienda non è più un’impresa vigente:

  • Un rapporto corrente allarmante:  il rapporto corrente è il rapporto tra le attività correnti di un’azienda e le passività correnti. Un rapporto corrente inferiore a 1 indica che un’azienda non ha abbastanza liquidità e altre attività facilmente liquidabili (attività che possono essere convertite in contanti) disponibili per pagare le sue passività a breve termine.
  • Conti da pagare eccessivamente scaduti: la maggior parte delle aziende avrà debiti scaduti di volta in volta. Ma se una grande quantità del saldo dei debiti dell’azienda è scaduta o se gli importi scaduti superano i 90 giorni, potrebbe indicare che l’azienda sta diventando insolvente.
  • Incapacità di ottenere un prestito:  l’incapacità di un’impresa di ottenere ulteriori finanziamenti indica che i finanziatori hanno scarsa fiducia nella capacità dell’impresa di rimborsare l’obbligazione. Questo può essere un segnale di avvertimento che l’azienda potrebbe non essere un’azienda che possa continuare, almeno non per molto tempo.
  • Dipendenza dalle vendite scontate: la maggior parte delle aziende sconta i propri prodotti o servizi tal volta. Di per sé, questo non è un problema. Tuttavia, quando un’azienda inizia a fare molto affidamento sulle vendite scontate, può essere un segnale di pericolo.

Questi sono solo alcuni segnali di avvertimento che potrebbero allarmare un revisore. Nessun segno indica un destino imminente per un’azienda, ma se combinati, tra loro o con altri fattori, possono significare problemi per l’azienda come attività operanti.

Cosa significa un parere negativo sulla continuità aziendale?

Prima di tutto, questo non significa che la società cesserà di esistere. Un parere negativo sulla continuità aziendale significa semplicemente che il revisore sospetta che l’azienda dovrà chiudere per motivi finanziari entro i prossimi 12 mesi.

Il giudizio del revisore è riportato nella relazione annuale della società o è incluso nella sua relazione di revisione. Se un’impresa è una società quotata in borsa, verrà richiesto ai revisori di rivelare sul bilancio se lo stato di continuità aziendale di un’impresa è in dubbio. Questo viene fatto per proteggere gli investitori dal continuare a rischiare i propri soldi in un’attività che potrebbe non essere redditizia per molto tempo.

Le società private potrebbero anche scegliere di sottoporsi volontariamente a un audit esterno. A volte questo viene fatto su richiesta di un consiglio di amministrazione, e altre volte è fatto per rassicurare l’imprenditore che la contabilità è sana. Se il revisore trova prove significative che l’attività potrebbe non essere redditizia nel presupposto della continuità aziendale, deve comunicarlo nella sua relazione di revisione. Inoltre se i dati finanziari dell’azienda non vengono verificati, un contabile che ha dubbi sulla redditività dell’azienda dovrebbe rivelare tali preoccupazioni al proprietario dell’azienda.

Per ciò se il revisore esprime un parere negativo sulla continuità aziendale, ciò non significa che l’azienda fallirà definitivamente.
Devono essere presi in considerazione anche l’interpretazione della posizione dell’impresa da parte del team di gestione dell’impresa, nonché i piani che stanno facendo per garantire la continuità dell’impresa. Questi piani possono includere:

  • Vendere beni per pagare debiti e/o spese operative
  • Tagliare le spese per migliorare la posizione di cassa e redditività dell’azienda
  • Conferimenti aggiuntivi di capitale da parte di proprietari o azionisti.
  • Prendendo ulteriori finanziamenti (se questa è un’opzione) o ristrutturando il debito per evitare di liquidare la società.

In che modo un’opinione negativa sulla continuità aziendale influisce sull’attività

Se l’azienda ha investitori, un parere negativo sulla continuità aziendale potrebbe indurre tali investitori a vendere le proprie azioni della società. Gli investitori o altri azionisti potrebbero anche richiedere una valutazione aziendale per determinare il vero valore dell’azienda prima di prendere una decisione definitiva su come agire alla luce del parere negativo.

In caso l’azienda non abbia un’altra scelta che cessare le operazioni, il contabile potrebbe dover “svalutare” il valore dell’inventario dell’azienda o di altri beni che dovranno essere venduti alla chiusura dell’azienda.

La svalutazione del valore di queste attività, che sono note come attività deteriorate, riduce il valore complessivo della società e mostra il valore delle attività al loro valore di liquidazione. Il valore di liquidazione è sempre inferiore al valore delle attività nel bilancio di un’impresa in funzionamento.

In che modo il presupposto della continuità aziendale si applica alla tua attività?

È probabile che la tua attività non sia quotata in borsa o soggetta a controlli esterni di routine come parte del suo statuto. Ci si potrebbe chiedere come si applica il principio della continuità aziendale alla propria attività o se è necessario esserne consapevoli.

Solo perché la tua attività non è soggetta a requisiti di rendiconto con normative o regolamenti approvati da un consiglio di amministrazione non significa che il presupposto della continuità aziendale non si applichi anche a te. Il presupposto della continuità aziendale può anche darti un’idea di come i potenziali finanziatori o investitori stanno vedendo i rendiconti finanziari della tua azienda. Essere consapevoli di questo presupposto e di come si applica alla tua attività ti aiuterà a valutare la salute e la redditività complessive della tua impresa da un livello superiore.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
1
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa