Economia

Le 6 formule contabili più importanti che dovresti conoscere

Le formule contabili più importanti sono pratiche e intuitive e sono facili da ricordare e applicare.

Ricordi quando dovevi memorizzare decine di formule contabili per superare l’esame finale di matematica?

Fortunatamente, nel mondo reale, dovrai usare solo una frazione della matematica contabile che hai imparato a scuola.

Ecco le nostre prime sei formule per aiutarti a rimanere al passo con la tua contabilità per piccole imprese:

1. L’equazione di bilancio

Conosciuta anche come equazione contabile di base, l’equazione di bilancio spiega esattamente i risultati di bilancio. Questa equazione è:

Attività = Passività + Patrimonio netto

In altre parole:

Cosa possiedi (attività) = Cosa devi (passività) + I tuoi contributi o utili

non distribuiti nell’azienda (patrimonio netto)

Le formule contabili  sono importanti perché una volta che le capisci, puoi vedere a colpo d’occhio quanto è sana la tua attività.

Ad esempio:

supponiamo che il saldo dei tuoi conti bancari, più le tue altre attività (come computer, mobili, ecc.) e i tuoi crediti totalizzino € 15.000.

Questa è la parte “attività” del bilancio, o l’intera parte superiore di esso.

Ora, supponiamo che le tue passività totalizzino € 5.000. Questo è il totale di tutti i debiti che devi – carte di credito, linee di credito, conti da pagare, ecc.

Ciò significa che il tuo capitale ossia il totale dei tuoi contributi e profitti che non hai usato dall’attività sotto forma di estrazioni e distribuzioni – è di € 10.000.

Così tolto probabilmente hai un’attività sana e redditizia, supponendo che tu non stia contribuendo con grandi quantità di risorse all’azienda per tenerla a galla.

2. Rapporto corrente o rapporto di prova dell’acido

Questo importante concetto è in cima alla lista delle formule contabili importanti e ti dice quanto velocemente puoi pagare i tuoi debiti a breve termine. L’equazione è:

Attività correnti / Passività correnti = Rapporto corrente

Usando il nostro esempio sopra,

diciamo dei € 15.000 in attività totali, € 8.000 sono in attività correnti.

Un’attività corrente è denaro contante o qualcosa che può essere facilmente convertito in contanti, come i conti attivi e gli investimenti a breve termine.

LEGGI ANCHE  Come diventare imprenditore agricolo, le regole da seguire

Ora, diciamo, dei tuoi € 5.000 di passività, € 2.000 sono a breve termine.

Una passività corrente è un debito scaduto entro i prossimi 12 mesi.

I conti da pagare, i saldi delle carte di credito e le linee di credito a breve termine sono tutte passività correnti.

Usando la nostra equazione sopra, il rapporto corrente è 4

Attività totali € 8.000 / € 2.000 = 4

Ciò significa che hai quattro volte più attività correnti rispetto alle passività correnti, oppure potresti pagare il tuo debito a breve termine quattro volte prima di esaurire i contanti.

Idealmente, il rapporto corrente dovrebbe essere sempre maggiore di 1.

Un rapporto attuale troppo alto, tuttavia, può indicare che non stai gestendo il tuo capitale in modo efficiente e, di conseguenza, la crescita della tua attività potrebbe ristagnare.

3. Utile netto

Il reddito netto, o la linea di fondo, è una misura della redditività. L’equazione è: Entrate – Uscite = Utile Netto

Questa importante formula contabile ti dice a vista d’occhio se stai spendendo troppo in relazione alle tue entrate. È importante notare, tuttavia, che l’utile netto non equivale alla liquidità in banca.

I pagamenti sulle passività – i debiti che devi, che appaiono nel bilancio – non sono inclusi nell’equazione del reddito netto. Né lo sono i conferimenti di capitale, i prelievi e le distribuzioni, o l’acquisizione di attività.

L’equazione del reddito netto, quindi, ti mostra quanto siano redditizie le operazioni della tua azienda, ma non quanto sia sano il tuo flusso di cassa.

4. Costo della merce venduta

Naturalmente il costo delle merci vendute deve far parte della nostra lista di importanti formule contabili. La maggior parte dei sistemi di contabilità e punti vendita calcola il costo delle merci vendute al posto tuo. Tuttavia, a volte diventa necessario effettuare manualmente questo calcolo.

La formula per il costo delle merci vendute è:

Valore iniziale dell’inventario + Acquisti di inventario – Valore dell’inventario finale = Costo delle merci vendute

Esempio:

Supponiamo che tu possieda un deposito di legname. All’inizio del mese, avevi 10.000 2×4 nel tuo cortile, del valore di € 2 ciascuno. Ciò significa che hai iniziato il mese con € 20.000 di 2×4. Nel corso del mese, hai acquistato 5.000 2×4, di nuovo a € 2 ciascuno. Questo è un valore di € 10.000 di 2×4.

