Impresa

Vendita ristorante: come stimarne il valore

 

Se sei atterrato su questo post probabilmente stai pensando di vendere il tuo ristorante e desideri saperne di più. Una delle prime cose che ci si chiede, quando si vuole cedere la propria attività, è quanto possa valere. Scopriamo insieme cosa significa calcolarne il valore.

Prima di ogni cosa sappi che il tuo ristorante non varrà mai quanto pensi, se lasci spazio all’emotività. Incontriamo ogni giorno imprenditori per i quali la propria impresa o attività commerciale ha un valore ben lontano da quello reale. Le stime sono falsate un po’ perché non si conosce il mercato ma soprattutto, nella maggior parte dei casi, perché i clienti nel valutarlo ci mettono il cuore.

Acquistare o vendere un ristorante – Quanto vale?

Quanto vale? Quanto sono disposto a pagare? Quanto posso ottenere? Queste sono le domande frequenti che ruotano attorno a quasi tutto ciò che facciamo. Nella maggior parte dei casi il valore di qualcosa si basa su un’analisi comparativa.

Hai una nozione preconcetta del loro valore e lo usi come punto di partenza prima di esaminare proposte di valore aggiuntivo.

Il valore di un ristorante è un insieme di numeri e influenze qualitative. Ci deve essere un incontro fra le parti sui benefici misurabili che danno valore all’acquirente e al venditore. La migliore descrizione che si sia mai sentita è che “il valore è un’allucinazione concordata di comune accordo”. Due parti devono raggiungere una posizione concordata per far funzionare una transazione.

Per svelare il mistero del vero valore del ristorante hai bisogno di un punto di partenza logico per farlo: acquirenti e venditori devono creare una transazione “win – win” o non accadrà mai.

Il “valore equo di mercato” si basa spesso su un multiplo di utili annuali spesso misurati al lordo di imposte, ammortamenti o “EBITDA”. Nel settore della ristorazione è molto raro che un singolo proprietario riferisce accuratamente i propri guadagni, quindi questo numero è spesso illusorio.

Le aziende, i ristoranti e i negozi, vanno quotati di caso in caso considerando tantissimi elementi.

Per determinare tale punto di partenza, si utilizzano le vendite medie annuali registrate, quindi si calcola un prezzo di acquisto compreso tra il 20 e il 40% di tale numero. Questa valutazione si adegua a seconda di una serie di variabili importanti. Tra questi ci sono:

  • Qualità dell’ubicazione, visibilità, parcheggio, struttura e attrezzatura.
  • Clausole del contratto di locazione – rimarrai bloccato con questo per molto tempo.
  • Venditori disposti a finanziare.
  • Venditori desiderosi di vendere.
  • Valore del marchio – una buona reputazione che può essere continuata – o no.
  • Esistenza di influenze esterne che potrebbero aggiungere o sminuire il valore del ristorante

Unitarietà dei beni

Per calcolare il valore reale della tua attività non guardare ai singoli beni che la compongono piuttosto al loro insieme. Come sai sono stati organizzati per creare un valore aggiunto ovvero per farla funzionare. È quello che va stimato.
Parliamo di beni mobili ed immobili ma anche delle relazioni con il personale e i clienti, delle scelte imprenditoriali volte a far fruttare l’impresa, delle posizioni attive e passive. Considera, inoltre, fattori interni ed esterni che influenzano il prezzo di vendita ristorante e del suo acquisto, nonché i movimenti sul mercato.

Il potere di domanda e offerta

Ricordati di distinguere tra valore dell’impresa e prezzo. Così come avviene per i prodotti, anche i costi delle aziende variano in base alla domanda e all’offerta presenti sul mercato.

I passi da seguire, in battuta iniziale, saranno due:

  • valutazione del ristorante;
  • determinazione del prezzo di vendita.

La valutazione ti aiuterà:

  • a distribuire con correttezza le quote tra gli eventuali proprietari ed azionisti;
  • ad evitare la sopravvalutazione.

Troppi imprenditori stabiliscono prezzi di cessione altissimi, totalmente fuori mercato – per questa ragione non trovano acquirenti. Se il prezzo di vendita è esagerato il potenziale investitore si troverà a un alto rischio di fallimento: chi farebbe mai un errore del genere?

Vendita ristorante: una stima oggettiva

Per non fare passi falsi e raggiungere l’obiettivo – vendere il tuo ristorante – la valutazione andrà eseguita seguendo criteri oggettivi e sicuri. Andranno considerati il fatturato, l’entità degli utili, la crescita che ha avuto nel tempo il patrimonio, la suddivisione delle quote, le innovazioni, la dimensione dell’attività. Persino la situazione finanziaria del proprietario influenzerà la stima.

Ci sono, infine, altri elementi fondamentali come:

  • avviamento
  • reputazione
  • storia del ristorante

Sulla base della nostra esperienza ti consigliamo di evitare errori di valutazione che potrebbero mandare in fumo i tuoi progetti o rallentarli enormemente. Un consulente esperto in compravendita di aziende e attività commerciali può seguirti durante tutto l’iter necessario a vendere il tuo ristorante: dalla valutazione alla ricerca del compratore alla stipula del contratto.

Qual è il valore del tuo ristorante? I quattro principali fattori nella valutazione dell’attività di ristorazione

Ora sei pronto per vendere. Quando si tratta di valutare il tuo ristorante, tuttavia, l’attaccamento alla tua attività potrebbe offuscare la tua capacità di valutare adeguatamente la tua attività e metterla sul mercato. Se questo è il tuo caso, può essere estremamente utile dare uno sguardo imparziale a esattamente quali fattori determinano la valutazione della tua attività.

Diamo uno sguardo ai principali fattori che devi considerare quando assegni un valore al tuo ristorante:

  1. Costo delle risorse: probabilmente hai accumulato molte attrezzature nel tuo ristorante e quando sarai pronto per venderlo, dovrai determinare se tutte queste risorse andranno con esso. In tal caso, dovrai determinare quanto hai investito. Anche se non puoi sperare di recuperare la totalità del tuo investimento, le condizioni e il valore di questi macchinari e attrezzature devono essere considerati nel prezzo finale.
  2. Età del ristorante: da quanto tempo il tuo ristorante è in attività e quanti di quegli anni è stato redditizio, questo dovrebbe avere un impatto sul prezzo. Per alcuni acquirenti, una nuova attività, anche se apparentemente redditizia, può sembrare una proposta più rischiosa di un ristorante affermato con una lunga e comprovata esperienza. Al contrario, una nuova attività di successo può essere attraente, in particolare se sta capitalizzando una tendenza che probabilmente rimarrà (un ristorante sano e delizioso dal concetto di trattoria, per esempio).
  3. La clientela :  qualsiasi attività commerciale non è nulla senza clienti, e questo è particolarmente vero per i ristoranti. I clienti fedeli sono i tuoi più grandi sostenitori e il tuo strumento di marketing più efficace. Se hai una base di clienti consolidata, questo può essere molto allettante per un potenziale acquirente che sta cercando di mantenere lo stesso modello di business, menu e personale.
  4. L’economia :  il mercato ha un impatto significativo sulla valutazione del tuo ristorante. In un’economia in ribasso, un ristorante popolare potrebbe valere meno di una volta. Questa può essere una pillola difficile da ingoiare come venditore, ma devi ricordare ancora una volta che è improbabile che il tuo acquirente abbia un attaccamento emotivo alla tua attività o che si preoccupi molto dei “bei vecchi tempi”. D’altra parte, un’economia in forte espansione può consentirti di ottenere un prezzo molto più alto.
Prospettiva dell’acquirente

Dal punto di vista dell’acquirente, ci sono generalmente diversi approcci che adottano per determinare quanto sono disposti a pagare per il tuo ristorante. Ecco una breve panoramica e poi esamineremo i metodi che puoi utilizzare per attribuire un valore alla tua attività di ristorazione.

Approccio al reddito in questo scenario, un acquirente ha in mente il proprio concetto e menu ed è principalmente interessato a dispositivi e attrezzature, locazione, miglioramenti su beni di terzi e licenze commerciali. Il prezzo per un acquisto di risorse in loco si basa sul rapporto tra il prezzo di vendita e il giro d’affari. Quindi, se il tuo ristorante genera € 500.000 di giro d’affari e il prezzo di vendita è di € 150.000, il prezzo di vendita sarebbe circa il 30% del giro d’affari annuale. La maggior parte degli acquirenti che adottano questo approccio sono esperti nel mercato e hanno sviluppato un senso del valore corretto ed equo delle attività basate su attività simili comparabili.

Continuità operativa : Con questo metodo, i potenziali acquirenti sono generalmente interessati a mantenere il modello di business esistente, inclusi il nome, il menu e persino le stesse procedure operative e il personale. Questo metodo include il contratto di locazione, le migliorie su beni di terzi, gli impianti e le attrezzature e il flusso di cassa come parte della vendita. Il metodo di valutazione principale utilizzato in continuità operativa è il metodo del flusso di cassa. A tal fine, l’utile netto sulla dichiarazione delle spese viene rettificato aggiungendo alcune spese al reddito netto, comprese le tasse sui salari, lo stipendio del personale, i premi dell’assicurazione sanitaria, l’ammortamento e l’ammortamento, per citarne alcuni. Alcune spese non ricorrenti come le spese legali possono anche essere aggiunte all’utile netto in questo scenario.

Prospettiva del venditore

Ora, diamo un’occhiata ai metodi comuni che puoi utilizzare per rimuovere l’emozione e impostare un valore equo e accurato.

  1. Valutazione basata sul reddito: questo approccio si basa sull’ammontare del reddito che un’azienda genererà per i suoi nuovi proprietari. Una volta determinato il valore iniziale, è quindi necessario stimare quanto varrà il tuo ristorante in futuro. La determinazione di entrambi questi valori richiede in genere l’esperienza di professionisti.
  2.  Valutazione basata sul mercato: questo metodo dà più peso al potenziale del tuo ristorante rispetto ai suoi guadagni attuali. Questo può essere un metodo efficace se la tua attività è più recente o se hai acquistato la tua attività all’inizio di una tendenza che sta rapidamente decollando. Utilizzando questo metodo, il prezzo del tuo ristorante è basato sul suo valore in un mercato aperto e competitivo messo a confronto con altri ristoranti in vendita.
  3.  Valutazione basata sul patrimonio: questo metodo è molto semplice e c’è poco spazio per considerare ciò che può o non può accadere in futuro. Con la valutazione delle risorse, stai esaminando solo i fatti concreti su ciò che sta accadendo nel tuo mercato e nel tuo ristorante in questo momento. In questo metodo, il valore viene impostato in base agli attivi del ristorante meno le passività. Ad esempio, se i tuoi beni ammontano a € 150.000 e i debiti correnti ammontano a € 40.000, il prezzo richiesto sarebbe a € 110.000. Questo è spesso lo scenario migliore se stai solo cercando di uscire rapidamente dalla tua attività senza ottenere un grande profitto.

Gioca d’anticipo

Se prevediamo in anticipo l’opinione che i potenziali acquirenti si faranno della tua attività, potremo vendere a un prezzo vantaggioso per te e la controparte.
Fai attenzione: non esiste una formula standard per valutare un’impresa per cui ti è necessario un giudizio oculato e soprattutto esperto.

Quando arriva il momento di vendere il tuo ristorante, ci sono molti fattori tangibili e intangibili. Il tuo ristorante è unico e, anche se sei pronto a vendere, quella connessione emotiva può rendere estremamente difficile stabilire un prezzo accurato e fattibile. Scrivici o chiamaci adesso e capiamo insieme se possiamo aiutarti.

NON PERDERTELO!
Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere sempre aggiornato gratuitamente sulle ultime novità per la tua impresa.

 

Invalid email address
Iscriviti, è gratis e non ti invieremmo mai spam. Iscrivendoti accetti la nostra privacy policy.

Cosa ne pensi?

Fantastico
5
Interessante
5
Wow
4
Non ho capito..
0

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in:Impresa