Economia

Cosa sono i Venture Capitalist?

I venture capitalist sono investitori che forniscono finanziamenti a startup o piccole imprese che stanno cercando di espandersi. Le società beneficiarie sono generalmente considerate con un elevato potenziale di crescita, ma gli alti rischi di fallimento che accompagnano il potenziale rendimento rendono difficile o costoso per loro ottenere prestiti dalle banche.

I venture capitalist, che sono disposti a sopportare rischi maggiori per rendimenti più elevati, investono nelle società in cambio di una quota azionaria. Possono essere ricchi investitori, banche di investimento e altre istituzioni finanziarie.

start up venture capitalist - Cosa sono i Venture Capitalist?

Una startup che attrae venture capitalist generalmente sviluppa o possiede una tecnologia innovativa o un modello di business. Una delle competenze più importanti dei venture capitalist è la capacità di identificare il potenziale di crescita dell’innovazione. Partecipano inoltre alla gestione delle società in cui investono possedendo una quota di partecipazione significativa.
Diversamente dagli investitori in generale, i venture capitalist non solo forniscono finanziamenti di capitale, ma offrono anche una gestione esperta e supporto tecnico alle startup per aumentare le loro possibilità di successo. Per quanto riguarda tali caratteristiche, i venture capitalist hanno un patrimonio netto più elevato e adottano un orizzonte di investimento più lungo e rapporti più stretti con le società partecipate, rispetto agli investitori del mercato pubblico generale.

Ciclo di finanziamento all’avviamento

La principale differenza tra venture capitalist e investitori di private equity è la fase in cui si trova la società partecipata. In generale, un venture capitalist investe nelle società nelle loro fasi iniziali, poiché un investitore di private equity investe in società mature con flussi di cassa relativamente stabili.

LEGGI ANCHE  Che cos'è il prodotto interno lordo (PIL)?

Il ciclo di finanziamento di una startup si compone di cinque fasi. Inizia con il capitale iniziale investito dai fondatori stessi, dalla famiglia e dagli amici. Quando il capitale di avviamento è limitato, la startup cerca investimenti da angel investor. Il finanziamento viene utilizzato principalmente per la ricerca e lo sviluppo e la formazione del team nella fase del capitale di avviamento.

Quando l’azienda passa alla produzione e alla vendita (la fase iniziale), è il momento in cui iniziano a entrare i venture capitalist. In questa fase, i venture capitalist affrontano rischi molto inferiori rispetto agli investitori nella fase precedente, poiché la società ha iniziato a generare ricavi e flussi di cassa dalle proprie vendite. Tuttavia, il rischio di fallimento è ancora considerevole.

La fase successiva è quando l’azienda è alla ricerca di crescita ed espansione. Anche i venture capitalist investono in questa fase e il rischio è persino inferiore rispetto alla fase iniziale. Se l’azienda riesce a sopravvivere a tutte le fasi con successo, può raggiungere il mercato azionario pubblico attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO) . I venture capitalist possono così guadagnare rendimenti vendendo le loro azioni ad altri investitori.

Strategie di uscita da venture capitalist

Il processo che consente ai venture capitalist di realizzare i propri rendimenti è chiamato “uscita”. I venture capitalist possono uscire in diverse fasi e con diverse strategie di uscita. Una decisione corretta su come e quando uscire influisce in modo significativo anche sul ritorno dell’investimento.

1. Mercato secondario

Prima che la società diventi pubblica, i venture capitalist che hanno investito nella fase precedente possono vendere le loro partecipazioni a nuovi investitori durante le fasi successive. Poiché le azioni non sono state emesse nelle borse pubbliche, le negoziazioni avvengono nel mercato secondario del private equity.

LEGGI ANCHE  Come aprire un’azienda agricola biologica

2. Riacquisto di azioni proprie

I nuovi investitori possono essere altri venture capitalist, investitori di private equity o acquirenti. Oltre ai nuovi investitori, le azioni possono anche essere riacquistate dalle società partecipate, operazione chiamata “riacquisto”.

3. Offerta pubblica iniziale (IPO)

Se la società funziona bene e si sta muovendo verso un’offerta pubblica inziale, i venture capitalist possono adottare la strategia dell’IPO vendendo le loro porzioni di azioni nel mercato aperto dopo l’IPO. Di solito c’è un periodo di lock-up dopo l’offerta iniziale in cui gli addetti ai lavori (compresi i venture capitalist) non sono autorizzati a vendere le loro azioni. Serve a prevenire un calo del prezzo delle azioni a causa di un gran numero di azioni che si riversano nel mercato. La durata del periodo di lock-up è specificata nel contratto.

La liquidazione è una forma di uscita involontaria per i venture capitalist. Succede quando la società fallisce e deve pagare i suoi ricorrenti distribuendo i suoi beni, che è una situazione molto sfavorevole per i venture capitalist. La preferenza di liquidazione è specificata nel contratto, che dà l’ordine di pagare i ricorrenti. È uno dei termini più importanti a cui i venture capitalist devono prestare attenzione.

Venture capital vs investitori di private equity

Sebbene i venture capital e i private equity siano entrambi attivi nel mercato del private equity investendo e uscendo da società attraverso finanziamenti azionari, esistono ancora differenze significative tra i due tipi di investitori.

1. Tipologia di società partecipate

Una delle principali differenze è il tipo di società partecipate. Gli investitori in private equity di solito acquistano società mature che potrebbero deteriorarsi di valore a causa di una gestione inefficiente. Le società partecipate non si limitano a quelle private, poiché gli investitori di private equity possono anche acquisire il controllo di società pubbliche e prenderle come private.
D’altra parte, i venture capitalist prendono di mira le startup che dimostrano un potenziale di crescita significativo con tecnologie innovative ma richiedono un finanziamento di capitale. Le società sono tutte private e di piccole dimensioni.

LEGGI ANCHE  MOL Margine Operativo Lordo: cos’è e come si calcola

2. Dimensione della quota di proprietà

Un’altra differenza fondamentale è che gli investitori di private equity di solito acquisiscono il 100% della proprietà delle società target tramite leveraged buyouts (LBO) , finanziando il costo di acquisizione con una parte significativa del denaro preso in prestito.

Tuttavia, i venture capitalist generalmente acquistano non più del 50% della società partecipata, principalmente attraverso il solo capitale. Consente loro di diversificare i propri investimenti in varie società per distribuire i rischi.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
2
Interessante
2
Wow
2
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altro in:Economia