LEGGI ANCHE  Maurizio Ambrosio partecipa all'incontro

Alla fine del mese, conti i tuoi 2×4 e ne rimangono 8.000. Poiché il costo dei 2×4 non è cambiato, hai € 16.000 di 2×4.

Collegando questi numeri all’equazione, è possibile calcolare il costo delle merci vendute:

€20.000 + €10.000 – €16.000 = €14.000

Pertanto il costo delle merci vendute per il mese è stato di € 14.000.

Ora puoi utilizzare il tuo costo del numero di beni venduti e il tuo numero di vendita totale per determinare il tuo profitto lordo.

5. Profitto lordo e margine di profitto lordo

Ecco un altro concetto da ricordare, che rende la nostra lista di formule contabili importanti.

Il profitto lordo è la differenza tra il reddito totale delle vendite e il costo dei beni venduti:

Vendite – Costo dei beni venduti = Profitto lordo

Ricordi quei 2×4 che avevi nel tuo deposito di legname? Supponiamo che le tue vendite totali di 2×4 per il mese scorso siano state di € 21.000. Abbiamo già calcolato il costo delle merci vendute sopra, in modo da poter determinare facilmente il tuo profitto lordo:

€ 21.000 – € 14.000 = € 7.000

Il tuo profitto lordo il mese scorso è stato di € 7.000.

Ora, calcoliamo il tuo margine di profitto lordo:

Profitto lordo / Vendite = Margine di profitto lordo

O:

€7.000  / € 21.000 = 33  

Il tuo margine di profitto lordo è del 33%. 

Come puoi vedere, tutto ciò che puoi fare per aumentare il tuo profitto lordo aumenta il tuo margine di profitto. Inoltre l’aumento del margine di profitto lordo ha un impatto diretto sul reddito netto.

Aumentare il margine di profitto lordo diminuendo il costo delle vendite ti consente di aumentare la redditività della tua azienda senza aumentare le vendite.

Ad esempio, facciamo finta che il costo dei beni venduti il mese scorso sia stato di € 13.000 invece di € 14.000. Ciò renderebbe il tuo profitto lordo € 8.000 e il tuo margine di profitto lordo su € 21.000 nelle vendite del 38% invece del 33%.

LEGGI ANCHE  Tipologie di due diligence e quando eseguirle

6. Break-Even point

Questa formula ti dice quanto del tuo prodotto o servizio devi vendere per coprire i costi operativi. Questa equazione richiede un po’ più di lavoro per calcolare, ma è una delle formule contabili più importanti che puoi utilizzare nella tua attività. Calcola il tuo break even point come segue:

Costi fissi / (Prezzo di vendita unitario – Costo variabile per unità) =

Break-Even Point

I tuoi costi fissi sono le tue spese di gestione, ricorrenti e prevedibili come affitto, buste paga, utenze, ecc., Sono tutti costi fissi.

Il prezzo di vendita per unità è il prezzo di vendita del prodotto o servizio.

Il tuo costo variabile per unità è fondamentalmente il costo dei beni venduti. Questa non è la definizione esatta, ma l’utilizzo del costo delle merci vendute generalmente ti porterà abbastanza vicino.

Tornando al nostro esempio di prima, diciamo che affitto, buste paga, utenze e tutti gli altri costi operativi ammontano a € 6.000 / mese. Vendi i tuoi 2×4 a € 3 per scheda e sai che il costo delle merci vendute è di € 2 per unità. Il tuo punto di pareggio, quindi, è:

€6,000 / (€3 – €2) = 6.000 unità

Pertanto, devi vendere 6.000 2×4 per raggiungere il pareggio per il mese.

Puoi anche calcolare il tuo punto di pareggio in euro:

Prezzo di vendita per unità x Punto di pareggio in unità = Punto di pareggio in euro €3x 6.000 = €18.000

Quindi, hai bisogno di € 18.000 di vendite per raggiungere il pareggio per il mese.

Perché è importante conoscere il tuo break-even? Nel momento in cui superi il tuo punto di pareggio, la tua attività diventa redditizia. Per i 2×4 nel tuo deposito di legname, ciò si verifica quando vendi il tuo 6.001 ° 2×4 in un mese o dopo aver superato € 18.000 in vendite 2×4.

Queste sono le formule contabili più importanti da ricordate per poter avere sotto controllo contabile e produttivo la tua attività.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
2
Interessante
1
Wow
1
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia